Omelie 2018 di don Giorgio: TERZA DI PASQUA

15 aprile 2018: TERZA DI PASQUA
At 16,22-34; Col 1,24-29; Gv 14,1-11a
“Atti degli Apostoli”
Nel periodo pasquale, che va dal giorno di Pasqua fino alla Pentecoste esclusa, la Liturgia della Messa offre ai fedeli come primo brano una pagina, breve e talora più lunga, che fa parte del libro “Atti degli Apostoli”, scritto da Luca, autore anche del terzo Vangelo.
Ancora oggi questo libro, che, nell’elenco canonico dei testi del Nuovo Testamento, viene subito dopo il Vangelo di Giovanni, è poco conosciuto da parte anche dei cristiani più praticanti. E, a parte i brani offerti dalla Liturgia in questo periodo pasquale, non so quanti l’abbiano letto per intero.
Già il titolo “Atti” non aiuta a cogliere l’intento di Luca che, oltre a raccontare alcuni eventi relativi soprattutto ai due personaggi, Pietro e Paolo, ha voluto mettere in evidenza  l’azione invisibile ma reale dello Spirito Santo, che attraversa la nascita e la crescita delle prime comunità cristiane.
“Atti”, ovvero fatti strepitosi o prodigi divini, ma anche peccati, tradimenti, persecuzioni, morti violente.
Non solo la parola “atti”, ma la specifica “degli apostoli” può essere fuorviante, come se Luca avesse scritto le imprese solo di alcuni apostoli all’inizio del cristianesimo. Niente di più falso. Casomai, gli apostoli non sempre fanno belle figure: litigano, manifestano le loro debolezze, le loro miserie amane.
Un altro titolo?
Forse bisognava inventare un altro titolo, ad esempio: “La misteriosa azione dello Spirito santo nel cristianesimo delle origini”. In realtà, anche un titolo così non sarebbe ancora esauriente: lo Spirito santo è sì il vero e unico protagonista, diciamo l’occulto regista dello sviluppo del cristianesimo, non indipendentemente, ma attraverso l’agire “peccaminoso”, anche nel senso di “difettosità”, di “manchevolezza”, da parte dei primi apostoli, dei primi missionari e del comune popolo di Dio.
Attenzione, dunque: Luca, nel suo libro, non racconta con enfasi le meraviglie compiute dagli apostoli; o, diciamo, non presenta gli apostoli come eroi, o santoni. Luca narra le difficoltà e i difetti già presenti nelle prime comunità cristiane e, nello stesso tempo, vuole descrivere l’azione dello Spirito santo che, nonostante le righe storte, scrive qualcosa di straordinario.
Non è, dunque, la capacità o bravura degli apostoli o le doti personali dei primi capi della Chiesa nascente a governare il cristianesimo, ma la loro fede nel Cristo risorto o, meglio, la loro fede nell’agire dello Spirito santo.
Quando dico Cristo risorto o Cristo della fede e parlo di Spirito santo, non parlo di due realtà diverse: o, meglio, non parlo di due realtà da distinguere l’una dall’altra. Ricordo che Cristo, mentre moriva sulla croce, ci ha donato il “suo” Spirito. Sottolineo: il “suo” Spirito.
Ho ritenuto opportuno fare questa lunga premessa, non solo per inquadrare il primo brano della Messa di oggi, ma anche tutti gli altri brani che la Liturgia ci presenterà in questo periodo pasquale.
“… completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo”
Passiamo al secondo brano della Messa. L’apostolo Paolo, nella lettera ai cristiani di Colosse, città dell’Asia Minore, non molto lontana da Efeso, tra altre cose interessanti scrive:  «… sono lieto delle sofferenze che sopporto per voi e completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo, a favore del suo corpo che è la Chiesa».
Su queste poche righe sono stati scritti commenti a non finire. Una cosa sembra chiara: Gesù di Nazaret, dunque il Cristo storico, pur patendo indicibili sofferenze anche fisiche (basta leggere i racconti evangelici della passione), non ha preso su di sé tutta la sofferenza del mondo. Anzi, dico di più: c’è stato, c’è e ci sarà sempre anche un solo essere umano che più di lui ha patito, patisce e patirà sofferenze disumane.
Dico di più. La cosa più assurda è che la Chiesa stessa, pensate ai periodi della Inquisizione, ha fatto patire agli innocenti sofferenze ben più atroci di quelle patite da Cristo.
Ad ogni modo, l’apostolo Paolo forse intendeva dire: quando soffro, non solo partecipo della sofferenza patita da Cristo, ma aggiungo “qualcosa” che è mancato alla sofferenza di Cristo, nel senso che questo qualcosa di aggiunto contribuisce alla salvezza ulteriore del mondo.
Secondo la concezione di Paolo, Cristo ci ha redento con la sua morte di croce. O, meglio, Cristo ci ha riscattato con la sua morte. Una concezione forse da rivedere e da superare in parte, anche perché la Chiesa ci ha marciato bene su questo concetto di una sofferenza redentiva.
Non mi dilungo. Dico solo che ogni sofferenza, anche fisica, è positiva, quando contribuisce al cosiddetto bene comune. Nessuno, sarebbe una assurdità!, chiede al Signore una malattia, o un tumore, ma a ognuno di noi è richiesto di “sacrificare”, nel senso positivo, tempo, energie e altro perché si raggiunga, tutti insieme, quel ben-essere che è la fonte della vera beatitudine.
Sacrificare comporta, anzitutto, rinunciare a qualcosa di quel falso ben-essere, che è in realtà un ben-avere, che è la vera fonte del male individuale e sociale, e che produce il vero mal-essere. .
“Io sono la via, la verità e la vita”
Una brevissima riflessione sul Vangelo di oggi, in particolare sulle parole di Gesù: “Io sono la via, la verità e la vita”.
Non mi stancherò mai di far notare che queste parole le ha dette non tanto Gesù di Nazaret, quanto il Cristo risorto, il Cristo della fede o il Cristo mistico. In altre parole, è lo Spirito di Cristo a ripetere ancora oggi: “Io sono la via, la verità e la vita”.
La via, la verità e la vita non è la Chiesa di Cristo. E ogniqualvolta essa si è presa il diritto di auto-presentarsi come via, verità e vita ha sempre commesso enormi sbagli, portando l’umanità fuori strada.
È lo Spirito santo la via, la verità e la vita. E lo Spirito, come ha detto Gesù Cristo a Nicodemo: «soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi