Dentro l’edificio occupato dove l’elemosiniere del Papa ha riportato la luce

da AVVENIRE
13 maggio 2019
Reportage.

Dentro l’edificio occupato

dove l’elemosiniere del Papa

ha riportato la luce

Antonio M. Mira
Gli inquilini, le piccole iniziative… cronaca di una giornata al fianco delle famiglie che occupano la stabile romano di via Santa Croce dove domenica il cardinale ha ripristinato l’elettricità
Alle 16,30 nel grande ingresso del palazzone è un continuo entrare di genitori con bambini, di tutte le età, per mano, nei passeggini, nei marsupi. Normali immagini di ritorno da scuola o dall’asilo. Ma le famiglie sono multicolori e questo è il palazzo occupato in via di Santa Croce. Lo avevamo visitato nei giorni scorsi, prima del taglio dell’elettricità e del successivo intervento dell’Elemosiniere di papa Francesco, cardinale Krajewski. (LEGGI LA CRONACA)
E questo è il racconto di un condominio molto particolare, ma molto diverso da quanto si scrive anche in questi giorni sui palazzi occupati. Ad accompagnarci è Adriana Domenici, consacrata laica, da sei anni impegnata qui con i più fragili della città. La salutiamo mentre sta aiutando suor Rachel a scaricare alcuni scatoloni di scarpe. Le abbiamo conosciute tre mesi fa in occasione della notte passata a incontrare le prostitute di viale Marconi assieme a don Paolo Lojudice, allora vescovo del settore sud di Roma e da poco nominato arcivescovo di Siena.

E anche don Paolo è molto legato al palazzo occupato, c’è stato più volte, per incontrare le famiglie e anche per celebrare la Messa, così come don Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna, quando era ausiliare a Roma per il settore centro. “All’inizio – ricorda Adriana – i militanti di Action ci hanno permesso di aiutare le famiglie ma dicendo “basta che non entri Dio”, ma poi Dio è entrato”.

Proprio sulla cancellata su un grande cartello in legno si legge che “Spin time labs” “è un punto d’incontro e confronto tra culture e religioni diverse aperto a tutti”. E su un altro che riporta le attività che si svolgono nel palazzo si legge che al terzo piano tutti i sabati, dalle 21 alle 24, si svolgono “incontri interreligiosi”. “Facciamo il cammino di preghiera e vengono anche musulmani. Anche la Lectio Divina con le suore. Siamo tutti fratelli. Festeggiamo insieme la fine del Ramadan e la Pasqua”. E ci sono stati tanti battesimi, cresime, comunioni e matrimoni. E Dio non solo è entrato ma ha anche accolto fuori, come la parrocchia di Santa Croce che tutte le mattine offre 150 colazioni e dal 2014 ospita nei centri estivi più di 40 bambini delle famiglie occupanti.
E allora entriamo. Adriana ci presenta Madalena, rumena, 24 anni e con un figlio di 8. Il suo compagno è peruviano, e lei fa le pulizie in un esercizio commerciale, due ore al giorno per sei giorni, con regolare contratto. Ma non basta per vivere e allora chiede a suor Rachel se può prendere un paio di scarpe che le piacciono molto. “Mi hanno rubato gli occhi”. Janette, etiope, sta portando una cassetta di frutta. Ha 48 anni e vive in Italia da 20. Fa lavoretti, pulizie, tata. Ma, ci dice con orgoglio, “sono riuscita a far studiare mia figlia che si sta laureando in storia dell’arte”. È iscritta nelle liste per le case popolari ma, commenta, “alle persone sole non tocca niente”. Ci spostiamo dove stanno distribuendo la frutta. C’è Roberto che ha iniziato a fare il volontario in parrocchia dopo la pensione. “È stato terapeutico”. C’è Caterina, sorella di Adriana. Professoressa di lettere, anche lei distribuisce i viveri oltre a insegnare italiano. “Sono soffocata da baci e abbracci”, ci dice sorridendo. Tutti fanno parte dell’Associazione “Sentieri verso l’altro”, nata nel 2009 per seguire famiglie del disagio, sia economico che spirituale. Prima a Tolentino e poi a Santa Croce.
Anche Vittorio fa il volontario. Era titolare di un’azienda di webgrafica, esperienza che ha portato qui, con tutta l’attrezzatura, aprendo un laboratorio dove si impara questo mestiere. Partecipano una quindicina di persone “di tutte le età anche nonna Rosa, 70 anni, che non aveva mai visto un computer”. E da poco è partito il mensile “Rigeneraction” con 8 redattori di 5 nazionalità. “Scriviamo della vita del palazzo, dei rapporti con le istituzioni. Lo distribuiamo anche in una scuola frequentata dai bambini, che ci scriveranno”.
Moderna tecnologia e tradizione, così accanto c’è un laboratorio di icone. Saliamo ai piani superiori, dove gli uffici sono stati trasformati in abitazioni. Tutto è in ordine, pulito. Nei corridoi i passeggini e i tricicli dei bimbi. Ci sono le zone per stendere, una cucina comune per corridoio, anche i bagni sono in comune, autocostruiti. All’ingresso le regole da rispettare e l’attrezzatura per tenerli puliti. C’è un comitato interno che si occupa di manutenzione, pulizia, piccoli lavori. E tutti gli occupanti contribuiscono con una cifra “condominiale”.
Incontriamo Cachide, curda. “Io sono dalla nascita rifugiata, non per un documento. Noi combattiamo per il mondo ma il mondo non ci aiuta”, dice ricordando il fondamentale ruolo dei curdi contro il Daesh. “Sono qui da 2 anni. Due miei fratelli sono stati uccisi dai turchi in carcere. È rimasto solo un fratello non vedente. Arrestato sei volte perché suonava e cantava le nostre canzoni. Per loro è propaganda”. Walter, 65 anni, è invece italiano, figlio di emigrati in Venezuela. “Ho perso un paio di treni – dice sorridendo – e sono finito nella droga: 22 da tossico, di tutto”. Poi la comunità di recupero. “Sono uscito e ho fatto due figlie. Ma per la crisi ho perso il lavoro. E ho solo la pensione di invalidità. Sono qui da tre anni. Qualcuno lassù non mi ha voluto, vuol dire che le mie figlie salveranno il mondo”.
Filomena è coetanea. “Ho lavorato sempre in nero e ho solo la pensione sociale. Meno di 600 euro al mese”. Sei anni fa lo sfratto per morosità, una prima occupazione e poi da 3 anni qui. “Ho il diabete e l’anno scorso mi hanno ripresa per i capelli”, si sfoga nella sua cameretta piena di tutto quello che le rimane. Infine incontriamo una famiglia egiziana. Lui cuoco lei insegnante di arabo. Tre figli, Il più grande fa ingegneria elettronica e gioca calcio, le due ragazze le superiori. Sono tutti cittadini italiani. “Siamo qui da 5 anni. Prima per 17 siamo stati in affitto, sempre puntuali, poi ho perso il lavoro e non potevo più pagare”. Prende la disoccupazione, meno di 600 euro al mese, mentre la moglie fa dei corsi in una scuola. “Ringraziamo perché siamo qui. Se no stavamo per strada. Dovete aiutarci a far crescere democrazia nel nostro Paese. Si scappa per questo. Se ci aiutate è una vantaggio anche per voi”. Questo è il palazzo di cui tanto si parla.
“Vogliamo togliere la vetrata, per fare entrare la gente – dice ancora Adriana – e far vedere che qui non ci sono “animali feroci””.

 

2 Commenti

  1. bartolomeo palumbo ha detto:

    D’accordissimo con te LUIGI.ABBASSO IL fascio e W L’ITALIA.

  2. Luigi ha detto:

    Bravo don Corrado (Konrad)! Che bello vedere un cardinale (Krajewski) come autentico cristiano, uomo di fede, speranza e carità! Grazie per aver messo in crisi tutti i “fascistoni” che lucrano sulla guerra tra poveri e in particolare lo “sbandieratore di vangeli e rosari.” Che bello assistere alla sua disobbedienza civile! Quand’ero negli alpini volevano punire un alpino “terun”. Gli avevano tolto il permesso di uscire per incontrare la sua fidanzata che veniva da lontano. Ho rinunciato in quei giorni ad uscire dandogli il mio permesso speciale che avevo. Mi ha ripagato per il resto trascorso prima del congedo. Come si può negare l’amore tra un uomo e una donna perchè si ribella alla prepotenza dei “nonni militari”? Come “nonno militare” ho potuto farlo. Non solo. Mi son fatto rispettare e da allora mi temevano. E’ quello che temono i “fascistoni” in primis quelli cattolici che impazziscono davanti al “mite” don Corrado.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi