Come il decreto Salvini sta affondando un’azienda di africani a Palermo

da L’Espresso
IL CASO

Come il decreto Salvini sta affondando

un’azienda di africani a Palermo

Un gruppo di richiedenti asilo ha creato un’impresa di successo. Producono giochi educativi ispirati dalla loro cultura. Dopo una lunghissima serie di riconoscimenti, rischiano di rimanere senza documenti. Per colpa del “decreto sicurezza”
ANTONELLO MANGANO
12 febbraio 2019
Alcuni venivano da famiglie benestanti, sterminate per ragioni politiche. Altri hanno trascorso un’infanzia di abbandono e povertà. Sono un gruppo di giovani migranti nati in Guinea, Mali, Gambia. Due anni fa sono arrivati a Palermo ancora minorenni. In poco tempo hanno creato una start up, “Giocherenda”, che produce giochi educativi ispirati alla cultura e ai colori africani.
Nulla di assistenziale. Al contrario, vogliono creare posti di lavoro anche per gli italiani. I risultati? Straordinari. I giovani imprenditori, tra le altre cose, sono stati ricevuti al Parlamento Europeo, hanno vinto un premio dell’agenzia Erasmus e collaborano con aziende di alta moda.
Tutto questo potrebbe finire. Per colpa del governo giallo-verde. Da quando è entrato in vigore il provvedimento firmato da Salvini, i loro documenti rischiano di diventare carta straccia, a causa del “decreto sicurezza”. Per convertirlo, serve il passaporto. Per capire cosa significa andare prendere un passaporto in Guinea, per chi è scappato dalla Guinea dopo che gli hanno sterminato tutti i parenti, dobbiamo raccontare la storia dall’inizio.
Sterminio
La Guinea Conakry è un piccolo paese dell’Africa Occidentale. I fondatori di “Giocherenda” vengono da lì. Uno di loro ha perso tutta la famiglia per ragioni politiche. Unico superstite, ha deciso di scappare per mettersi in salvo. Ancora minorenne, si è presentato davanti alla “Commissione territoriale” che decide sulle domande d’asilo. Come nel caso di tanti altri minori, la domanda è stata accolta. Ma gli hanno dato un permesso umanitario, una via di mezzo tra lo status di rifugiato e il rifiuto totale. «Non è andata male», dicevano gli avvocati.  «Anche se il documento scadrà, potrai facilmente rinnovarlo. Non vale la pena di fare ricorso per avere l’asilo politico. È costoso e ci vuole del tempo. Comunque hai qualcosa in tasca. Non sei un irregolare, un fantasma». Sbagliato. Tutto questo era vero fino al provvedimento di Salvini che cancella proprio il permesso umanitario. Chi ne è in possesso deve convertirlo in un documento di altro tipo. Ma, per farlo, la Questura di Palermo chiede il passaporto: significherebbe ritornare nel paese d’origine, ovvero nell’incubo da cui sono scappati.
Nel frattempo, a qualcuno è anche scaduto il permesso che aveva. Adesso possiede soltanto la richiesta di rinnovo. Con questo non si può viaggiare. Comunque, c’è il serio rischio di rimanere incastrati tra le frontiere e perdere tutto.
Ma tutto cosa? Mentre la trappola burocratica si costruiva intorno a loro, infatti, sono successe molte cose.
In questi due anni e mezzo in Italia, i giovani migranti hanno accumulato curriculum impressionanti. Decine di progetti tra cui un documentario, uno spettacolo con un liceo classico di Palermo, recitato in greco antico e bambara, una lingua africana. E la progettazione e l’avvio di “Giocherenda”. «Abbiamo bisogno di documenti in regola per portare avanti le nostre attività», dicono.
Il paradosso è che non hanno fatto nulla di sbagliato, anzi si sono impegnati con tutte le loro forze. È la legge che è cambiata. Adesso rischia di bandirli e di mandare all’aria tutti i loro sforzi per crescere loro e per far crescere il paese dove adesso vivono.
Linfa vitale
“Giocherenda” è un termine pular, una lingua parlata in parecchi paesi africani, composto dai termini “giuntura” e “linfa vitale”. Clelia Bartoli, docente dei ragazzi nel primo corso di italiano frequentato a Palermo, è rimasta molto colpita da questo termine. Spiega che si tratta del «fluido che, scorrendo nelle articolazioni, le tiene insieme e ne permette il movimento». Come dire: la vita nasce dall’unione.
L’assonanza con l’italiano “gioco” è dunque casuale, ma ha suggerito un’idea. Molti di loro sanno fare più cose. Soprattutto sono in grado di unire l’attività manuale a quella intellettuale: sono sarti, disegnatori, artigiani, formatori, attori. Così è nato “La ronda dei desideri”, un gioco cooperativo. «Lo scopo è coronare il proprio desiderio», si legge nella scheda del prodotto. «Si può giocare da 3 a 300 persone. Da 10 a 100 anni».
Come funziona? «È semplice», spiegano. «Apri la confezione di stoffa africana, prendi il tabellone di legno colorato a mano, le pedine fatte di tappi di bottiglia riciclati e i biglietti decorati artigianalmente. Decidi qual è il tuo desiderio.
Mentre le ruote girano sul tabellone, si decide il tuo destino. Ecco, le ruote si sono fermate. Sei un rifugiato in Alaska? Un gangster a Parigi? Probabilmente, come accade nella vita reale, il tuo desiderio era un altro. Puoi correggere il destino solo grazie alle tue virtù (“la resilienza”) e alla solidarietà (“gli aiutanti”).
Successo
In meno di 24 mesi, i ragazzi sono passati dalle onde assassine del Mediterraneo a una serie di incontri al Parlamento Europeo. Il gruppo di “Giocherenda”, infatti, lo scorso aprile è stato ricevuto a Bruxelles.
Erano tutti arrivati da poco in Italia tranne H., una ragazza di origine marocchina. Arrivata piccolissima a Palermo, ha rischiato l’espulsione perché al passaggio alla maggiore età ha perso la madre, cui era legata per il permesso di soggiorno. A questo punto, per non finire in un paese dove non era mai vissuta, ha dovuto perdere molti giorni di scuola a causa di complicate pastoie burocratiche e per svolgere dei lavoretti che le permettessero di attestare un certo reddito e ottenere i documenti. Alla fine, a causa delle assenze, non ha superato l’anno, anche se aveva la media del “sette”.
Nonostante le difficoltà, nessuno di loro si è perso d’animo. I risultati sono arrivati uno dopo l’altro. Hanno vinto il premio dell’agenzia europea Erasmus. Per conto della stessa organizzazione, hanno fatto da guide “turistiche” nel centro di Palermo. Non si sono limitati a mostrare monumenti, ma hanno evidenziato le radici meticce della città: quelle normanne di Santa Rosalia, quelle africane di San Benedetto.
L’azienda di alta moda Dell’Oglio, uno storico marchio cittadino nato a fine ‘800, ha organizzato una formazione del personale. La casa editrice Erickson, la più importante in Italia nel settore educativo, ha commissionato un gioco per una sua produzione.
I prodotti, poi, non sono solo oggetti da vendere ma l’occasione per “animare” incontri di ogni tipo, dalle scuole palermitane a quartieri come Ballarò, Zen, Ciaculli e Brancaccio, dove fu ucciso don Giuseppe Puglisi. Del resto, quando sono arrivati in Sicilia, i ragazzi hanno subito commentato: «Noi vogliamo aiutare gli europei». Perché? Intorno hanno trovato diffidenza, solitudine e paura. Hanno scoperto che, anche chi vive nel benessere, non è felice: «L’Europa ha bisogno di giocherenda e noi dobbiamo diffonderla».
Il contesto
Quando devono compilare un modulo, pagare i fornitori o controllare le fatture, i giovani imprenditori di Giocherenda si mettono intorno a un tavolo di “Moltivolti”, un co-working molto speciale nel quartiere di Ballarò. Quando devono usare forbici, pialle e colori, una stanza del “Centro Arrupe” diventa il loro laboratorio.
Sono due luoghi simbolici della lunga stagione del rinnovamento palermitano. Il primo è ormai un riferimento della città solidale: organizza viaggi in Senegal, è un ristorante multietnico e ha partecipato all’iniziativa di Mediterranea, la nave che effettua soccorsi in mare. Il secondo, gestito dai gesuiti, è il luogo in cui nacque la primavera del sindaco Leoluca Orlando, trent’anni fa.
«Questi ragazzi non sono migliori degli altri sbarcati in questi anni», commenta Bartoli. «Semplicemente, un contesto locale favorevole ha dato loro le giuste opportunità». Un contesto nazionale sfavorevole, invece, se le sta riprendendo.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi