Che cosa ci potrebbe insegnare?

di don Giorgio De Capitani
Quando ho appreso la notizia, mi è venuto come un colpo al cuore! Ho enormemente sofferto! E soffro tuttora!
E mi è venuto subito un pensiero di odio contro chi, e ci sarà, avrà pensato: “Ma chissenefrega!”.
Non si può assolutamente dire: “Chissenefrega!”, davanti ad un’opera d’arte che brucia! Costoro non meritano di far parte dell’Umanità.
Un attentato terroristico che coinvolge nella morte mille e più persone sarebbe sempre meno grave di una cattedrale in fiamme!
Mi ricordo ancora la reazione della popolazione di Monte, appena ha saputo dell’incendio partito dal ripostiglio di fianco all’altare. Per una mia disattenzione! È stato un accorrere per dare tutti una mano! Ma la gente non ha voluto conoscere le cause dell’incendio: è rimasta impressionata dal rischio che ho corso buttandomi per primo tra il fumo che poteva intossicarmi. Era la “mia” chiesa!  Anche allora eravamo agli inizi della Settimana santa!
E non dimenticherò mai il gesto estremo di quel prete che, vedendo crollare, a causa del terremoto, la sua chiesa, si è impiccato con la corda delle campane!
La chiesa, qualsiasi chiesa, è un patrimonio di fede! Bella o brutta che sia architettonicamente.
Anche le piccole chiese oramai chiuse, perché il paese è deserto, rimane sempre come un faro: un faro della fede del passato, e un faro di una presenza divina che, chiusa o no la chiesa, continua a provocare anche i più indifferenti.
A me fa enorme sofferenza vedere chiese chiuse su orari prestabiliti. In quel momento, avrei voglio di pregare o anche solo di starmene da solo, e la chiesa non è aperta!
Ma le cattedrali hanno qualcosa in più: una bellezza straordinaria, riflesso del Bello Assoluto!
Oggi non si costruiscono più cattedrali: manca il genio artistico del Bello! Oggi si costruiscono obbrobri, e li chiamano capolavori d’arte, e la gente prende questi obbrobri come luoghi dove ritrovarsi stupidamente nel nulla.
Non è qui la sede o il momento di collegare eventi storici ad una cattedrale, e Notre Dame di Parigi potrebbe avere non pochi vanti.
Un’amica mi ha fatto riflettere sul nome della Cattedrale: Nostre Dame, Nostra Signora!.   “Notre Dame è simbolo della donna. Parigi, la Francia, sono femminili. Giovanna d’Arco è stata arsa sul rogo”. Aggiungerei Margherita Porete, e altre donne libere.
Ciò che mi affascina di una cattedrale è qualcosa di inesprimibile: un insieme di emozioni che vanno dai sensi più sensibili alle emozioni più mistiche.
Forse la parola “cattedrale” non è la più appropriata, ma lo è se intendiamo per cattedra una scuola d’arte viva, o anche semplicemente una Cattedra, da cui emanano infiniti raggi del Bello.
Anche gli antichi barbari restavano come paralizzati davanti alle cattedrali. I barbari di oggi no! Loro rimangono affascinati solo dal loro ventre. Non vorrei neppure nominarli – lo sappiamo chi sono – per non contaminare ogni pensiero del Bello.
Le cattedrali in genere sono state risparmiate dalle guerre; solo il fuoco può distruggerle.
Il fuoco! Dove risiede tutta la sua potenza distruttrice? Difficile rispondere! Come è difficile cogliere la sua potenza purificatrice.
Oggi forse bisognerebbe parlare di “cattedrali nel deserto”, anche se le ritroviamo nel cuore di una città. E qui, con timore di essere frainteso, mi verrebbe da dire: non tutto il male viene per nuocere!
Immersi come siamo nella banalità di una società del tutto alienata, che ha perso ogni senso del Divino, una cattedrale in fiamme può essere una provvidenziale provocazione: “Ecco come sono ridotta!”. E il mondo intero ne parla, e riflette.
Ma per quanto tempo dureranno questi momenti riflessivi? Forse pochi, o forse tanti, ma attenzione: andando per questa strada fuori dal Divino, scomparirà ogni segno del Divino, e ci troveremo sull’orlo del burrone.
Infine, una tentazione mi è venuta: parlare anche di un’altra cattedrale, il Duomo di Milano.
Ma il “nostro” Duomo è così gelido che nessuna fiamma potrebbe consumarlo. Ci sono, purtroppo, anche cattedrali in cui Dio sembra svanito nel nulla. 
L’evangelista Marco annota: Gesù «entrò a Gerusalemme nel tempio. E dopo aver guardato ogni cosa, essendo ormai l’ora tarda, uscì con i Dodici verso Betania» (11,6). Anche qui siamo agli inizi della Settima santa. Gesù, con uno sguardo a 360 gradi (così suggerisce il verbo greco περιβλεψάμενος) che cosa aveva visto? Secondo alcuni studiosi avrebbe visto tante cose, ma non la presenza di Dio! Dopo quarant’anni (nel 70 d.C.), quel Tempio, il cuore della religiosità ebraica, verrà raso al suolo dall’esercito romano e non più ricostruito.
No, non auguro a nessuna cattedrale la fine del tempio di Gerusalemme! Anche un solo giusto meriterebbe l’esistenza di una grande cattedrale.
Ma non posso dimenticare una delle più straordinarie preghiere bibliche: quella tra Abramo e il Signore (Gen 18,22-33). Abramo litiga con il Signore che vuole sterminare Gomorra. In breve. Abramo dice al Signore: “Come puoi punire tutta la città? Non farlo, in nome dei giusti che ci sono!”. E sul numero dei giusti, che man mano riduceva, Abramo riesce a strappare a Dio una promessa (prima 50, poi 45, poi 40, poi 30, poi 20). Ma sotto il numero dieci Abramo non scende. Ha capito di aver perso. Il Signore punisce Gomorra: non c’erano neppure dieci giusti!

 

2 Commenti

  1. bartolomeo palumbo ha detto:

    Bellissimo il suo commento ecommovente quello di Giuseppe.Mi associo a voi.Un saluto fraterno da Belgio.

  2. Giuseppe ha detto:

    Ho sempre apprezzato quelle chiese che trovi aperte ad ogni ora del giorno. La chiesa, secondo me, non è solo un luogo di culto fine a se stesso, ma è qualcosa di sacro, un riparo, un rifugio per le anime tormentate. Sono certo che anche chi non è praticante ogni tanto sente il bisogno di entrare, avverte un richiamo a far visita al Padreterno per pregare, magari silenziosamente tralasciando parole imparate a memoria ed ormai quasi prive di significato. È il richiamo di chi ha sacrificato la sua vita per noi ed è presente nel Santissimo Sacramento, è l’invito di chi ci ha lasciato questo messaggio:
    «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò ristoro! Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, perché sono mite e umile di cuore; e voi troverete riposo alle anime vostre; poiché il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero.»

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi