Genitori scriteriati e figli selvaggi

L’EDITORIALE
di don Giorgio De Capitani

Genitori scriteriati e figli selvaggi

Ho scritto un articolo, che ho messo sul mio sito e anche sulle mie pagine di facebook, su quanto succede oggi non solo in certe città d’Italia, vedi certe zone di Napoli, ma anche nei nostri piccoli paesi, una volta tanto umani, dove i valori erano fortemente condivisi, ma che oggi hanno perso gran parte di quel mondo che chiamiamo bene comune.
So che toccare certe realtà fa male e che si rischia di farsi del male. Lo so. Ma non si può tacere per quella paura di esporsi in pubblico e conseguentemente di tirarsi addosso le ire di qualcuno. Lo avete visto ciò che è successo dicendo la mia sul caso marò.
Basta omertà! Basta silenzi che uccidono più che le parole.
Certo, basta poco, e si viene emarginati. Basta proporre qualcosa in più del banale ordinario, e si rimane soli. L’ho sofferto nei miei lunghi anni di ministero pastorale.
A proposito dei genitori, ho scritto nell’articolo:
“Questi genitori super-protettivi che tengono i figli nella bambagia, fa niente se poi, fuori casa, ne combinano di tutti i colori. Fuori, figli di nessuno, in giro a zonzo, bighelloni, fannulloni, teppistelli, insulsi e senza meta, vuoti dentro, annoiati. E in casa? Amorucci di mamma e papà, tesorini strappa baci, poverini quanto siete bravi, coccolati e super-viziati, non fa niente se sono bocciati perché svogliati, un regalino non fa mai male, un incitamento perché non si ribellino”.
Non è forse così?
L’articolo prosegue:
“Napoli violenta che difende i teppistelli, per non dire peggio. E che dire delle nostre perbeniste famiglie del nord, dove i figli crescono coglioni, già avviati sulla strada dell’insignificanza, molli come fichi flaccidi, protetti dalla coglioneria di genitori che stravedono per i loro tesorucci, e che poi piangono lacrime amare quando un figlio resta secco, vittima “naturalmente” di una società “balorda”. E quale sarebbe la società “sana” per questi genitori che hanno generato figli solo perché si sono dimenticati del preservativo? Ma il preservativo ce l’avevano, e ce l’hanno ancora, sul cervello!”.
Che fare, dunque? Bisogna pur tentare qualcosa.
Ecco ciò che propongo nell’articolo:
“Urge fare opera culturale ed educativa, opera di prevenzione, sia civile che semplicemente umana, a iniziare dai nostri oratori, che devono cessare di essere solo parcheggi selvaggi, ambienti di comodo, confortevoli al massimo, super-sofisticati, dove non si distingue più il valore dal disvalore, dove anzi è lecito fare ogni cazzata, dove il libertinaggio è tollerato. Ma non è più accettabile il concetto che l’oratorio sia l’ambiente del minor male, dove a partire dai genitori viene ostacolato ogni sforzo in più per proporre un passo diverso. E se lo fai, sapete che cosa succede? Sempre le mamme, sempre loro, reagiscono male, si oppongono, arrivano a mandar via il prete o la suora”.
È triste che un prete o una suora che cercano di uscire dal solito tran tran, sopra descritto, vengano isolati, contestati, e messi alle strette. I bravi superiori che fanno? Stanno nel mezzo, ovvero non prendono posizione, e così sono costretti a spostare l’incomodo. Il prete o la suora si spediscono in qualche associazione di volontariato. Lontani dalla gente: la gente va lasciata il più possibile tranquilla. E così i figli de-crescono, marciscono nella merda, sembrano vivaci solo perché si dibattono come forsennati nelle sabbie mobili di una società sorda e cieca.
Qui, da noi, in Brianza, ma anche altrove, la situazione generazionale è spaventosamente in fase degenerativa. Ma chissenefrega? I genitori non vogliono vedere, i preti e le suore preferiscono evitare gli scontri, i superiori se ne stanno sulle loro cattedre a discutere sul sesso degli angeli.
14 settembre 2014
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

2 Commenti

  1. GIANNI ha detto:

    Tra un codice captcha evanescente e l’altro, sempre in attesa del nuovo computer, mi si visualizza quello del presente articolo, e ne approfitto per un commento.
    Poi ritento di visualizzare su altri articoli.
    Intanto, devo dire che condivido quanto detto dal precedente commentatore, Gigetto.
    Poi, visto che avevo preparato un commento su Napoli, colgo l’occasione per postarlo di seguito:
    credo che serva una certa consapevolezza di situazioni e persone, per comprendere appieno.
    A Napoli si ritiene che parte significativa della popolazione non accetti la legge.
    In realtà non è così.
    Sin dalla antichità, le prime organizzazioni mafiose pretendevano di essere loro lo stato, uno stato feudale, in cui veniva imposta la loro legge, ed alle stesse organizzazioni si ricorreva per decidere controversie tra i sudditi.
    Chiaro che per tutti questi sudditi, lattuale stato italiano, nato con il risogrimento, è una sorta di invasore straniero, che pretende di dettar loro la sua legge.
    Proprio per questo, essi riconoscono la legge della camorra, ma non quella dello stato.
    Non è un caso la situazione di zone off limits per le forze dell’ordine.
    E’ per questo che i sudditi dello stato camorristico accettano la dura legge camorristica, e si ribellano allo stato italiano ed ai suoi rappresentanti.

  2. gigetto ha detto:

    Caro don Giorgio , di tanto in tanto capito sul suo blog che leggo spesso con piacere anche se a volte abbiamo idee diverse ed oggi mi permetto di lasciare un piccolo commento riguardo alla sua visione della situazione giovanile .
    Non sarà un po’ troppo pessimista , suvvia i giovani sono davvero ridotti così male ? Sono figli del loro tempo oltre che dei loro genitori , dare la colpa alle madri troppo protettive se i figli diventano molli come fichi secchi mi sembra eccessivo dopotutto viviamo in una società che garantendo ( fortunatamente )un certo benessere ci ha forse rammollito un po’ tutti , grandi e piccini. No , stia tranquillo , non intendo dare la colpa alla “società” se le cose vanno male , questo alibi buono per tutti i momenti e tutte le discussioni non intendo usarlo , vorrei solo far notare che se le cose vanno in un certo modo FORSE è naturale che sia così . Se la sua generazione è stata temprata dalle sofferenze e dai rigori di un periodo storico durissimo e se la mia , più recentemente , è stata rafforzata dal lavoro che fino a qualche decennio fa non è mai mancato oggi dobbiamo prendere atto del fatto che le nuove generazioni non sono in grado di valutare il benessere come una conquista , lo intendono piuttosto come un dato di fatto , del resto i giovani a cui fa riferimento sono nati e cresciuti nel benessere , non hanno termini di paragone se non i racconti dei più anziani . Già , bell’affare , i racconti degli anziani da una parte ed i messaggi pubblicitari dall’altra che impongono e raccontano modelli illusori e vacui , chissà chi vincerà ?
    Ma io sono ottimista , vede , da sempre i giovani sono considerati degli smidollati , da secoli se non da millenni le generazioni precedenti tendono a considerare le future generazioni come meno valide. Forse è la paura del cambiamento , del nuovo , la paura di perdere i modelli su cui sono state costruite le basi della propria esistenza che quindi infine perde quel valore assoluto che pareva contraddistinguerla per diventare un esistenza legata ai tempi ed ai luoghi in cui si è svolta.
    Davvero abbiamo il diritto di imporre ai giovani i nostri modelli ed i nostri valori ? Che cosa direbbe di Lei , don Giorgio , un inquisitore del quindicesimo secolo (lasciamo perdere cosa direbbe a me , o meglio cosa mi farebbe )?
    Io penso che la considererebbe uno smidollato all’ennesima potenza eppure al giorno d’oggi Lei è una persona con la testa sulle spalle e con la schiena dritta ( mio modesto parere , condiviso da molti ) quindi sia indulgente con i giovani , non sono tutti poi così male e , come i tempi attuali sono migliori rispetto a quelli passati forse il futuro sarà più roseo di quanto immaginiamo , pazienza se una conseguenza di questo sarà il “rammollimento” della gente. Probabilmente si tratta di un dazio da pagare , maggior benessere , minor determinazione nelle persone .
    Amen. Saluti

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi