Vandalizzato l’asilo di don Puglisi. Fa paura alla mafia

da AVVENIRE
12 marzo 2019
Palermo.

Vandalizzato l’asilo di don Puglisi.

Fa paura alla mafia

Alessandra Turrisi, Palermo
Tra gli adulti c’è anche chi incita i vandali. I presidi: «Interverremo subito nelle scuole» Il vescovo Lorefice: «I bimbi non sono Cosa nostra»
Le persiane chiuse rappresentano un binocolo straordinario per chi osserva tutto senza essere visto. Chissà in quanti a Brancaccio, dietro a quelle tapparelle verdi o marroni, si sono goduti lo spettacolo della calata delle istituzioni su quel terreno spoglio che accoglierà il primo asilo nido del quartiere, per poi vederlo violato da babyteppisti e illuminato dal rogo di mobili vecchi, in una “vampa” di San Giuseppe accesa un po’ in anticipo.
Una, due, sei incursioni oltre l’inferriata in due giorni, spezzando più volte catene e catenacci, riportando dentro spazzatura, che gli operai comunali avevano provveduto a rimuovere per restituire pulizia e dignità a un altro pezzo della difficile periferia palermitana. Qualcuno, approfittando del buio della sera e del totale isolamento di questo tratto di via Brancaccio, un tempo accesso ai passaggi a livello per “scendere in città”, oggi primo avamposto del rione dopo il moderno cavalcavia, si è pure affacciato al balcone per incoraggiare i ragazzini piromani: « Adduma, adduma! » («Accendi, accendi»). Tracce di chi pretende che nulla possa mai cambiare e vuole affermare che quel terreno non deve appartenere a nessun altro.
Eppure, a una rapida lettura, viene da chiedersi: che valore può mai avere quel fazzoletto di terra brulla, circondato da piccoli edifici dell’antica borgata, ruderi, sullo sfondo palazzoni in cemento e una vecchia fabbrica confiscata alla mafia e abbandonata? Cosa può mai giustificare ostilità di fronte a un progetto di rinascita così bello, sognato da don Pino Puglisi? Il sacerdote martire, ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993, vedeva nell’asilo nido uno dei servizi fondamentali per far crescere i bambini del quartiere lontano dai pericoli della strada e della criminalità.
Assieme alla scuola media, ai campi sportivi, ai locali parrocchiali, al consultorio: luoghi di costruzione dei diritti. Per questo il Centro di accoglienza Padre Nostro, fondato dal beato Puglisi, sta lottando assieme alle istituzioni perché il sogno diventi realtà. Ma il clima sembra ostile.
I primi danneggiamenti sono comparsi meno di ventiquattr’ore dopo la festa di consegna del progetto al Comune. Striscioni strappati e gettati a terra, catena e lucchetto spariti, una se- dia in pezzi e minacce al presidente del Centro Padre Nostro. Tre ragazzini di circa 10 anni che, al richiamo di Artale di andare via dal terreno, hanno replicato: «Tu cu sì? Unn’è u tuo u tirrienu e ccà tu asilo un ni costruisci » («Tu chi sei, il terreno non è il tuo e qui tu asilo non ne costruisci»).
Poi sono tornati, hanno spezzato di nuovo la catena, hanno appiccato il fuoco alla sedia rotta, accumulando altri pezzi di mobili vecchi ai margini, carburante prezioso per un falò più ricco. Sono passati davanti alla sede del Centro Padre Nostro, rompendo uno dei due vasi che ornavano l’ingresso. Non contenti, domenica sera un ragazzino è stato individuato dai carabinieri mentre era intento ad appiccare il fuoco.Uno stillicidio che fa scattare l’allarme tra gli operatori sul territorio, terra di missione per associazioni e parrocchia, per docenti e volontari. I presidi delle scuole sono basiti.
«Apprendere che gli autori di questi raid siano bambini è disarmante » afferma Palma Sicuro, dirigente scolastica della Orestano, 650 bambini tra infanzia e primaria a due passi dalla parrocchia San Gaetano. «Qualcuno ha mandato i bambini per dare un messaggio preciso? È inquietante – dice –. Ne parlerò con i miei docenti, chiederò loro di affrontare l’argomento in classe. La nostra missione è quella di don Puglisi. Fare in modo che i più piccoli possano frequentare il nido significa creare terreno favorevole alla legalità».
«Siamo sbigottiti», e sì che Andrea Tommaselli, preside dell’istituto comprensivo Padre Pino Puglisi, 870 alunni in vari plessi, ne ha viste di cose in questi anni. «Il lavoro che facciamo ogni giorno cerca di incidere proprio su questi ragazzini, ma c’è qualcosa che non torna. Noi operiamo a scuola, ma la famiglia dov’è? – dice –. Quello che è accaduto va interpretato, dobbiamo agire e reagire. Se questi raid sono da associare a qualcosa di più grave, se i ragazzi sono stati mandati da qualcuno, è veramente terribile. Se hanno agito autonomamente, è grave ugualmente, perché non sono capaci di rispettare un luogo che è di tutti. Come scuola dobbiamo essere presenti in questo momento difficile, organizzeremo un’iniziativa comunitaria sul terreno del futuro asilo».
L’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, manifesta la sua solidarietà: «I bambini non sono cosa nostra e non sono di Cosa nostra. Queste intimidazioni ci dicono che siamo sulla strada giusta. Mi vengono in mente le parole di don Pino Puglisi, quando durante un’omelia disse ai responsabili delle intimidazioni: ‘Venite, parliamone’. L’asilo nido si farà e ricorderà a tutti che i bambini sono figli di Dio, che devono vivere nella piena libertà, non devono essere strumentalizzati ». Il parroco di San Gaetano, don Maurizio Francoforte, interpreta ciò che è accaduto: «Non basta una manifestazione, bisogna prendere possesso del territorio e fare in modo che ci sia un presidio costante. Per questo chiedo che il terreno accanto, che appartiene pure al Comune, possa essere trasformato in un parcogiochi per i bambini di quella zona. Noi ce ne occuperemo».

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi