AVEVA ADOTTATO SEI PROFUGHI, ORA SONO TUTTI INTEGRATI, REALIZZATI E LIBERI

da www.famigliacristiana.it
09/01/2020 

AVEVA ADOTTATO SEI PROFUGHI,

ORA SONO TUTTI INTEGRATI,

REALIZZATI E LIBERI

Anche l’ultimo dei sei rifugiati che era stato accolto dalla famiglia Calò ha trovato un lavoro e ha lasciato l’abitazione. Una storia a lieto fine
Alessandra Vendrame
Il primo a lasciare la casa tre mesi fa è stato Saiou, 23 anni, ghanese, grazie a un lavoro regolare e alla possibilità di pagarsi un affitto. Dopo di lui hanno potuto lasciare il nido anche Braima, 34 anni e Tidajane 28 della Guinea Bissau. Poi è stata la volta di Saed e di Mohamed, gambiani di 29 anni entrambi. L’ultimo a salutare tutti il 31 dicembre scorso è stato Siaka, 23 anni, della Costa d’Avorio, anche lui ormai con un lavoro fisso e in grado di proseguire in autonomia la sua strada, con le proprie gambe. Dopo quattro anni e mezzo i sei profughi accolti dalla famiglia del professor Antonio Silvio Calò hanno lasciato tutti la casa di Camalò di Povegliano in provincia di Treviso.
Erano entrati per la prima volta l’8 giugno del 2015. Dopo esser scesi da un pullman partito dalla Sicilia. Oggi tutti e sei, oltre che sul riconoscimento giuridico ottenuto – il permesso umanitario o sussidiario – possono contare su un lavoro regolare. Per quattro di loro si tratta di un impiego a tempo indeterminato. Sono tutti perfettamente integrati e chi è sposato con figli potrà avere presto il ricongiungimento familiare: “Il nostro sogno di un’altra accoglienza, diversa ma possibile si è realizzato – spiega Antonio Silvio Calò, professore di Storia e Filosofia in un liceo trevigiano che per primo in Italia insieme alla moglie Nicoletta, anche lei insegnante, ha aperto la sua abitazione ai migranti coniando un’inedita forma di accoglienza “formato famiglia” – Come padre di famiglia sento che il cerchio si è chiuso, com’è nella natura delle cose.
Così è stato per i miei quattro figli Andrea, Giovanni, Elena e Francesco quando per la prima volta chi per studio, chi per lavoro, hanno lasciato casa. Adesso anche questi figli se ne sono andati. Ma noi ci saremo sempre per loro e loro ci saranno per noi. Come cittadino invece mi sento di dire che questa esperienza lascia una grandissima gioia e una forza morale incredibile. E’ una forma di accoglienza possibile. Si può fare. E se ce la può fare una semplice famiglia come la nostra non vedo come non ce la possa fare uno Stato”. Il 18 novembre 2015, al Quirinale, Antonio Calò ricevette dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella la nomina di Ufficiale dell’ordine al Merito “per l’esempio di civiltà e generosità che ha fornito a sei giovani profughi giunti da Lampedusa alla provincia di Treviso”.
La sua famiglia, madre, padre e quattro figli è stata la prima in Italia a prendere la decisione di stringersi un po’ in casa propria per far posto a sei profughi sotto il loro stesso tetto. Era diventata per questo un simbolo di accoglienza. Un caso unico, senza precedenti, pionieri nell’emergenza sbarchi. Ora che la loro storia di accoglienza formato famiglia è giunta al suo lieto fine, la famiglia Calò è già pronta a presentare il progetto al Parlamento europeo e all’Onu: “Voglio poter spiegare come un modello di accoglienza diffusa sia possibile – spiega Calò – Certo ci vuole impegno, tenacia e determinazione. Serve una pianificazione a lungo termine. La questione non si risolve con uno schiocco di dita, ma se si vuole si può fare. Soltanto quando non c’è la volontà politica non si può fare nulla”.
La formula già pronta ad approdare in Europa prende il nome dagli stessi numeri dell’esperienza di accoglienza vissuta in casa. “Sei più sei, per sei”. Vale a dire sei migranti per ogni Comune di 5 mila abitanti. E ogni sei gruppi di richiedenti asilo un team di sei operatori, dai medici agli psicologi, dagli avvocati ai docenti, al lavoro insieme per favorire l’integrazione. E ora che anche l’ultimo dei migranti accolti, Siaka, ha lasciato l’abitazione in provincia di Treviso in casa restano solo i figli più giovani. Visto che Antonio e Nicoletta da dicembre 2017 hanno detto sì a una nuova esperienza di comunità pastorale tra consacrati e laici. Scegliendo di andare a vivere nella canonica della parrocchia di Santa Maria del Sile a Treviso insieme al parroco don Giovanni Kirschner per condividere ancora una volta l’abitazione con giovani, italiani e non.
Sono già sette i ragazzi e le ragazze che per periodi più o meno lunghi qui hanno trovato casa: “Quando si apre una porta non si chiude più – conclude il professor Calò – L’esperienza di accoglienza vissuta è stata unica nel suo genere. Portando un cambiamento di vita sul piano umano, sociale e familiare. Tutti abbiamo bisogno di essere accolti. Adesso vogliamo continuare sulla strada dell’accoglienza con una attenzione particolare alle persone sole. Soprattutto i giovani più deboli e fragili ai quali serve dare speranza”.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi