Omelie 2015 di don Giorgio: Festa dell’Assunta

15 agosto 2015: Assunzione della B. Vergine Maria
Ap 11,19-12,6a.10ab; 1Cor 15,20-26; Lc 1,39-55
“De Maria numquam satis”
C’è un detto latino, che è attribuito a San Bernardo di Chiaravalle, monaco e abate francese del XII secolo d.C., e che recita: “De Maria numquam satis”: “di Maria non si dice mai abbastanza”, ovvero c’è sempre qualcosa ancora da dire, bisognerebbe parlare ancora di più. Eppure già si è detto tanto: pensate che la biblioteca della Pontificia Facoltà Marianum di Roma, conserva circa  60.000 volumi di mariologia. Un autore ha scritto: «è come se, per amore dei figli, Maria porga ogni giorno sotto i loro occhi nuove collane di perle, sempre più splendenti, per la festa loro, strappando voci di meraviglia».
Che dire? Forse bisognerebbe parlare di meno, ma puntando alla qualità. Credo che non ci sia una creatura umana che abbia ricevuto più elogi della Madonna, a proposito e a sproposito. Non solo se ne parla troppo a sproposito, ma si fa di tutto perché ella continuamente parli, tramite apparizioni. E pensare che le parole della Madonna riportate dagli autori dei quattro Vangeli sono poche ed equilibrate. Dopo la risurrezione di Cristo, Maria, pur presente nella Chiesa primitiva, non parla più in modo ufficiale.
Non vorrei anch’io cadere nel difetto di un eccesso di parole a riguardo della festa di oggi, Assunzione della Beata Vergine Maria in cielo. Vorrei limitarmi a qualche riflessione, senza entrare nel merito del dogma.
1. Maria si mette in viaggio per far visita alla cugina Elisabetta
Un esegeta commenta: «Se i personaggi del vangelo avessero una specie di contachilometri incorporato, penso che la classifica di camminatore più infaticabile – Gesù a parte – l’avrebbe vinta la giovane ragazza di Nazareth. Sempre in cammino… ».
Ma distinguiamo bene: essere pellegrino significa avere una meta da raggiungere, a differenza del vagabondo che non sa dove andare. Purtroppo, sembra che la società di oggi sia una massa di vagabondi che camminano, quando camminano, ma senza avere una meta ben precisa. Non è questo il significato di quel disorientamento che caratterizza l’uomo moderno? Siamo sommersi da punti interrogativi, ma senza porci le vere domande esistenziali: da dove veniamo, verso dove andiamo, perché viviamo? Disorientati e confusi, vagabondiamo senza una meta. E anche quando c’è una meta (vado in quel negozio a comperare il pane o faccio una gita in una città), restano sempre dentro di noi i dubbi sul perché ci comportiamo in un certo modo. Le vere mete poi vanno ben oltre le mete quotidiane condizionate dal nostro vivere quotidiano. Arriviamo a fine settimana, facendo le solite cose, senza un ideale che dia un senso al nostro vivere.
2. Una constatazione già sconvolgente: l’incontro di due donne
Il Vangelo offre l’unica pagina in cui sono protagoniste due donne, senza nessun’altra presenza, che non sia quella del Mistero di Dio pulsante nel loro grembo. Prima parlano le madri, poi parleranno i figli. Una precedenza non solo biologica, ma profetica. Profetizzano per prime le madri. Zaccaria, moglie di Elisabetta, proprio per non aver creduto alle parole dell’Angelo, resterà muto fino alla nascita del figlio.
Anche Giuseppe, promesso sposo di Maria, aveva avuto perplessità. Non è strano che i Vangeli non riferiscano alcuna parola di Giuseppe? Esiste anche una profezia muta? In ogni caso, a profetizzare sono le due mogli e le future mamme: Elisabetta e Maria. Poche parole, in verità, ma degne di un quadro familiare particolarmente intenso.
3. Magnificat: il canto dei poveri della Chiesa primitiva, fatto proprio da una donna
Ci sarebbe tanto da dire sul Magnificat: qui sarebbe il caso di riprendere il detto “numquam satis”.
Tutti gli esegeti concordano nel dire che il Magnificat non è un inno inventato dalla Madonna, ma è il prodotto della fede della Chiesa primitiva. Ma la cosa già sconvolgente è che la Chiesa primitiva l’abbia attribuito ad una donna: Maria, madre di Gesù.
L’ho già detto e lo ripeto: negli scritti del Nuovo Testamento la donna aveva una importanza tale che, se fosse poi continuata lungo la millenaria storia della Chiesa, forse non saremmo arrivati a quel degrado maschilista che ha portato la stessa Chiesa sull’orlo dell’abisso. Lasciamo stare l’azione dello Spirito santo, che sa risolvere le situazioni più complesse con il tocco quasi magico del suo soffio interiore, le grandi donne nella Chiesa, pur eccezioni, hanno anch’esse tirato fuori la Chiesa gerarchica, ovvero maschilista, da altrettanti situazioni complesse. Cito solo un nome: Santa Caterina da Siena. Eppure, queste donne profetiche hanno sempre avuto una parte diciamo eccezionale, e non ordinaria. L’ordinario è sempre maschile, purtroppo.
Umili o umiliati?
Il Magnificat è il canto in difesa dei poveri, degli ultimi, degli affamati, di coloro che sarebbe meglio definire “umiliati” piuttosto che “umili”.
Un esegeta commenta: «Umili lo si può essere per una condizione naturale del carattere, indipendentemente dalla situazione sociale ed economica nella quale ci si trova (anche un ricco può essere umile, per carattere); umiliati, invece, lo si è perché resi così dalla vita, dalle difficili situazioni che a volte ci si trova a dover fronteggiare. E per via della difficile situazione a livello socio-economico (e non solo) nella quale ci troviamo ormai da diverso tempo, credo che oggi parlare di un Dio che innalza gli umili e rovescia i potenti dai troni voglia dire fare riferimento ai molti, ai troppi umiliati della vita».
Quanto si è equivocato sul significato della parola “umile”! La Chiesa gerarchica ha sempre invitato i credenti ad essere “umili”, ovvero soggiogati all’autorità, lasciando gli “umiliati”, ovvero gli “oppressi” nella loro condizione sociale.
Infine, che senso dare alla Festa dell’Assunzione? 
Giorgio Manganelli, scrittore e giornalista italiano morto nel 1990, scriveva: «Fra tutte le epidemie, i sismi, i tifoni, gli sbarchi di cavallette, le alluvioni torrenziali, solo certo e prevedibile resta il ferragosto… Durante le non molte, ma fatali ore del ferragosto, trionfa una colossale eclissi dell’esistenza. Nulla viene prodotto, eccetto l’ectoplasma…». E ancora: «La mia sensazione più profonda è che il ferragosto sia la festa del Nulla: e a questa convinzione io mi adeguo».
Che dire? Salviamo almeno la speranza, e crediamo nella vita che ha sempre un passo in più della morte.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi