Omelie 2015 di don Giorgio: QUINTA DI AVVENTO

13 dicembre 2015: Quinta di Avvento
Is 30,18-26b; 2Cor 4,1-6; Gv 3,23-32a
Il testo di Isaia, da rileggere e meditare
Vorrei anzitutto suggerirvi una proposta. Penso che, essendo questa l’ultima Messa della domenica, sia possibile portare a casa vostra il foglietto.
Il primo brano merita una frequente rilettura; più lo leggerete, o, meglio, lo mediterete, più troverete motivo di conforto spirituale, soprattutto nei momenti più tristi e difficili, e avrete l’occasione per fare un serio esame di coscienza, che non si serve, come solitamente viene indicato dalla Chiesa, di un codice morale stampato su pietra, ma di una verifica su ciò che è il virus malefico dell’essere umano, ovvero quell’idolatria che già nell’Antico Testamento era duramente stigmatizzata dai profeti.
Pensate alle parole di Isaia: «Considererai cose immonde le tue immagini ricoperte d’argento; i tuoi idoli rivestiti d’oro getterai via come un oggetto immondo. “Fuori!”, tu dirai loro».
Ecco, sta qui il nostro vero dramma esistenziale. Sì, sono essenziali anche il pane e l’acqua, il lavoro e la casa, ma il problema dell’uomo moderno sta nel convivere pacificamente con le immagini che si è costruito, nel senso più laico e nel senso più religioso. Gli idoli sono idoli, anche se, nel campo religioso, diventano la più grossa bestemmia.
«”Fuori!”, tu dirai loro». Noi moderni siamo proprio “fuori”, in compagnia degli idoli di cartapesta, che non sono altro che le rappresentazioni sublimate e perciò giustificate dei nostri egoismi e delle nostre passioni. Tutto il mondo è diventato un grosso idolo, ed è qui la nostra casa comune.
Non è certamente facile far rientrare l’uomo moderno in se stesso, ovvero nel suo essere, in quanto si è fatto una cosa sola con i propri idoli, che sono “fuori” di noi, ma condizionano il nostro essere interiore.
Di nuovo lancio l’invito: rileggete e meditate il primo brano della Messa, e resterete colpiti anche da queste parole del profeta: «Anche se il Signore ti darà il pane dell’afflizione e l’acqua della tribolazione, non si terrà più nascosto il tuo maestro, i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te: “Questa è la strada, percorretela”, caso mai andiate a destra o a sinistra».
Notate: prima si parla di “pane dell’afflizione” e di “acqua della tribolazione” – pane e acqua sono elementi sostanziali della nostra realtà esistenziale – che poi si trasformeranno in nutrimento vitale e abbondante, ma sempre dal punto di vista spirituale.
Infine, pensando al maestro, sempre presente anche se in modo invisibile – è la parola di Dio, scritta però nella nostra più intima realtà, quella dello spirito – là dove la religione non può entrare senza fare danni, là dove Dio è l’Essere purissimo, mi collego con il brano del Vangelo di oggi.
Tra gelosie e invidie di discepoli al seguito di leader 
In realtà, il brano del Vangelo inizia con un dato di cronaca, per poi allargarsi ad una discussione vivace tra i discepoli di Giovanni Battista e lo stesso Precursore a proposito del nuovo astro nascente, Gesù di Nazareth.
Infatti, i discepoli del Battista erano invidiosi, gelosi di colui a cui il loro maestro aveva dato testimonianza, come se Gesù stesse occupando i loro spazi di apostolato.
I discepoli, purtroppo, sono fatti così: stravedono per il loro maestro, e non importa tanto il suo insegnamento, quanto invece la sua figura, che diventa così un personaggio, un leader da seguire, accettando a priori ciò che insegna.
Ma Giovanni aveva già anticipato tale rischio, ovvero di essere frainteso, e aveva pubblicamente annunciato: “non sono io il Cristo”, ma “sono stato mandato avanti a lui”. Ma, come al solito, presi dal fanatismo, i seguaci dimenticarono subito le parole di Giovanni, così come, lungo i secoli, i successori dei discepoli di Gesù dimenticheranno le parole del loro Maestro, correndo dietro ad una varietà impressionante di pseudo-maestri.
Anche quella della Chiesa è una triste storia di discepoli fanatici, spinti ad esserlo da leader abili nel manipolare la mente dei più deboli.
Non sto dicendo che tutti i maestri-leader hanno insegnato cose cattive, dico solo che i loro adepti prendono la loro dottrina come se fosse il Vangelo in assoluto, o il Tutto della Verità, quando invece dovremmo capire che ogni maestro insegna solo una parte del Tutto. In ogni caso, come ha detto Gesù, nessuno dovrebbe sentirsi o farsi chiamare “maestro”. Siamo tutti al servizio della Verità, e la Verità appartiene a nessuno. Servire la Verità è anche educare i propri seguaci ad amare la verità, e non il leader, che, se si fa chiamare così, è perché si crede il detentore della Verità.
Per evitare questo rischio, ma anche per una naturale personale predisposizione, personalmente non mi sono mai legato a nessun leader religioso. Affascinato sì, ma dal Tutto della Verità, che si può scoprire nelle più piccole cose, e talora e spesso nella saggezza popolare.
Neppure Cristo ha detto tutta la Verità ai suoi discepoli, che non ne sarebbero stati capaci, ma ha affidato tale compito allo Spirito santo che, con la proverbiale pazienza divina, avrà tutto il tempo possibile, finché durerà questo mondo, di portare l’intera Umanità verso la pienezza della Verità. Ciò che chiede a ciascuno di noi è di essere disponibili, nella mente e nel cuore, e di non fasciare la testa o di farla fasciare dalla religione.
Adesso, possiamo comprendere dove stia il vero rischio che possono rappresentare i vari Movimenti ecclesiali, solitamente guidati da leader idolatrati da adepti, a loro volta manipolati dai leader. È un circolo vizioso da cui è difficile uscirne.
Una vera malattia dello spirito
Don Angelo Casati, prete milanese di 86 anni (tra l’altro è stato parroco a San Giovanni di Lecco), noto per le sue lucide omelie, commentando il brano di oggi scrive: «L’insegnamento di Giovanni il Battezzatore, da che cosa è provocato se non da questa malattia dello spirito, quasi un cancro della religione, delle religioni, dei movimenti religiosi e cioè l’idolatria dei capi, il fanatismo, l’ubriacatura delle appartenenze?».
Su che cosa si mettono a discutere i discepoli di Giovanni? Che cosa fa problema? Don Angelo risponde: a far problema è la concorrenza. «Ma, per chi ha a cuore Dio, non dovrebbe forse interessare solo questo: che a qualcuno si apra un sussulto nel cuore, nella mente, nello spirito? Che la gente si orienti a Dio? No, il problema è che l’altro gruppo diventa più numeroso del nostro, che il loro leader ha più fama e più consensi del nostro, che fa più proseliti del nostro. Misuriamo gli ascolti. Ma dov’è finito Dio? Al posto di Dio c’è il leader, c’è il movimento, c’è l’istituzione».
Continua don Casati: «E termina, Giovanni, con una frase folgorante: “Lui deve crescere; io, invece, diminuire”. Frase folgorante, ma, confessiamolo, poco ricordata, e di conseguenza poco praticata: “Lui deve crescere; io, invece, diminuire”. Immaginate che sconcerto se dicessimo è bene che la chiesa diminuisca, che si guardi un po’ meno alla chiesa, che i suoi esponenti siano un po’ meno sotto i riflettori, che non ci sia una loro sovrapposizione mediatica, perché invece sotto i riflettori sia lui, sia Gesù! Non siamo infatti noi la salvezza del mondo. Non lo era Giovanni il battezzatore, tanto meno noi. E se avessimo il coraggio di proclamare – questa sì sacra proclamazione perché evangelica – che noi siamo (proclamiamolo!) relativi, la chiesa è relativa, cioè è in funzione in vista di un altro, non è lei un assoluto, l’assoluto è l’Altro, è Dio e il suo Messia, Gesù di Nazaret».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi