Sahel, vittime del coronavirus e vittime della povertà

da www.nigrizia.it
13 Maggio 2020
Opinioni e riflessioni

Sahel,

vittime del coronavirus e vittime della povertà

Dalla capitale del Niger padre Mauro Armanino, missionario, dottore in antropologia culturale ed etnologia, propone una riflessione sulla pandemia vista dal Sahel, invitandoci a “guardare il senso delle proporzioni come chi, da decenni, è abituato all’inseparabile abbinamento vita e morte”
Mauro Armanino (da Niamey)
Perché mai, nello spazio saheliano, i morti del coronavirus dovrebbero essere trattati diversamente dagli altri, innumerevoli, per altre malattie? La prima di queste è la fame e le malattie ad essa legate che, secondo la Fao, uccide ogni giorno nel mondo 25mila persone. L’Unicef comunica che 3 milioni di bambini nel mondo muoiono ogni anno per malnutrizione.
Da parte sua, ecco quanto ricorda l’economista e accademico italiano Riccardo Petrella: “E’ sera. Oggi sono morti nel mondo più di 21 mila bambini al di sotto dei cinque anni (7,9 milioni ogni anno). Fra le principali cause troviamo le malattie dovute alla mancanza di acqua potabile e di servizi igienici inadeguati, o per aver bevuto acqua non sana, inquinata.
È da molti anni che l’urgenza sanitaria legata all’acqua è sotto gli occhi di tutti ma i gruppi dominanti, quelli che hanno il potere di decidere, non sembrano aver stimato essenziale ed urgente di prendere le misure per sanare la situazione”.
La malaria, o paludismo, continua la sua pazza corsa all’eliminazione di corpi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, nel 2018 i casi di paludismo sono stati stimati a 228 milioni, mentre i decessi imputabili alla malattia sarebbero 405 mila. I bambini di meno di cinque anni costituiscono il gruppo più vulnerabile col 67 per cento e dunque 272 mila.
La maggior parte delle morti accadono in Africa sub- sahariana e, per rimanere nel Niger, secondo il ministro della sanità Illiassou Mainassara i morti ‘dichiarati’ sono stati 3.331 al 24 aprile dell’anno scorso. Una donna ogni sette, sempre nel Niger, muore al momento del parto. Potremmo aggiungere i decessi a causa della tubercolosi ed altre malattie infettive ricorrenti, come ad esempio la meningite e, altrove, l’Ebola.
Occorre guardare il senso delle proporzioni per chi, da decenni, è abituato all’inseparabile abbinamento vita e morte. Non si capisce perché, se non per non troppi celati interessi, da alcuni definiti semplicemente come ‘Covid-business’, si fa pubblicità e si arriva pure, in alcuni casi, a ‘facilitare’ la dichiarazione di infezione da coronavirus, dietro modesto compenso.
Il Niger, paese di sabbia, si trova in una particolare situazione ‘cerniera’ tra il sud e il nord dell’Africa, avamposto delle politiche di esternalizzazione per il controllo della mobilità dei migranti ‘irregolari’.
Il terrorismo jihadista ha, l’anno scorso, provocato la morte di almeno 4 mila persone, poveri e contadini, e militari per la maggior parte. Specie nel vicino Burkina Faso gli sfollati si contano a centinaia di migliaia. Anche nel Niger ve ne sono, assieme a rifugiati provenienti dal Mali, la Nigeria e la Libia, tramite l’Alto commissariato Onu per i rifugiati che ha organizzato campi di accoglienza e transito appunto nel paese.
Siamo all’ultimo posto, ormai da anni, nella classifica stilata dalle Nazioni Unite per lo sviluppo umano e andiamo avanti con la complicità degli aiuti internazionali e il mondo umanitario che in questo paese ha trovato un vero e proprio tesoro. La politica del paese è ammalata di una malattia chiamata cleptocrazia, i ladri sono al potere con lo scopo di fare soldi per loro e i loro prossimi nel più breve tempo possibile.
Bene ricordava l’amico antropologo Jean Pierre Olivier de Sardan, profondo conoscitore della società nigerina. Il potere si trova imprigionato dai commercianti, che hanno finanziato la campagna elettorale, da una classe politica che è la stessa da trent’anni e che si alterna nel potere, imprigionata da giochi di famiglia e etnici, e da questo gioco ad eliminazione che sono le elezioni, la principale sorgente di problemi. Senza dimenticare i traffici e primo tra questi quello della cocaina, redditizio e nel quale sono implicati politici di riguardo.
Si possono allora intendere gli orientamenti salafiti che colmano i vuoti lasciati dalla politica, in un paese a schiacciante maggioranza musulmana di obbedienza sunnita e caratterizzato dalla presenza di confraternite di stampo sufista, sostanzialmente ammanicate col potere.
Le chiese bruciate a Zinder e Niamey nel 2015, in seguito alla montatura dell’affare Charlie Hebdo, il rapimento di padre Pierluigi Maccalli  20 mesi or sono, il ferimento di un prete locale e il terrore creato in alcune zone confinanti con Burkina Faso, completano un quadro particolarmente problematico. Le speranze, se di queste si vuol parlare con serietà e rispetto, sono come sempre esili, fragili e resilienti. Questi tre aggettivi non sono casuali. Essi rappresentano ciò che ci costituisce, accompagna e in fondo definisce: la sabbia.
Solo dai poveri, fragili e resilienti, può scaturire un’esile speranza da raccontare al vento.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi