«L’usura? È come la camorra. Attenti alle nuove schiavitù»

Il vescovo di Caserta, Giovanni D’Alise: «Ho sentito la notizia, sono rimasto costernato» – .
da AVVENIRE
12 luglio 2020
Il vescovo di Caserta.

«L’usura? È come la camorra.

Attenti alle nuove schiavitù»

Luigi Ferraiuolo
L’appello del pastore della diocesi di Caserta: anche il rigurgito razziale che sta avvenendo negli Stati Uniti ha la stessa origine. In entrambi i casi la persona non vale nulla
«La schiavitù non è mai finita. Non è mai sparita. Si è solo trasformata». È durissimo il vescovo di Caserta, Giovanni D’Alise, nel commentare la denuncia di Avvenire sui ragazzi dati in pegno agli usurai dalle famiglie, per saldare i debiti contratti dai genitori. «Stavo ascoltando la rassegna stampa radiofonica della Rai, come faccio sempre. Appena ho sentito la notizia, sono rimasto veramente costernato perché non mi sarei mai aspettato una cosa del genere – spiega monsignor D’Alise –. Non me la sarei aspettata in generale, nella mia diocesi e nella città in cui vivo: Caserta. Ho subito pensato che vuol dire che il male si insinua così fortemente nella società, che sembra che non ci sia.
E questo è il modo peggiore e più dannoso per insinuare il male nelle nostre comunità». È accorato il discorso del presule casertano. Il vescovo di Caserta non si aspettava che l’usura fosse diventata cosi subdola in Terra di Lavoro, da coinvolgere intere famiglie nei suoi tentacoli, facendo pagare ai figli – letteralmente – i debiti dei genitori. Figli, maschi e femmine, costretti ad andare a lavorare in aziende vicine all’usuraio, anche se non collegate direttamente con lui, per ‘restituire’ il debito. «Dico alle mie comunità e ai sacerdoti e a quanti a Caserta hanno rapporti con la società, a tutti i battezzati che operano più attivamente per il bene comune, di aprire gli occhi – continua D’Alise –. Perché sotto questi nostri occhi stanno accadendo cose impensabili. Se un ragazzo della mia parrocchia, il figlio di un mio amico fosse in questa situazione, passerebbe di continuo davanti a me una scena come quella che avete raccontato. Sono grato perciò al giornale e a chi ha parlato, per averci aperto gli occhi e averci dato la possibilità d’intervenire. E spero, in realtà, che non sia così grave, che non sia così vera la notizia » .
________________________________________
Per il vescovo Giovanni D’Alise, «quando un ragazzo va giovanissimo a lavorare senza la tutela di un adulto, anzi ne viene schiacciato, sappiamo che tutto può accadere»
________________________________________
Il discorso del vescovo di Caserta si fa poi più intenso. Cerca di entrare nei meccanismi più interni della società meridionale, più debole in genere rispetto a quella settentrionale, perché il lavoro è poco, la rete economica più debole. Le persone deboli sono più esposte in genere ai ricatti. Ma il discorso in realtà si può estendere anche al Nord, perché l’usura è universale, non ha confini. «La schiavitù non è scomparsa – sostiene monsignor D’Alise –, anche questo rigurgito razziale che sta avvenendo negli Stati Uniti ha la stessa origine. In entrambi i casi la persona non vale nulla. Ho ancora davanti a me l’immagine del poliziotto che teneva in ostaggio con il ginocchio George Floyd. Lo schiacciava, non solo fisicamente. Adesso ho l’impressione che stia emergendo una nuova schiavitù. Proprio come la camorra si è insinuata e nascosta tra noi, così ha fatto l’usura. E che nessuno pensi che l’usura e la camorra possano vivere nascoste tra di noi, senza farsi scoprire, mi fa pensare che la schiavitù si concretizza in tanti modi. Tanti lavoratori sono sempre più sfruttati; arriviamo addirittura, adesso, ai figli, alle figlie. Ragazzi che vengono mandati al lavoro al posto degli adulti, per saldare i debiti contratti dai genitori! Quando un ragazzo va giovanissimo a lavorare senza la tutela di un adulto, anzi ne viene schiacciato, sappiamo che tutto può accadere, anche l’aberrazione. Si può arrivare anche allo sfruttamento sessuale».
Per questo, monsignor D’Alise lancia un appello alle forze dell’ordine e ai magistrati a intervenire subito. A indagare con attenzione sulla denuncia del presidente della Camera di Commercio di Caserta, Tommaso De Simone. Impiegando tutti i mezzi possibili, come se si stesse indagando contro la mafia, la camorra. «Credo che sia il momento giusto per le forze dell’ordine e la magistratura. Sono state allertate dalla denuncia, ora devono intervenire – continua il pastore –. Penso proprio che sia necessario incitare le persone a denunciare questi fatti. Denunciare anche in forma anomina. Non si può non reprimere questo vizio che viene da lontano ed è come quello della prostituzione, vecchio come il mondo. È un peccato grave, perché si fanno i soldi sfruttando i bisogni delle altre persone. Ciò è antiumano e anticristiano. Si richiede, da noi Chiesa, un forte esercizio di solidarietà, ognuno per quello che può, ma che sia una solidarietà sensibile e fattiva. Spesso non ci rendiamo conto di quanta bontà ma anche di quanta malvagità c’è tra di noi. E i ragazzi – conclude – non ne possono pagare lo scotto».

1 Commento

  1. chapeau!!!!!!!Se tutti i vescovi e cardinali reagissero cosi’,quante situazioni si ammegliorerebbero!!!!!!!!!!!!

Leave a Reply

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi