Decenni di offese e pregiudizi, Salvini si risparmi il tour al Sud

da DEMOCRATICA
Piero De Luca
5 agosto 2019

Decenni di offese e pregiudizi,

Salvini si risparmi il tour al Sud

In un anno di Governo è aumentata la distanza tra Nord e Sud. Con quale coraggio Salvini immagina di presentarsi oggi alle comunità meridionali?
Il Paese affonda. In questo contesto, però, invece di occuparsi della sicurezza urbana, della produzione industriale ferma al palo o del gap sempre più profondo tra il Nord e il Sud del Paese certificato dalla Svimez, invece di seguire da vicino i colloqui della neo Presidente della Commissione europea, Ursula Von Der Leyen, per poter attribuire un portafoglio di peso al futuro Commissario italiano, e invece di partecipare alle commemorazioni per la Strage di Bologna, il vicepremier, ministro dell’Interno, preferisce andare al mare e occuparsi di altro.
Continua a dimostrarsi refrattario al lavoro, dopo un anno di ripetute assenze nel suo ufficio al Viminale e sui tavoli europei in cui si discuteva di immigrazione e sicurezza.
In questi giorni, peraltro, Salvini è andato anche oltre, se possibile. A testimonianza del fatto che non c’è mai limite al peggio. A Milano Marittima è andata in scena una rappresentazione indegna ed indecorosa. Un vicepremier, ministro dell’Interno, ha volgarmente offeso l’immagine delle istituzioni italiane, mostrandosi in pose inaccettabili tra consolle, drink e moto d’acqua della polizia. Si tratta certo di una strategia comunicativa studiata e calcolata, che gli è però sfuggita di mano scadendo nel grottesco e ridicolo.
Nel frattempo, l’Italia è in sofferenza proprio sui temi che dovrebbero essere di stretta competenza di Salvini.
Nel Paese si respira un clima di odio, insicurezza e paura che ha superato i livelli di guardia, e il c.d. Decreto Sicurezza Bis serve solo per qualche slogan comunicativo, ma non contiene alcuna previsione seria e concreta per rafforzare la sicurezza nei nostri territori.
I fatti di cronaca degli ultimi mesi restituiscono l’immagine di un’Italia ormai fuori controllo, dove si spara e si uccide in pieno giorno e nei centri urbani, dal Nord al Sud. Il tutto nella completa indifferenza di Salvini, il quale continua a limitarsi a strumentalizzare i reati e i delitti ma non fa nulla per evitare che quei reati e delitti vengano commessi.
In Europa, siamo scomparsi. L’Italia è ormai isolata ed inconsistente, relegata nella serie C dei Paesi membri, ancor più dopo la spaccatura di Lega e M5S in Parlamento europeo sul voto alla Presidente della Commissione.
Quanto alle risposte sul tema migranti, è bene chiarire ancora una volta come sia stato proprio il Governo del presunto cambiamento, insieme agli amici del blocco di Visegrad, a frenare da più di un anno tutte le proposte di riforma necessarie per una gestione comune, condivisa e solidale, del fenomeno migratorio. Quando ha partecipato agli incontri, l’Esecutivo giallo-nero ha, anzitutto, acconsentito al blocco dei ricollocamenti di 27.000 richiedenti asilo che ancora oggi devono essere trasferiti in altri Stati membri. Ha poi insabbiato la riforma del regolamento di Dublino e ha votato contro la creazione di una nuova guardia di frontiera e costiera europea di 10.000 agenti, per la lotta alle reti di trafficanti di uomini. Il tutto senza considerare il fallimento completo del progetto di rimpatrio in un anno dei 600.000 irregolari, così fortemente sbandierato in campagna elettorale.
Insomma, un disastro su tutti fronti.
Nelle prossime ore, soddisfatto di questi risultati, Salvini dovrebbe organizzare dei tour in giro per il Paese, toccando anche il Sud. Dopo aver offeso per anni i cittadini meridionali, sulla scia delle dichiarazioni rilasciate in queste ore, che confermano uno squallido pregiudizio ancora oggi ardente verso un Mezzogiorno “ladro” e “incapace”, dopo aver tentato da mesi di far approvare un progetto di autonomia differenziata che penalizzerebbe irreparabilmente i servizi scolastici, sociali e sanitari, nonché le infrastrutture e le opportunità di futuro nel Sud, dopo aver approvato una legge di bilancio che ha strappato miliardi di euro di risorse alle comunità meridionali per investimenti e sviluppo, dopo aver gravemente contribuito in un anno di Governo ad aumentare la distanza economica ed occupazionale tra Nord e Sud del Paese, con quale coraggio immagina di presentarsi oggi alle comunità meridionali?
Impari a rispettare il Mezzogiorno, le sue enormi eccellenze e le sue straordinarie doti e capacità umane, lavorative ed amministrative!
Al Sud sono tutti pronti ad accettare la sfida dell’efficienza, nel rispetto dell’unità nazionale, partendo dalla definizione preliminare dei costi e fabbisogni standard, sulla base dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale, come sancito dall’art. 117, secondo comma, lettera m), della Costituzione. Non si tollerano più pregiudizi o prese in giro.
Per questo, se vuole visitare le meraviglie paesaggistiche e naturalistiche del Sud, gli organizziamo con piacere qualche giro in barca. Se pensa invece di venire a fare squallida propaganda pensando di cancellare in un colpo decenni di offese e insulti, gli consiglio vivamente di risparmiare inutili giri turistici estivi. Resti in spiaggia al Papeete, così impiega meglio e in modo più produttivo il suo prezioso tempo.

 

3 Commenti

  1. Patrizia ha detto:

    E già, poi gli è andato a toccare pure il reddito di cittadinanza, a quel punto non ci hanno visto più.
    Bisogna capirli.

  2. Giuseppe ha detto:

    Di che pasta sia fatto Salvini, lo ha dimostrato una volta di più in questi ultimi giorni di “crisi-non crisi-chissà” che l’hanno visto ancora una volta protagonista indiscusso. Leggo che nel corso della sua carriera politica ha sempre brillato per le sue molteplici assenze, oltre naturalmente che per gli insulti volgari ai “fastidiosi terroni” che adesso, chissà perché, lo dovrebbero vedere come una luce guida. Troppo impegnato, evidentemente, ad alimentare le cronache dei rotocalchi e a distribuire selfie a non finire a chiunque glielo chiedesse, per dimostrare la sua anima popolare (alias populista) e la sua ben nota vicinanza alla gente comune. L’importante era disertare le aule del parlamento, i consigli dei ministri e gli uffici ministeriali, tanto a parlare per lui, quando non faceva proclami “coram populo” alla nazione da una spiaggia o da una stazione sciistica, c’era la sua attivissima segreteria informatica con facebook, twitter, instagram e tante altre diavolerie social. Il ministro della nostra (in)sicurezza deve essere, tra l’altro, allergico alle aule del parlamento, visto che quando ha dovuto intervenire pochi giorni fa è scappato subito dopo aver fatto le sue dichiarazioni.

  3. bartolomeo palumbo ha detto:

    OTTIMO ARTICOLO.Prima di emigrare all’estero,ho emigrato un anno a MILANO,ed e’ li che mi sono sentito veramente straniero.Preciso che sono di origine ABRUZZESE,quindi d’ITALIA CENTRALE,ma sentimentalmente del SUD ITALIA.CIAO ATUTTI,salvo a salvini e i suoi accoliti.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi