11 novembre 1965, quando La Pira incontrò Ho Chi Minh ad Hanoi

Hanoi 1965, Giorgio La Pira e Mario Primicerio, il primo sulla destra – Foto Fondazione La Pira
da AVVENIRE
12 novembre 2020
L’anniversario.

11 novembre 1965,

quando La Pira incontrò Ho Chi Minh ad Hanoi

Vincenzo Grienti
Il giovane professore Mario Primicerio accompagnò nel viaggio il “sindaco santo”: oggi racconta ad Avvenire cosa accadde e come si concluse il colloquio di tre ore
Il colloquio tra Giorgio La Pira e Ho Chi Minh durò tre ore. Nella lingua locale Ho Chi Minh significa “colui che illumina”. Ho Chi Minh aveva 75 anni nel 1965 e la sua vita l’aveva spesa per fare del Vietnam una nazione unita e libera. Era vissuto negli Stati Uniti e poi per molti anni a Parigi. Dopo la Seconda guerra mondiale, dal 1946, aveva guidato la guerra contro la Francia e si batteva per l’unificazione del Paese, contro Saigon e le forze armate americane. È in questo contesto che si inserì l’attività di Giorgio La Pira e Mario Primicerio, allora giovane professore di matematica all’Università di Firenze accompagnò il “sindaco santo” di Firenze. Era l’11 novembre del 1965.
“Fu un incontro che venne a coronare un paziente lavoro di approfondimento, svolto da La Pira a Firenze, sui fatti e i documenti relativi al conflitto vietnamita, accompagnato da una fissa tessitura di rapporti con esponenti e leader politici a livello internazionale – racconta Mario Primicerio ad Avvenire -. Così era giunto a La Pira l’invito a recarsi di persona ad Hanoi; un invito che era stato invano sollecitato da personalità politiche di alto rango, come una delegazione di primi ministri dei paesi del Commonwealth britannico. Ma quale era lo scopo di La Pira? Accertare le condizioni alle quali i vietnamiti sarebbero stati disposti ad aprire una trattativa che mettesse fine alla guerra – prosegue Primicerio -. Gli Stati Uniti infatti affermavano di essere pronti a trattare ma che la cosa era resa impossibile dalla richiesta vietnamita di un preliminare ritiro di tutte le truppe americane presenti sul territorio”. A quel tempo si trattava di più di 250.000 uomini statunitensi. Di fatto questa richiesta non era esplicitamente presente in nessuno dei documenti ufficiali vietnamiti, anche se non era mai stato affermato il contrario.
“Ebbene, ciò che La Pira espresse ad Ho Chi Minh e al premier Pham Van Dong era la possibilità di giungere ad un negoziato anche in presenza di truppe americane in Vietnam – sottolinea Primicerio – purché Washington dichiarasse preliminarmente il suo impegno al ritiro di tutti i suoi contingenti una volta che la trattativa avesse reso possibile una transizione politica nella quale tutti i vietnamiti avrebbero potuto liberamente scegliere la soluzione istituzionale per il proprio paese, cosa che del resto era prevista dagli accordi di Ginevra che nel 1954 avevano determinato la chiusura della guerra contro il colonialismo francese”.
E fu proprio su questo punto che ci fu l’assenso dei dirigenti vietnamiti, a una sola condizione: “Che cioè questa loro disponibilità fosse comunicata all’amministrazione statunitense in via riservata e non pubblica – riflette il professore fiorentino – e questo era un punto essenziale, ed in fondo la stessa ragione per cui era stato invitato La Pira, perché una dichiarazione pubblica in questo senso avrebbe significato una sorta di resa e quindi avrebbe posto i vietnamiti in condizione di inferiorità al tavolo delle trattative”.
La condizione fu puntualmente onorata: “Io stesso – ricorda Primicerio – a cui era stata offerta la straordinaria opportunità di accompagnare La Pira in quel viaggio e a quel colloquio, fui inviato a New York ad informare direttamente Amintore Fanfani, che era in quell’anno presidente dell’Assemblea Generale dell’Onu dell’esito dei colloqui”. Una circostanza, il fatto che Fanfani fosse presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (dal 1965 al 1966) che chiaramente non era sfuggita ai responsabili vietnamiti. Fanfani, sempre riservatamente, riferì i risultati ai responsabili dell’amministrazione guidata dal presidente Usa Lyndon Johnson.
“Poche settimane dopo, però, tutta la vicenda fu pubblicata sul St. Louis Post Dispatch, rendendo così impossibile l’apertura dei negoziati, a cui si giunse tanti anno dopo, e alle stesse condizioni che tramite La Pira erano state offerte – aggiunge Mario Primicerio -. Chi provocò questa fuga di notizie? Non ci sono evidenze certe ma è sicuro che ne profittarono i “falchi” dell’amministrazione statunitense, cioè coloro che si illudevano che avrebbero potuto risolvere la situazione vincendo la guerra” e che, con questo scopo, avrebbero inutilmente fatto salire fino a 600.000 il numero dei militari stranieri impegnati nel conflitto. “Ma, come scriveva don Primo Mazzolari già nel 1955 – conclude Primicerio -: chi pensa di difendere con la guerra la libertà si troverà in un mondo senza nessuna libertà”.

Il libro di Mario Primicerio – Foto Fondazione La Pira
Sullo storico viaggio ad Hanoi Primicerio ha scritto anche un libro dal titolo Con La Pira in Viet Nam (Polistampa, 2015). Si tratta di un diario quotidiano in cui Primicerio riporta alla memoria le attese e le speranze di un viaggio che da Varsavia, passando per Mosca e Pechino, lo condusse con La Pira all’11 novembre all’incontro con Ho Chi Minh.
Le relazioni diplomatiche che La Pira instaurò con Ho Chi Minh sollevarono dubbi e perplessità in molti ambienti politico-internazionali, non solo italiani. Si stava dialogando con un rivoluzionario e con un comunista. E questo in piena “guerra fredda” con il mondo diviso in due blocchi contrapposti poteva far discutere. Ho Chi Minh godeva dell’appoggio dell’Unione Sovietica dove nel 1923 si era recato come delegato al congresso internazionale dei contadini. In URSS ci restò per qualche tempo e diventò agente del Komintern (Kommunističeskij internacional), l’internazionale comunista, nell’Asia del sud-est. Inoltre combatté nell’Indocina francese durante la rivolta militare di Yen-bay dal 1928 al 1930 per poi essere imprigionato dagli inglesi a Hong Kong fino al 1938 e allo scoppio del secondo conflitto mondiale. Infine, quando nel 1941 la Germania nazista invase l’Unione Sovietica organizzò la guerriglia in Indocina contro gli invasori Giapponesi, alleati con Germania e Italia. A conclusione della guerra, nell’agosto 1945 organizzò il partito del Viet-minh, operante in tutto il paese contro i francesi e il 26 agosto fu proclamato presidente della Repubblica del Vietnam del Nord sostenendo l’azione dei Viet-cong contro il governo di Saigon appoggiato dagli USA.
Nella geopolitica lapiriana, però, i sogni si potevano avverare e attraverso il dialogo, con la forza della preghiera e della fede, era possibile applicare quella diplomazia della pace che andava oltre gli interessi, grandi e piccoli, di Stati e Nazioni. La guerra per La Pira andava fermata in nome dell’appartenenza alla stessa famiglia umana e della fratellanza tra i popoli.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi