Salvini, la smetta di far la vittima. È lei la minaccia che incombe sul nostro paese

da raiawadunia.com

Salvini, la smetta di far la vittima.

È lei la minaccia che incombe sul nostro paese

by Raiawadunia Nov 14, 2019
Lei, Salvini, si paragona a Liliana Segre. Anche lei sarebbe minacciato. Scritte sui muri, e qualche proiettile in busta ai suoi indirizzi, lo proverebbero.
Sbaglia, Salvini. Sbaglia di grosso e mente.
Liliana Segre è una donna, una delle tante, che in giovane età è stata deportata e marchiata a vita. Come purtroppo si fa con gli animali. Ha rischiato di perdere la vita, ha sofferto ogni orrore, per il solo essere nata ebrea. Una vittima innocente.
Lei, Salvini, è altro.
Chi ha ruoli pubblici mette in conto che possano esserci problemi. A me, giornalista che si è occupato di mafie e loro amici in politica ed economia, è toccato aver casa messa sotto sopra, subire minacce, vedersi puntare pistole e lupare, sapere di essere un morto che cammina. Mi venne offerta la scorta, ma rifiutai. Non mi andava di mettere in pericolo le vite di altri. E, in ogni caso, se l’avessi accettata non l’avrei mai usata impropriamente e mai per far divertire i miei figli. E non ho fatto mai la vittima. Raccontare, denunciare verità, ha nel conto, purtroppo, nel nostro triste paese i suoi livelli di rischio.
Mai e poi mai avrei osato paragonarmi a Liliana Segre. Mai. Anzi il mio lavoro sarebbe stato illuminato da lei e dalle tante altre vittime delle infinite ingiustizie che popolano la nostra società. E’ per loro che faccio il mio mestiere.
E poi, per esser franchi, signor Salvini… che vittima lei sarebbe? Ha seminato coscientemente odio e paura a piene mani. Cosa si aspettava? Più che minacciato, lei mi sembra la minaccia. La più grande che questo nostro paese possa vivere.
È una minaccia chi si presenta come l’uomo della provvidenza. Società complesse richiedono risposte complesse. Squadre di talenti e gente onesta e competente, non salvatori della patria.
È una minaccia chi chiede tutti i poteri. Solo i tiranni hanno queste pretese e i loro infiniti danni riempiono i libri di storia.
È una minaccia diffondere paure irrazionali. Mentire. Esasperare i problemi. Trasformare gli avversari politici in nemici e metterli alla gogna. Lei lo ha fatto. Persino con minorenni.
È una minaccia trattare con potenze straniere tangenti. I suoi uomini di fiducia lo hanno fatto e poco importa se abbiano alla fine intascato la loro paga da traditori.
È una minaccia non aver mai voluto rispondere in parlamento di queste cose. È’ un mettersi al di sopra delle leggi, disprezzare le istituzioni, offendere la nazione. Lo fanno i tiranni.
È una minaccia aver sdoganato rifiuti del passato. Aver stretto la mano a chi inneggia al fascismo.
È una minaccia aver raccontato al paese nemici inesistenti occultando i veri problemi della nostra gente. Scatenare guerre tra poveri addossando ad alcuni ogni male possibile. Il debito pubblico italiano, la disoccupazione giovanile e non, le mafie, la corruzione sono responsabilità del mondo politico di cui lei da lungo tempo è parte. Non di poveri cristi in cerca di un po’ di speranza.
Per questo la smetta di piagnucolare e far la vittima. Lei è vittima di se stesso. Della sua fame di potere che può trasformarci tutti in vittime.
E se le capita di incrociare Liliana Segre, si inchini. E chieda perdono.
Silvestro Montanaro

3 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Sottoscrivo parola per parola, detesto Salvini e tutto il male che rappresenta e in cui si grogiola beatamente come i maiali nel fango. Ma almeno i maiali sono utili e saporiti, mentre il neo “patriota” padano è più fastidioso delle zanzare e del tutto inutile. L’unica sua “qualità” è quella di rammentarci quanto male può riuscire a fare l’essere umano che finge di preoccuparsi degli altri, ma in realtà non gliene frega un bel niente: l’importante è che possa continuare a cavalcare l’onda della popolarità nel bene (quasi mai) e nel male (quasi sempre).

  2. Luigi ha detto:

    Salvini o non capisce o finge di non capire che c’è una differenza tra l’essere vittima e il fare la vittima. La prima è vera perchè ne porta i segni come la Segre nel suo corpo. La seconda è falsa perchè non se ne vedono i segni. Lui sbandiera il vangelo e allora gli chiedo perchè ha molto risalto nei vangeli, pur nelle loro differenze, la passione e la crocifissione di Gesù (ebreo come la Segre)? Perchè per un cristiano è al Crocifisso che deve guardare? E’ nel Crocifisso che deve vedere i segni della Passione del Signore. Nella Chiesa preconciliare mia mamma andò a confessarsi da un passionista. Le disse che non voleva avere più figli. Aveva avuto il parto mio che l’aveva portata in sanatorio a curarsi dal rischio di una morte certa. Gli si era atrofizzato un polmone, l’altro erano riusciti a curarlo in tempo. Ne ha portato i segni fino a che è vissuta. Aveva avuto poi mio fratello grazie alla clinica Mangiagalli di Milano. Non voleva più rischiare per non lasciarci orfani. Il passionista gli aveva detto che faceva bene a non avere più figli e la benedisse. Salvini capisci la differenza tra l’essere vittima e il fare la vittima? Se non lo capisci abbandona la politica. Le benedizioni come quelle di Ruini non servono a nulla se non cambi te stesso. Se qualcuno dei tuoi legge questo blog te lo comunichi. Te lo dice uno che era come te e lumbard doc.

  3. bartolomeo palumbo ha detto:

    Grazie al signor SILVESTRO MONTANARI per questo articolo.E’esattamente quello che penso,ma se l’avessi scritto sarei sicuramente scivolato in qualche parolaccia e vista l’imparzialita’(?) della giustizia in questo benedetto o maledetto paese sicuramente non sarebbe servito a gran cosa.GRAZIE SIGNOR MONTANARI e tutto il mio rispetto e la mia stima per DON GIORGIO.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi