Chi mi capisce, capisca anche i miei paradossi

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Chi mi capisce,

capisca anche i miei paradossi

Forse non riesco più nemmeno a immaginare, quando penso a questa Chiesa tutto fumo e nulla di sostanzioso, e a questa mia Diocesi, sull’orlo di una implosione oramai inevitabile, che riterrei comunque provvidenziale.
Ma la storia come è sul punto di impennarsi come cavalli impauriti, così è altrettanto pronta a rimettersi ancora in moto, ma nel frattempo nessuno riesce a immaginare i danni di questi arresti o stravolgimenti da cui solo gli spiriti liberi sanno uscire indenni, pur pagandone le conseguenze, più che sulla loro pelle, a causa della loro profonda empatia con l’umanità di cui si sentono intimamente parte.
E poi sento dire, con quella naturalezza tipica di anime beote già immerse nel paradiso delle oche giulive, che siamo totalmente nelle mani di Dio, per cui tutto ha un ordine e tutto ha una logica, anche quando l’assurdità delle situazioni e la perversione che ne è la causa appaiono come il disegno misterioso di un dio, tanto capriccioso quanto demoniaco.
E così ogni cosa rientra in quel gioco “provvidenziale”, per cui: più forte è il male, più bello e imprevedibile è la reazione di Dio, il quale sembra sempre pronto a intervenire dopo il male, per dire a tutti che egli è tremendamente il migliore, proprio perché è capace di inventare qualcosa di ancor più bello, sorprendendo ogni razionalità umana, ricavando dal male peggiore il bene migliore, anche con gestazione assai dolorosa.
Ma, se posso anche farmi affascinare da un simile gioco nella ricerca della maggiore abilità di prevalere sul male (come non vedervi una certa magia?), accettandone tutti i rischi, i mali e le conseguenze drammatiche sull’essere umano (tanto, si dice, qualcuno che verrà dopo di noi potrà raccogliere qualche buon frutto, gustando qualche gioia sul sangue incalcolabile di incalcolabili vittime umane), che senso potrà avere una esistenza fatta di mediocrità tali da non sapere neppure trovare una scusa, pensando al Dio provvidenziale che sa trarre il bene migliore dal male peggiore?
So di dire cose che sembrano paradossali e anche allucinanti. Ma, questa è la realtà che ci sta davanti, in una Chiesa che, se spesso e volentieri mette sullo stesso piano il dio atroce del male e il dio provvidenziale del bene (due divinità che, più che contrapposte, si richiamano a vicenda), poi agisce giustificando ogni meschinità e mediocrità, come la terza via scelta da Dio quando è stanco di mungere dal male ogni bene.
Vorrei essere più chiaro. Lasciando stare la politica che non può appellarsi a qualche deus ex machina, al di fuori dei soliti bastardi amanti del delirio di onnipotenza, ciò che mi sconcerta di questa Chiesa è la sua capacità, talora così assurda da doverla in pratica giustificare per non impazzire, di vivere nella normalità più scadente, ovvero nella mediocrità, in nome di quella virtù che sa togliere ogni asperità interiore, ovvero ogni ribellione di uno spirito cosciente della propria libertà d’essere.
Se, per esempio, mi dovesse entusiasmare l’idea di un dio del bene che sappia trattare dal male vie umanamente impensabili per risorgere a nuova vita, dovrei chiedermi nello stesso tempo a che cosa servirebbero anime del tutto spente, o castrate in nome di una virtù che tutto omologa sul presunto volere di un dio, costretto a vegetare, perché lasciato lì a vegetare, ritenuto incapace di incazzarsi di fronte ad un male talora “invisibile”, ma sempre del tutto reale.
Una Chiesa, dunque, che spegnesse gli spiriti più vivaci, e temibili proprio perché eccedenti la normalità, eliminerebbe quella via provvidenziale che è l’unica alternativa al male “invisibile” ma reale: un male che è più male se si rende più invisibile.
Solo gli spiriti liberi nella realtà del proprio essere osano sfidare questo male, che la Chiesa e il suo dio impotente non riescono più né a vedere né a contrapporvisi.
E la bastardaggine della Chiesa/istituzione consiste nel tentativo di castrare le anime più vivaci o, meglio, nell’emarginarle in una solitudine al limite del suicidio, in nome di un dio che vede il male dove non c’è, e non vede il male dove c’è.
E ancora. La Chiesa sembra fare di tutto per reprimere gli spiriti liberi e intelligenti, contrapponendo ad essi pastori diocesani per nulla liberi nello spirito e per nulla illuminati: spenti da una cieca sottomissione ad un volere divino che in realtà – qui sta l’atroce inganno – è una invenzione ad hoc di una struttura religiosa, idolo di se stessa.
15 luglio 2017
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

1 Commento

  1. Carmine ha detto:

    Caro don Giorgio, sono in generale d’accordo con la tua analisi.

    Permettimi una piccola riflessione personale sul discorso di “essere nelle mani di Dio”. Spesso mi capita di dire nel mio intimo “sono nelle Tue mani”, ma non in modo “passivo”. Siamo tutti chiamati a fare la nostra parte per portare il Vangelo di un Dio che, secondo me, non ci vuole assolutamente “passivi” (la parabola dei talenti ne è la conferma). In questo senso io vedo nelle cose che dici una grande “attività” che nasce dal tuo intimo sentirti parte di un’umanità alla quale vuoi bene: per questo motivo il tuo spirito libero ti fa spesso incavolare, soprattutto quando vedi quella parte di umanità schierarsi contro il messaggio radicale di Cristo, salvo poi dichiararsi ipocritamente “cristiana” per compiacere e compiacersi di una chiesa strttura tanto vicina ai sepolcri imbiancati di cui parla Gesù.
    In questo senso dire “essere nelle mani di Dio”, dire “Signore, sono nelle tue mani” può essere inteso anche “attivamente” come un “aiutami nella battaglia” contro quelli che sono definiti “i dominatori di questo mondo di tenebra, gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti” (Efesini 6,12).

    Buona battaglia don Giorgio.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi