Il vuoto, l’abisso e il nulla… senza scampo!

di don Giorgio De Capitani
Non ho parole per definire al meglio, o al peggio, le mezze calzette, per usare un eufemismo,  del mondo politicante di oggi.
Dire che siamo nel vuoto assoluto è dire ancora niente, proprio perché parlare di vuoto è parlare al vento.
Almeno avessimo un appiglio, e dire ad esempio che anche un rottame può servire a uscire dal vuoto.
Eppure, dire che i politicanti di oggi sono rottami di un passato oramai morto sembrerebbe offensivo, meritevole di querele, ma non si vuole capire che sarebbe quasi un onore coi tempi che corrono verso il vuoto assoluto.
Un rottame sarebbe già qualcosa!
D’altronde, a chi addossare le colpe: solo ai rottami del cadavere di una democrazia, che da anni puzza nello stagno maleodorante?
Forse è un circolo vizioso, da cui uscirne sembra impossibile, del tutto impossibile.
Questo popolo è vittima di se stesso, della sua vacuità culturale, che da tempo si trascina come un sacco vuoto di idee e di convinzioni, ma soprattutto di quel Pensiero che ha fatto nel passato sempre più lontano la nostra vera Storia.
Quel Pensiero si è esaurito!
Siamo in uno stallo pauroso, in cui anche gli spiriti liberi sembrano soffocare, se non altro perché “costretti” a soffocare dai mostri del nulla.
Se prima parlare di Berlusconi e company sembrava un insulto alla Civiltà e alla Giustizia, oggi parlare di Di Maio e di Salvini e company sembra un insulto al Genio italico.
In questi giorni, appena ho sentito per caso il nome di Alcide De Gasperi, mi è venuto come un colpo al cuore, pensando a Berlusconi, a Di Maio e a Salvini.
Non ci sono confronti!
Ma perché si è creato il vuoto, l’abisso, il nulla?
Mi riesce difficile anche solo immaginare una colpa, una responsabilità, una causa.
Il vuoto è tale, l’abisso è tale, il nulla è tale che ogni colpa, ogni responsabilità e ogni causa diventano tali assurdità da crearci vertigini.
Quando, in questi giorni soprattutto, sento epiteti come “fantocci”, “buffoni”, “sbruffoni”, “saltimbanchi”, “burattini”, per non citare altri titoli quali: ”aborti”, “ossa inaridite”, sinceramente sono convinto che la realtà sia ancora più assurda e più deprimente.
La Politica è morta!
La Democrazia è morta!
Non ne sono rimasti neppure i rottami!
Siamo entrati nel vortice del nulla, e il nulla ha solo il volto di ombre di ombre della vacuità più oscena.
Ma almeno ci è rimasto un barlume di coscienza per ribellarci?
Trovassimo almeno prete in oratorio con cui parlare di cose serie!
Non pretendo dalla gerarchia qualcosa di buono, visto che anch’essa è vittima del nulla.
Almeno un prete, questo sì, che alzi la voce, tiri fuori la testa dalla sabbia, dia l’input per una radicale contestazione.
Ho visto solo un nobile e coraggioso gesto: quello di una ragazza, che ha rifiutato il gelato a Salvini.
Perché non partire da questo gesto per fare la rivoluzione?

 

6 Commenti

  1. angelo ha detto:

    C’era miseria ma non erano miserabili…

  2. Patrizia ha detto:

    Quale decisione più sensata quella di riconfermare Gentiloni fino a prossime elezioni.
    Non è che un popolo può essere in balia di giochi e giochetti che hanno veramente ben poco di senso di responsabilità verso il Paese.

  3. Giuseppe ha detto:

    Non solo il paragone con De Gasperi, che certamente è stato l’uomo politico più geniale, illustre e rappresentativo dell’Italia repubblicana, ma anche con altri ed altre che hanno avuto un ruolo nel periodo che -dai soliti presunti (e presuntuosi) esperti- viene chiamato stupidamente “prima repubblica” è del tutto improponibile e fuori luogo. Perfino un pallone gonfiato come Bettino Craxi, nonostante la sua propensione a concepire la politica come un mezzo per assicurarsi un avvenire da nababbo, nascondendo in Tunisia, come un volgare pirata, il tesoro accumulato con le ruberie, appare come un gigante di fronte a questi commedianti di mezza tacca che aspirano a governare il paese, mentre non fanno altro che mettere in scena una pessima replica de “Le allegre comari di Windsor” di scespiriana memoria.
    Sono convinto che la differenza principale (ma non l’unica) tra i politici dei primi decenni del dopoguerra e le parodie di politicanti che infestano le cronache di questi giorni, sia che LORO, quelli del secolo scorso, ci credevano veramente! Eccome se ci credevano. Erano combattenti e militanti che uscivano dall’incubo di una guerra disastrosa che aveva quasi azzerato il paese, anche perché preceduta da una dittatura che aveva soffocato ogni aspirazione di democrazia, eventi che però, nonostante tutto, non avevano potuto far nulla contro la speranza, l’ansia di libertà e la voglia di ripartire e ricostruire, non solo materialmente, un paese in ginocchio. E se sei una persona seria e credi in certi valori non c’è ostacolo che tenga.
    Oggi l’unico che sembra avere un certo equilibrio e le idee chiare e su cui, per fortuna, possiamo ancora fare affidamento è Mattarella, che non a caso appartiene ancora alla generazione di politici non coinvolti nelle vicende grottesche di questo inizio millennio.

    • pino ha detto:

      mi ricordo che de gasperi si fece prestare un cappotto da un nuo ministro per una visita di politici americani e se ben ricordo einaudi usava rammendarsi da solo i pantaloni, uscivano da una miseria terribile ,pero altri tempi altre persone..:_(

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi