La svolta leghista della Raggi. Un altro “No” per coprire i suoi fallimenti

da L’Unità
Silvia Gernini
13 giugno 2017

La svolta leghista della Raggi.

Un altro “No” per coprire i suoi fallimenti

Roma
La sindaca guarda a destra per recuperare voti?
“Trovo impossibile, oltre che rischioso, ipotizzare ulteriori strutture di accoglienza (per i migranti, ndr), peraltro di rilevante impatto e consistenza numerica sul territorio comunale“. No, non sono parole di un sindaco di qualche piccolo Comune gestito dalla Lega. A mettere nero su bianco il proprio “No” a nuovi flussi migratori è la sindaca della Capitale Virginia Raggi che, vista la “forte presenza migratoria e il continuo flusso di cittadini stranieri”, ha deciso di chiedere con una lettera inviata al prefetto di Roma Paola Basilone “una moratoria sui nuovi arrivi” in città.
“Questa amministrazione – si legge ancora nella lettera – in considerazione degli elevati flussi di migranti non censiti, auspica che le valutazioni sulle dislocazioni di nuovi insediamenti tengano conto della evidente pressione migratoria cui è sottoposta Roma Capitale e delle possibili devastanti conseguenze in termini di costi sociali e di protezione degli stessi beneficiari, evitando di gravare, ulteriormente, sul territorio comunale”.
Una lettera che non a caso è stata salutata positivamente dal leader del Carroccio Matteo Salvini che su Facebook scrive: “Bentornata sulla terra a Virginia Raggi, adesso però aspettiamo che non regali 10.000 euro ai Rom per pagarsi affitto e bollette!”, facendo riferimento alle soluzioni ipotizzate successivamente alla supposta chiusura dei campi nomadi a Roma.
E proprio su questo tema interviene oggi Beppe Grillo in persona sul suo blog per dare manforte alla sindaca e smentire tutto: “Chi in questi giorni dice che regaliamo soldi ai rom, mente sapendo di mentire. Roma era l’unica capitale europea ad avere ancora campi rom. Diciamo ‘era’ perché grazie a noi è iniziata la fine dei campi, delle roulotte e dei caravan in mezzo alle strade della città, gli incendi occasionali, i ‘furti’ di corrente agli edifici limitrofi. In breve: stop all’illegalità e al degrado”.
Ancora non è chiaro come verranno portate avanti queste due linee politiche – immigrati e rom – ma la posizione del M5s su queste due grandi emergenze è intanto di chiusura. Il “No” senza alternative, senza altre proposte lo conosciamo bene perché accompagna tutti i romani dalla candidatura di Virginia Raggi fino ad oggi. No allo stadio (che poi è diventato un sì che ha azzoppato il progetto originale), no alle Olimpiadi (perché la sindaca temeva di non riuscire a controllare la trasparenza di chi avrebbe portato avanti i lavori), no ai migranti. No, punto.
E tutto questo mentre altre città da Milano a Barcellona portano avanti delle politiche di inclusione degne di città europee moderne e progressiste. Di sinistra. Quello che evidentemente non è il M5s ora, soprattutto all’indomani delle amministrative che hanno rappresentato un colpo di arresto alla crescita del Movimento.
In realtà non è la prima volta che Grillo detta la linea, una linea di chiusura, sulle tematiche di accoglienza, sbarchi, immigrazione. Anche in Parlamento c’era stato più di un episodio – ricordiamo fra tutti la spaccatura che c’era stata sulla cancellazione del reato di immigrazione clandestina nel 2013 – che ha messo in luce un atteggiamento più tendente all’elettorato di destra, quello che grida all’invasione degli stranieri in Italia. Insomma, l’elettorato di Salvini e della Meloni.
Virginia Raggi cerca di recuperare la credibilità di fronte ai cittadini romani inseguendo le idee della Lega? Condivisibile o meno, il fatto non costituisce reato, certo. Ma di sicuro da un Movimento che prometteva una rivoluzione, una svolta nella politica questa posizione non solo è poco originale, ma è proprio vecchia.

 

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Con tutto il rispetto per la signora Gernini, mi sembra necessario precisare che non c’è nessuna svolta leghista da parte della Raggi, né tantomeno del movimento in cui milita. Certo le sue parole e l’appello accorato alla prefettura lo farebbero pensare, come pure il plauso del solito ineffabile Salvini, ma ormai è qualche anno che ci troviamo tra i … piedi questa armata brancaleone e dovremmo aver capito da un pezzo che se da una parte cerca di seguire gli umori ondivaghi e discutibili del suo collerico principe, dall’altra naviga a vista schierandosi, momento per momento e ora per ora, dalla parte che appare più praticabile e popolare, o che, comunque in teoria può fargli guadagnare un maggior numero di consensi. Il tutto senza una reale strategia politica o una linea di pensiero e un programma netto e ben preciso, né di destra, né di centro, né di sinistra, ma molto semplicemente demagogico e populista, perché la priorità è cavalcare il malcontento e dare sfogo all’insoddisfazione della gente. Oltretutto che non esista, almeno in questo momento, alcuna emergenza migranti per Roma l’hanno esposto chiaramente sia il ministro Minniti che la Prefettura che, anzi, hanno evidenziato l’eventualità di accogliere almeno altri 2000 profughi, e poco importa se i vari Di Maio e compagnia bella hanno reagito abbaiando alla luna: è la loro tattica da sempre!
    La verità è che i cinquestelle non si aspettavano la sberla delle amministrative e per questo reagiscono rispolverando luoghi comuni e argomenti che rappresentano tuttora un nervo scoperto per gran parte dei nostri concittadini, intrappolati tra slanci di generosità ed altruismo e insofferenza e fastidio per la tendenza di questi anni, verso l’integrazione in una società multietnica e policulturale.

  2. GIANNI ha detto:

    Per molti problemi politici, spesso l’elemento dimensionale fa la differenza tra un tipo di gestione ed un altro.
    L’inclusività deve mirare ad una accoglienza degna di questo nome.
    Pertanto, se si vogliono porre dei limiti, per affermare che si farà dell’accoglienza degna di questo nome, la cosa può anche essere.
    Se, invece, si lanciano solo slogan a casaccio, tanto per cercar di risalire nei consensi, allora non ci siamo.
    MA probabilmente l’elettorato, dopo un innamoramento iniziale per il movimento, più frutto di infatuazione immotivata, che di scelta ragionata, ha capito come stanno effettivamente le cose.
    E che il M 5 s non ha neppure lui la bacchetta magica o la sfera di cristallo.
    Come sempre a promettere si fa in fretta, ma mantenere è molto più difficile, sopratutto quando manca una sufficiente esperienza alle spalle.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi