Omelie 2019 di don Giorgio: DOMENICA DELLE PALME

14 aprile 2019: DOMENICA DELLE PALME
Is 52,13-53,12; Eb 12,1b-3; Gv 11,55-12,11
Duplice volto
Un duplice volto caratterizza la liturgia di questa domenica, per cui possiamo parlare di: Domenica delle Palme o Domenica della Passione.
Possiamo meglio dire che l’ingresso di Gesù nella città di Gerusalemme introduce la passione e la morte di Cristo. In realtà, l’entrata di Gesù nella Città santa è narrata dagli evangelisti anche con note che già prefigurano la Settimana santa. Basterebbe pensare alla incomprensione e alla contestazione da parte dei capi giudei alla vista della folla che osanna al misterioso personaggio di Nazaret.
L’entrata riletta dagli evangelisti e dalla Chiesa
Ma occorre subito dire che la rilettura dell’episodio in senso prefigurativo da parte degli evangelisti è stata poi ripresa dalla Chiesa primitiva, che ha certamente contribuito a enfatizzare l’evento (forse ristretto in una cerchia di curiosi), aggiungendovi una carica ancor più simbolica.
Poi col tempo la Chiesa, com’è nel suo stile, ha riletto l’entrata di Gesù in Gerusalemme soffermandosi, lo fa ancora oggi, su elementi folcloristici, prendendo un aspetto, quello dell’ulivo, facendone addirittura un’occasione per parlare della pace, fraintendo le parole del profeta Zaccaria che, a differenza nostra, abituati come siamo a ”socializzare” anche il più intimo pensiero divino, aveva della pace, come del resto tutti i veri profeti di Dio, quella intuizione che, se non attinge nel profondo dell’essere divino, è destinata a estinguersi tra banali manifestazioni esteriori.
Se vogliamo semplificare al massimo il suo significato teologico o mistico,  possiamo dire che l’entrata descritta come trionfale di Gesù nella Città santa è da leggere e rileggere come un “segno”, ovvero una “rivelazione” di quel Cristo della fede che, proprio nella condanna a morte, si manifesta nella sua realtà essenzialmente divina.
Ed è su questo aspetto che vorrei invitarvi a riflettere, anche per vivere al “meglio”, da credenti nello Spirito santo, lo spirito più autentico della Settimana santa, che inizia già oggi, ma che culminerà poi nel Triduo pasquale.
La Settimana santa
Anche la Settimana santa è caratterizzata da un duplice volto: in che senso?
Noi cristiani siamo ancora convinti che la risurrezione di Cristo sia la conclusione della sua passione e della sua morte, che Dio ha premiato con la risurrezione del figlio incarnato. Siamo cioè ancora convinti che “prima”, in senso cronologico, ci sono i giorni della passione e della morte di Gesù, e “poi”, sempre in senso cronologico, c’è il grande giorno della risurrezione.
Attenzione: è proprio nel “prima” e nel “poi”, intesi in senso cronologico, che sta quella credenza che separa nel susseguirsi del tempo, il “prima” e il “poi”, un Mistero che, in quanto Divino, quindi Eterno ovvero fuori del tempo, non può essere distinto in due momenti o in una successione di momenti temporali, ovvero legati al tempo.
Anche la liturgia della Settimana santa non sembra darci l’idea che si tratti di un’unica realtà in cui la vita e la morte si intrecciano, si richiamano e si risolvono nell’Eterno, già qui sulla terra.
So di aver già detto queste cose commentando il miracolo di Lazzaro. Ma conviene tornarci sopra, visto che, come abbiamo già detto, il miracolo è letto da Giovanni come prefigurazione della risurrezione di Cristo.
Il “prima” e il “dopo”
Nel “prima”, ovvero nella precarietà talora sopportata di una esistenza martoriata o maledetta, sembra esaurirsi tutto il tempo che abbiamo da vivere, cioè a nostra disposizione, in attesa del “dopo”, ovvero di ciò che la religione ci promette nell’altra vita. Quindi, c’è una netta separazione tra il “prima” e il “dopo”. Il “prima” è vissuto in attesa o in vista del “dopo”. Prima c’è la vita terrena, e dopo la vita eterna.
Questo modo di vedere e di vivere l’esistenza terrena, tanto più che non è qualcosa di personale, ma una specie di dogma religioso,  è qualcosa di assolutamente fuorviante e deleterio.
Siamo quasi cresciuti nella convinzione, perché ce lo hanno fatto credere, che questa vita fosse divisa in due tempi: il suo aspetto esistenziale che si esaurisce nel “prima”, ovvero per tutto il tempo che siamo su questa terra, e quel “dopo”, che inizia dopo la nostra morte fisica.
Eppure, basterebbe pensare alla visuale teologica o mistica del quarto Vangelo, che ci presenta già nel dolore o nella realtà drammatica di questa esistenza terrena, una presenza di quella gloria divina, che non è gioia fisica, ma vita eterna.
Secondo gli studiosi della Bibbia la crocifissione di Cristo è vista da Giovanni come luce o gloria divina: il fatto poi che Cristo, mentre muore, dona lo Spirito santo, anticipa non solo la sua risurrezione ma anche la pentecoste.
Riflessioni
Proviamo a riflettere.
Partiamo dalla Liturgia che ci fa vivere ogni anno il Mistero pasquale: si torna sempre daccapo; dopo la festività pasquale, sembra che tutto torni come prima, ovvero che si torni nella normalità del precariato, con tutti i suoi guai e le sue contraddizioni.
Prima, e poi… in un susseguirsi di tempi che non si incrociano nel profondo. Sì, perché, già il Mistero pasquale, se fosse vissuto non come due tempi, il prima e il poi, ma nell’unicità della realtà divina, già qui, in questa esistenza complicata e complessa, di sofferenza e di speranza, potremmo trovare la realtà dello Spirito che è semplice per natura, ovvero che semplifica la complessità inestricabile del nostro vivere, che è un insieme di prima e di poi, di un poi che la Chiesa assicura sarà quell’aldilà che ora è solo una promessa.
Ma non sarebbe già un vivere meglio, se riuscissimo o se qualcuno ci aiutasse a scoprire la presenza, già ora, di quel seme di risurrezione, che dà un altro senso alla nostra esistenza?
Non abbiamo bisogno di promesse, ma di anticipi di quella risurrezione, nella interiorità del nostro essere, dove Dio è già l’eterno Risorto. Qui, e ora.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi