Omelie 2019 di don Giorgio: QUINTA DOPO PENTECOSTE

14 luglio 2019: QUINTA DOPO PENTECOSTE
Gen 18,1-2a.16-33; Rm 4,16-25; Lc 13,23-29
Un brano che sa stupire
Il primo brano della Messa non finisce mai di stupire. Puoi leggerlo mille volte, e mille volte vi trovi qualcosa di nuovo. Così càpita anche a me, quando lo devo commentare. Il primo istinto è quello di accantonarlo, prendendo un altro brano della Messa, ma poi ci ripenso, lo rileggo e mi dico: “questo” e “quest’altro” particolare finora mi sono sfuggiti.
In sintesi. Abramo non si dà per vinto, quando sa che il Signore vuole distruggere Sodoma e Gomorra, le due città che diventeranno poi, lungo i millenni, l’emblema della perversione. Abramo tenta di convincere il Signore a desistere dal suo volere, usando una tattica del tutto particolare, ovvero mettendo in gioco la presenza di alcuni giusti in quelle due città: il Signore non può non tenerne conto, in nome della stessa giustizia divina, per cui sarebbe del tutto ingiusto far perire insieme ai malvagi anche gli innocenti. La questione è il numero: quanti giusti bastano per salvare una città di pervertiti dall’ira di Dio? E Abramo gioca al ribasso: un gioco che il Signore accetta, ma fino a un certo limite. Al di sotto di dieci giusti Dio non scende, e punisce quelle due città.
Alcune domande
A questo punto, possiamo porci alcune domande, diverse domande, forse troppe forse poche, ma tutte fortemente problematiche.
Anzitutto: perché Abramo se la caccia così tanto, per salvare due città stracolme di corrotti e di pervertiti? Bisogna avere il coraggio di dirlo: Abramo sembra un caso isolato, rarissimo nella storia dell’umanità: uno che difende l’indifendibile. Pensando all’oggi: come si può difendere un popolo di corrotti, di analfabeti, di violenti, o politici al limite della sopportabilità? Ma il problema forse è posto male: non è difendere l’indifendibile, ma salvare gli innocenti e i giusti. Abramo forse intendeva dire al Signore: punisci i corrotti, ma salva però gli innocenti. Oppure intendeva proprio dire: salva i corrotti in nome degli innocenti? In fondo, il Signore non ha inviato sulla terra suo Figlio proprio per salvare i peccatori?
E qui si pone un’altra domanda: qual è il rapporto tra malvagità e giustizia? Più concretamente: fino a che punto i malvagi contano, così da permettere a Dio anche la morte dei giusti e degli innocenti?
La storia ci insegna quanto le nazioni, le popolazioni, le cosiddette civiltà antiche e moderne, quanto le religioni, quanto la stessa Chiesa non abbiano tenuto conto della presenza degli innocenti e dei giusti nelle loro violenze più o meno istituzionali.
Io non credo alla storicità dell’episodio biblico della distruzione di Sodoma e Gomorra, così come è stato ricostruito dall’autore sacro, facendo intervenire direttamente il Signore. Può anche darsi che le due città siano state distrutte, ma non per un intervento divino. O forse, e non sarebbe la prima volta (basti pensare all’episodio di Isacco pronto per essere sacrificato dallo stesso padre Abramo) l’episodio sta a significare il contrario? E una ragione c’è, e sta proprio nel dialogo così serrato, al gioco al ribasso, di Abramo?
Anche qui, come dimenticare che le guerre di religione, ma ogni guerra in genere, soprattutto se venissero scatenate oggi su scala mondiale, la percentuale di morti degli innocenti e dei giusti toccherebbe cifre davvero impressionanti.
“Sforzatevi di entrare per la porta stretta”
Passiamo al terzo brano della Messa. Un tizio, scrive Luca, pone a Gesù una domanda: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?».
Si tratta di una questione molto molto dibattuta nel giudaismo del tempo di Gesù. I farisei sostenevano che gran parte degli ebrei – anzi, per alcuni rabbini tutti quanti – si sarebbe salvata, in forza della loro appartenenza al popolo eletto; invece, nei circoli apocalittici predominava l’opinione opposta: solo pochi eletti osservanti si sarebbero salvati.
Anche stavolta Gesù non prende posizione sulla dibattuta questione teologica: si salveranno tutti, o molti, o pochi? Vuole, invece, far capire che il vero nocciolo della questione è un altro; non deve tanto importare a noi se si salvano in tanti o pochi, perché questo rientra nel mistero di Dio. Quello di cui ci dobbiamo preoccupare è che la salvezza non è un fatto tranquillo e scontato per nessuno: né per chi allora osservava la Legge (gli ebrei), né per chi oggi si attiene a comandamenti e precetti della Chiesa (i cristiani); la salvezza non è automaticamente conferita per il solo fatto di appartenere al popolo di Dio.
Gesù si rivolge a tutti con un chiaro imperativo: «Sforzatevi voi di entrare….». Quindi: preoccupatevi della vostra situazione, del vostro impegno attuale. E aggiunge: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta…».
È proprio qui il nocciolo del discorso di Gesù: che cos’è questa porta stretta?
L’immagine evoca certamente qualcosa di molto duro, difficile e impegnativo, mentre la porta larga fa venire in mente facilità e superficialità; ma soprattutto la via stretta è quella che, per chi si mette alla sequela di Gesù, passa attraverso il Getsemani e il Golgota.
Qui si apre un discorso molto serio, al di là di ogni considerazione del tipo moralistico.
La porta rimanda allo stesso Gesù Cristo che ha detto nella parabola del Buon Pastore: «Io sono la porta delle pecore…  se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo» (Gv 10,7.7).
Sì, possiamo anche parlare di porta stretta, ma nel senso che bisogna entrarci nella nostra nudità dell’essere, senza tutti quegli ingombri di cose che costringerebbero a prendere una strada più larga, ma che porterebbero lontano dal nostro mondo interiore.
E allora non si tratta di una questione moralistico, del tipo comportamentale, o del tipo virtuoso, ma di una questione di interiorità. E qui, appena si tenta di entrare nel nostro essere interiore, c’è un guardiano che blocca, costringendo gli individui a dirottare su altre strade, carichi di tutti i loro pesi di cose inutili. Il guardiano ha un nome: l’ego, il principe del male che assume le sembianze di ciò che noi moderni possiamo anche chiamare la personalità dell’individuo o, addirittura, la coscienza che riflette un bene camuffato.
Le parole finali di Gesù, che meriterebbero una maggiore riflessione, sono chiare: il nuovo regno di Dio appartiene a tutti, senza distinzione di razza o di religione. Ai suoi “apparenti” amici dirà: «Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!». E, guardando lontano, vedrà venire da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno, nuovi popoli che siederanno a mensa nel regno di Dio.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi