Omelie 2016 di don Giorgio: TREDICESIMA DOPO PENTECOSTE

14 agosto 2016: TREDICESIMA DOPO PENTECOSTE
Ne 1,1-4; 2,1-8; Rm 15,25-33; Mt 21,10-16
Ebrei esuli che si accasano ed ebrei che sognano di tornare
La maggior parte degli ebrei che, dopo la distruzione di Gerusalemme e del Tempio (586 a.C.), erano stati deportati a Babilonia, con il passare degli anni era riuscita a integrarsi sul suolo straniero, trovando lavoro e una abitazione. C’era però anche chi rimpiangeva la patria. Non posso non ricordare il Salmo 137, che i critici definiscono un canto nazionale di dolore di un popolo che vive lontano, in terra straniera. Sullo sfondo la terra d’esilio, coi suoi fiumi e canali (il Tigri e l’Eufrate), quelli appunto che irrigavano la pianura babilonese, sede dei deportati ebrei. La seconda parte del Salmo è, invece, pervasa dal ricordo amoroso di Sion, la città perduta ma viva nel cuore degli esuli.
Vorrei rileggerlo per intero.
Salmo 137
«Sui fiumi di Babilonia, là sedevamo piangendo al ricordo di Sion/ Ai salici di quella terra appendemmo le nostre cetre. / Là ci chiedevano parole di canto coloro che ci avevano deportato, canzoni di gioia, i nostri oppressori: “Cantateci i canti di Sion!”. / Come cantare i canti del Signore in terra straniera? / Se ti dimentico, Gerusalemme, si paralizzi la mia destra; mi si attacchi la lingua al palato, se lascio cadere il tuo ricordo, se non metto Gerusalemme al di sopra di ogni mia gioia. / Ricordati, Signore, dei figli di Edom (gli edomiti si erano riuniti ai babilonesi nel distruggere e saccheggiare Gerusalemme), che nel giorno di Gerusalemme, dicevano: “Distruggete, distruggete anche le sue fondamenta”. / Figlia di Babilonia devastatrice, beato chi ti renderà quanto ci hai fatto. Beato chi afferrerà i tuoi piccoli e li sbatterà contro la pietra» (usanza barbara di chi voleva vendicarsi).
L’editto di Ciro il Grande (538)
Nel frattempo, la situazione politica è cambiata: i persiani hanno sconfitto i babilonesi. Nel 538 a.C. il re persiano Ciro il Grande, con un editto, lascia liberi gli ebrei di tornare in patria. Solo un piccolo gruppo, in periodi diversi, torna. È il piccolo “resto” del popolo. La situazione che trovano è disastrosa. I nuovi arrivati non sono bene accetti da quelli che erano rimasti, anche perché accampano le loro terre. E non si deve dimenticare che quelli rimasti in patria si erano uniti in matrimonio con donne straniere, ovvero pagane. Questo fa capire la tensione, la lotta, la miseria e quindi la diffidenza dei primi esuli ritornati.
Neemia e Esdra
Il brano di oggi parla di Neemia. Accanto a lui, non va dimenticato un altro personaggio importante, Esdra. Non è facile ricostruire la loro storia. Le date si confondono. Probabilmente sono vissuti in periodi diversi e probabilmente l’attività di Esdra ha preceduta quella di Neemia. Due personaggi con incarichi diversi, ma complementari. Esdra era uno scriba, con l’incarico di ricostruire il Tempio e di pensare all’aspetto religioso dei nuovo popolo, che si stava ricostruendo. Neemia, invece, era un laico, preoccupato dell’aspetto diciamo politico: il suo intento era quello di dare sicurezza alla città di Gerusalemme, ricostruendo le sue mura.
Non dimentichiamo poi la presenza di due profeti: Aggeo e Zaccaria, che sostenevano con la parola di Dio il popolo allo sbando.
Osservazione personale
L’accusa rivolta ai rimpatriati era quella di pensare subito alle loro terre e a ricostruirsi la casa. Quando erano in esilio, pensavano al Tempio distrutto e a Dio perché li facesse tornare in patria, ed ora, appena tornarti, se ne erano già dimenticati. Che dire? La storia si ripete. Ma non è solo la storia del popolo eletto che, quando stava male, pensava a Dio, e, quando stava bene, pensava a se stesso. È anche la nostra storia. Dicevano i nostri vecchi: arriva una guerra, e le chiese si riempiono; torna il benessere e le chiese si svuotano. Non dico altro.
Gesù e il Tempio
Il brano del Vangelo riporta ciò che è successo immediatamente, dopo l’ingresso trionfale di Gesù in Gerusalemme, nell’ultima settimana di Pasqua. Non dimentichiamo che Gerusalemme era soprattutto il Tempio, il cuore della religiosità ebraica o del culto nell’unicità del Dio d’Israele. Sembrava quasi che, ai tempi di Cristo, il Tempio non fosse solo una maestosità imponente di marmi splendenti, tanto più che dal 19 a.C. Erode il Grande lo aveva maggiormente restaurato e abbellito, ma era diventato il ritrovo di ogni infedeltà alla purezza della Legge e del culto interiore: così avevano già denunciato gli antichi profeti.
Gesù lo sapeva. Se da lontano sentiva tutto il marcio della casa di Dio, ora da vicino, poco prima di essere arrestato, vuole compiere un gesto provocatorio, anche in senso fortemente profetico.
Succedeva che il cortile del Tempio, detto dei Gentili (o dei pagani), soprattutto nelle vicinanze delle maggiori festività religiose, ad esempio la Pasqua, diventasse una specie di mercato, dove si cambiavano le monete pagane in monete sacre e si acquistavano e si vendevano animali per il sacrificio. Gesù non solo protesta a voce, ma, con una frusta di cordicelle (un particolare aggiunto da Giovanni), getta per terra il denaro dei cambiavalute e ne rovescia i tavoli, gridando: “Fuori tutti dalla mia casa: ne avete fatto una spelonca di ladri!”. C’è di più. Gesù guarisce ciechi e sordi che erano accorsi a vedere la scena, violando così una legge ben precisa, scritta nel secondo libro di Samuele (5,7-8), che vietava l’entrata nel Tempio di ciechi e zoppi.
Se con il gesto violento di restituire al culto del Signore anche il cortile riservato ai non ebrei, Gesù anticipava il suo volere di fare della casa di Dio uno spazio aperto ad ogni religione, con la guarigione dei ciechi e degli zoppi egli intendeva togliere ogni emarginazione.
Ma c’è ancora di più. L’evangelista Marco aggiunge che Gesù entrò nel Tempio «e dopo aver guardato ogni cosa attorno, essendo ormai l’ora tarda, uscì con i Dodici verso Betania» (11,11). Notate l’espressione che, così tradotta in italiano, non rende bene l’atteggiamento di Gesù: “dopo aver guardato ogni cosa attorno”. Che cosa ha visto? Il vuoto di Dio. Oramai non aveva più senso che restasse in piedi. Nell’anno 70 d.C., l’esercito romano agli ordini di Tito radeva al suolo, non solo la città, ma anche il Tempio, che da allora non verrà più ricostruito.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi