A lezione di futuro dal vecchio Macaluso

da L’Espresso
Opinioni
Roberto Saviano
L’Antitaliano

A lezione di futuro dal vecchio Macaluso

A 96 anni il dirigente del Pci spiega cosa fare per i deboli e il Sud. Con parole che nella sinistra oggi nessuno dice. E con una virtù smarrita: l’ottimismo
Qualche giorno fa ho avuto la fortuna di ascoltare un grandissimo pezzo di giornalismo, una vera testimonianza. A Propaganda Live ho ascoltato la voce di Emanuele Macaluso (quasi novantasei anni di vita) accompagnata dalle domande di Diego Bianchi. È stata un’esperienza alta, piena di freschezza e ottimismo nel futuro: la speranza nel possibile come regola di vita, che ha accompagnato Macaluso fin dal tempo dell’inizio del suo cammino politico nel 1941, a diciassette anni, quando iscriversi al Partito Comunista significava (anche) mettere in conto la morte. Il racconto della sua vita politica nata al fianco delle lotte bracciantili, il suo comizio a Portella della Ginestra dopo la strage e il suo arrivo, diciotto anni dopo, alla segreteria nazionale guidata da Togliatti.
Un’emozione immensa. Un volo d’angelo su un intero secolo e su una storia che ha innalzato l’uomo, che ha reso degne le sue condizioni di lavoro e che ha lottato, con durezza, per la democrazia e i diritti sociali. Il migliorismo come ricerca di condizioni di vita migliori. Ancora oggi, nella sua casa di Testaccio, Macaluso conserva quella precisa lucidità che lo fa sentire sicuro dentro la sua identità politica, adattata ai tempi e adeguata alle nuove sofferenze. Ed è per questo che alle soglie dei novantasei anni, mentre parlava, io rivedevo la tensione del diciassettenne Macaluso, che decide di mettere la propria vita al fianco dei più deboli e degli ultimi, dei siciliani, dei braccianti siciliani, dei poveri siciliani.
Macaluso ha la lucidità che nessuno oggi ha nella politica italiana e individua nei migranti – o meglio in coloro che sono migrati, che sono scampati alla emigrazione e oggi sono in Italia, in Europa – i più deboli, gli ultimi e che, anche prima che alla politica, dovrebbero essere una priorità del sindacato, altrimenti la miopia, la rozzezza, del “prima gli italiani” contaminerà anche quel mondo. Sia chiaro, la sofferenza del mondo produttivo italiano, di quello che ne rimane, è enorme. Come non pensare al crimine che si compie ogni giorno veicolando nei media il terrore della pandemia da coronavirus, smorzando così la voce, il grido di aiuto, lanciato dagli operai della Whirlpool di Napoli, dell’Ilva di Taranto, accompagnato da quello dei cittadini di Tamburi e da quello della Terra dei Fuochi. Quel grido non perde intensità, poiché il negazionismo non è solo prerogativa degli antisemiti, ma anche di chi è intento a lustrare vetrine, in attesa di eterne, continue competizioni elettorali.
Ma i più deboli dobbiamo individuarli in coloro i quali non sono neanche cittadini e ai quali il nostro Paese, e buona parte dell’Europa, vogliono negare il diritto di esserlo. Non siete morti, dunque accontentatevi di essere schiavi. Ebbene sì, schiavi. Schiavi si è quando ti è negata la possibilità di ogni consapevolezza di te stesso, di ciò che sei, da solo e assieme agli altri che come te soffrono le stesse pene. Macaluso in poche frasi dice quello che nel centrosinistra di governo e di potere nessuno è in grado di dire da trenta anni. Magari per opportunismo politico, ma io credo che dopo tutto questo tempo si tratti soprattutto di analfabetismo, non altro. Macaluso dice che i poveri, i più deboli debbono essere accompagnati ed elevati, prima dal sindacato e poi dalla politica, poiché solo la consapevolezza del sé, e dei propri diritti, ne farà dei cittadini. Macaluso è lì, come Yoda ai suoi Jedi (grazie a Marco Damilano per quella bellissima immagine), a dire che il tema della politica italiana oggi è ancora, e rischia di essere per sempre, la Questione Meridionale.
E lo dice dopo una tornata elettorale che ha comunicato in maniera espressa che del Meridione alla politica, a tutta la politica, non frega assolutamente niente. L’unico – nelle parole di Macaluso e, per quel che può valere, nelle mie – a porsi il Problema Meridionale con preparazione e generosità è Peppe Provenzano, il ministro per il Mezzogiorno, che avrebbe maggiore credibilità come Presidente del Consiglio dell’avvocato foggiano trasferitosi a Roma, che sta lì ad assicurare che nulla cambi e che il Mezzogiorno muoia di emigrazione e mancanza di investimenti, ma soprattutto di visione, e di cecità, nella atavica incapacità di vedere la sofferenza. E noi non abbiamo l’incrollabile ottimismo nel futuro del gigante Emanuele Macaluso che, alla domanda di Zoro «cosa possiamo fare?», risponde secco: «Cercare quello che di possibile bisogna fare e farlo. È poco? Bisogna farlo. È molto? Bisogna farlo. Ma quello che è possibile fare, per la società e per il mondo del lavoro, bisogna farlo».

1 Commento

  1. Un articolo da meditare e da includere nei programmi delle scuole italiane per formare cittadini capaci di POLITICA.Altro che i buffoni ladri e arruffapopoli!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Leave a Reply

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi