Autonomia regionale, un gigantesco equivoco alimentato dalla Lega

da Democratica
Sergio Chiamparino
15 febbraio 2019

Autonomia regionale,

un gigantesco equivoco alimentato dalla Lega

Sull’autonomia regionale Lega e 5stelle trasformano il governo Conte-Salvini-DI Maio in una palestra elettorale
Come per la Torino-Lione, anche sull’autonomia regionale Lega e 5stelle trasformano il governo Conte-Salvini-DI Maio in una palestra elettorale per raccogliere, ognuno dal suo versante, il massimo di consensi all’appuntamento europeo e amministrativo di maggio.
Nel caso dell’autonomia, lo scontro si gioca su un gigantesco equivoco alimentato da settori della Lega, che fa passare l’applicazione dell’autonomia differenziata come uno strumento per incrementare le risorse trattenute nella regione a scapito delle altre regioni, realizzando una sorta di regione a statuto speciale. Si lascia cioè immaginare che si aggredisce il residuo fiscale – il saldo tra imposte versate allo stato e risorse che tornano in regione – per conquistare spazi di autonomia.
È un po’ come il gioco che facevano alcuni monaci del medioevo che, non volendo onorare il venerdì magro, cambiavano il nome del maiale in pesce per potersene cibare. È una cosa che non sta assolutamente negli articoli 116 e 119 della Costituzione che vanno letti insieme. Un tema, non dimentichiamolo, introdotto in Costituzione nel 2001 dal centrosinistra con la modifica del titolo V. Il principio deve essere difeso e sostenuto: spostare alcune competenze dal centro alla periferia per andare sui territori e rispondere meglio, con più conoscenza delle realtà locali, ai loro bisogni. Semplificazione e flessibilità nelle risposte sono categorie che valorizzano l’autonomia differenziata, senza trasformare le singole regioni in “repubblichette” isolate l’una dall’altra e tra di loro concorrenti.
Le richieste del Piemonte e di altre regioni sono nel pieno alveo costituzionale e immaginano, in questo quadro, che le risorse trasferite dallo stato siano esattamente le stesse utilizzate dallo stato per le competenze che passano alle regioni. Si tratterebbe di un passaggio di risorse a saldo zero per lo stato, e quindi senza alcuna sottrazione alle altre regioni, che su quel piano non perderanno un solo euro.
Faccio qualche esempio per essere più chiaro, riferito alla mia regione che ha scelto di chiedere maggiori competenze su 12 materie rispetto alle 23 possibili: io incontro spesso imprenditori che lamentano di non riuscire a trovare del personale specializzato per le loro aziende. È evidente che tra le nostre richieste c’è quella di poter governare l’istruzione e la formazione professionale, in modo da costruire risposte formative alle reali domande di lavoro che vengono dal tessuto economico.
Lo stesso vale per i beni culturali. Noi abbiamo già una esperienza di governo locale di un museo nazionale, l’Egizio, attraverso una fondazione, che ha dato subito ottimi risultati perché ha permesso di eliminare gran parte delle lungaggini e della burocrazia. Chiediamo il trasferimento di queste competenze, e se con esse verrà trasferito anche il personale addetto, questo porterà dallo stato le risorse necessarie, che però non verranno a quel punto spese dallo stato stesso. Nulla verrà dunque tolto alle altre regioni.
È su questo che il governo, se non fosse accecato da logiche e interessi puramente elettorali, dovrebbe cimentarsi: quali competenze trasferire senza che ciò pregiudichi né le risorse disponibili, né l’unitarietà e l’indivisibilità dello stato. Ad esempio, un conto è chiedere più flessibilità per la gestione di alcuni beni culturali, altro è chiedere il trasferimento della titolarità dell’intero patrimonio culturale in regione. Un conto è trasferire la gestione dell’intero comparto scolastico, altro è permettere una programmazione territoriale che consenta di rispondere meglio ai bisogni formativi territoriali.
È su questo, e non su altro, che il governo e il Parlamento devono decidere.

 

3 Commenti

  1. ottavio ha detto:

    Scusate, io due anni fa ho subito un’operazione a cuore aperto. Aspettavo l’intervento, ma non mi chiamavano mai. Poi mi hanno spiegato che ogni Regione dovrebbe avere per legge un suo centro cardiologico, ma alcune non ce l’hanno (é inutile dire quali) e preferiscono ‘lavorare sul venduto’ inviando al Nord i pazienti con rimborsi molto superiori. Quindi, per rispettare il pareggio di bilancio (giustamente!), i pazienti extra-regione mi passavano davanti, mentre i disturbi aumentavano. A prescindere da chi propone l’autonomia differenziata (un Partito che non ho mai votato), obbligare certe Regioni a rispettare la legge e razionalizzare le proprie risorse é l’unica soluzione per questa situazione assurda. Se Chiamparino non é d’accordo, faccia lui una proposta alternativa sull’argomento, perché dire a uno con i miei problemi che l’autonomia regionale é fare corsi professionali aderenti alla realtà produttiva locale, é una gran presa in giro.

  2. Giuseppe ha detto:

    Ormai lo sanno anche i sassi che la politica di casa nostra è perennemente in campagna elettorale. La ricerca del consenso a tutti i costi è una delle prerogative di parecchi partiti, a cominciare da quelli di governo. Se a tutto ciò aggiungiamo la spinta autonomista-scissionistica che ha sempre caratterizzato la Lega (nord), solo in parte mitigata di recente da un’opportunistico senso dello stato, utile a trovare consensi anche nell’Italia centro-meridionale, è facile capire il motivo che ha spinto alcune regioni a rivendicare una ambigua maggiore autonomia, così da poter trasformare il nostro paese in una sorta di confederazione.

  3. luigi ha detto:

    Concordo con Chiamparino.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi