Omelie 2019 di don Giorgio: ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

15 agosto 2019: ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA
Ap 11,19; 12,1-6a.10ab; 1Cor 15,20-26; Lc 1,39-55
Anticamente la Festività mariana di oggi, che conosciamo come Assunzione, era chiamata con altri due termini: “Dormitio Mariae”, l’addormentarsi di Maria, naturalmente in vista del risveglio; e anche: “Transitus Mariae”, il passare di Maria dalla morte alla vita, passaggio ovvero pasqua: la Pasqua di Maria.
Diciamo subito: la festività di oggi nel suo aspetto liturgico non ha nulla che richiami il privilegio come se, essendo Maria stata preservata dal peccato originale (privilegio celebrato nella festa della Immacolata concezione dell’8 dicembre), ed essendo la morte la conseguenza più tragica del peccato originale, così Maria sarebbe stata esentata anche dalla morte. L’espressione “Dormitio Mariae” sembra alludere a questo privilegio.
Forse un po’ di logica ci direbbe che, essendo anche Cristo stato concepito senza peccato originale, non avrebbe dovuto di conseguenza conoscere la morte. Ma tutti sanno che non solo ha conosciuto la morte, ma una violenta condanna a morte.
Due donne in gestazione
La Liturgia, anche nella scelta dei brani biblici, non si è posto il problema della morte di Maria.
Il brano del Vangelo parla della maternità di Maria e della cugina Elisabetta, mentre il brano dell’Apocalisse parla di Maria che ha già partorito il figlio, entrambi costretti a fuggire per non essere divorati dal Drago.
Ma fermiamoci sul brano del Vangelo.
Due donne in gestazione. Stanno per partorire un figlio.
“Gestazione” è forse la parola più suggestiva nel campo della Mistica.
Secondo Eckhart, più che la verginità, che in sé è qualcosa di sterile, è la maternità che dà un senso pienamente vitale, diciamo creativo, alla verginità. La verginità senza la maternità dice poco o nulla: è la maternità che dà un senso alla verginità. Ogni verginità deve essere aperta alla vita, altrimenti è pura sterilità. In che senso? Qui sta il punto.
Nella Mistica, si esce da ogni aspetto di “carnalità”. Tutto avviene in un rapporto di carattere assolutamente spirituale. Qui si aprono orizzonti del tutto nuovi e sorprendenti.
Vorrei fare, per inciso, una breve osservazione, che è una domanda. Come la Chiesa ha considerato, lungo i millenni, la verginità? Non è forse vero che ha dato un’importanza estrema al suo aspetto fisico?
Certo, nel grembo di Maria, così come nel grembo della cugina Elisabetta, c’era un figlio biologico, “carnale”, ma credo che ci sia lecito, soprattutto riferendoci a Gesù, figlio di Maria, pensare ad un figlio del tutto speciale, al Logos che ha assunto un corpo fisico, ma andando oltre: era il figlio generato per opera dello Spirito santo.
Ogni essere umano gravido di un figlio
Ogni essere umano, indipendentemente dal sesso o dal genere, è gravido di un figlio, che è quel Genio interiore che va coltivato fin dalla nascita, così da sentirsi, ciascuno, madre o padre di qualcosa di grande nella realtà dello Spirito.
All’inizio del Magnificat, una delle pagine più potenti dei quattro Vangeli, un inno probabilmente liturgico messo in bocca a Maria, troviamo queste parole: “L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva”. Che significa “umiltà”?
Tutto è opera dello Spirito! Perché non riconoscerlo? Quando c’è di mezzo lo Spirito, nulla è merito dell’uomo o della donna. Ognuno presta il suo grembo, e l’agire fecondatore dello Spirito è garantito. Così è successo per Maria: il suo merito sta nell’aver detto di sì, e ciò ha permesso allo Spirito di agire liberamente.
Umiltà significa riconoscere l’agire dello Spirito che compie miracoli, quando trova via libera.
Purtroppo, la fertilità del nostro grembo, sia maschile che femminile, è condizionata da una struttura religiosa, sempre pronta a far abortire ogni tentativo di fertilità ad opera dello Spirito santo.
Immaginate una società, per non parlare anzitutto di una Chiesa o di una religione in genere, dove ognuno sia gravido di un figlio, che è il proprio Genio interiore, pronto prima o poi a nascere per dare impulsi nuovi ad una Umanità sempre alla ricerca del Meglio divino. Invece che cosa succede?
Siamo grembi sterili di Vita, ma gravidi di mostri che divorano ogni speranza.
La Chiesa, madre universale?
Mi chiedo come si possa dire che la Chiesa è Madre universale, quando in effetti i figli sono solo “carnali”, svuotati di ogni spirito interiore, che pretendono diritti “carnali”, come se bastasse un rito religioso, il battesimo, a dare una vernice di cristianesimo, dietro cui si nasconde quell’antica barbarie, che sembrava fosse stata per sempre debellata dalla Grazia dello Spirito santo.
La Chiesa è Madre universale nella misura in cui i suoi membri sono figli di Dio, generati e partoriti nello Spirito santo.
È lo Spirito che ci genera e ci rigenera, e non la Chiesa: la Chiesa in quanto istituzione è solo una “carnalità” che raccoglie i già figli di Dio, e ne fa talora degli aborti nello Spirito.
Si sostiene ancora che la Chiesa sia nata con la Pentecoste (a 50 giorni dalla Pasqua, con la discesa ufficiale dello Spirito santo sugli apostoli) o, addirittura, sulla croce. In realtà, sulla croce, mentre muore, Cristo ci ri-dona quello Spirito, di cui l’autore sacro della Genesi scrive che, prima della creazione, lo Spirito “aleggiava sulle acque”. Quindi, prima di ogni struttura, di ogni istituzione, di ogni manufatto.
E, in realtà, non sono le strutture, le istituzioni, i manufatti che Maria duramente contesta nel Magnificat, per dare voce ai più poveri, agli umili, agli scarti della società?
Ogni struttura è gravida di macigni. L’essere profondo di ogni realtà umana è gravido di vita. Dunque, una società di pietre, o una umanità di esseri gravidi di Spirito?

1 Commento

  1. Patrizia ha detto:

    Bellissima omelia, grazie don Giorgio.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi