Un buonismo che fa paura

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Un buonismo che fa paura

Non perché ci sia un eccessivo talora violento accanimento mediatico nei riguardi di una ragazza che, pur vittima della sua fragilità, non sembra rendersi ancora rendersi ancora conto di essere diventata lo zimbello di una situazione paradossale al limite della sopportabilità, io debba per questo moderare il mio giudizio o, ancor peggio, astenermene, quando il caso ha superato la decenza così da mettere a rischio qualsiasi credibilità anche di chi in realtà ha messo in pericolo la propria vita o addirittura l’ha persa per essere rimasto fedele alla propria coscienza di essere umano.
Il cosiddetto buonismo, talora diplomatico e spesse volte ipocrita (pensate alla Chiesa cattolica costretta a difendere l’indifendibile per salvare l’ecumenismo o cose del genere), risulta così irritante, proprio perché vorrebbe salvare la persona, ovvero quella maschera che serve a coprire un vuoto interiore.
Quando un caso, per tante circostanze, esce dalla sua privacy e richiede perciò un giudizio generale oltre il caso personale, siamo tenuti in coscienza a scoprire ciò che sta dietro alle apparenze, tanto più se ci si trova davanti a una enfatizzazione di un modello per nulla positivo per i giovani.
Ridurre tutto al semplicistico ragionamento che la ragazza ora è salva, e che solo questo basta a giustificarla o a proteggerla da qualsiasi giudizio sul suo comportamento, è davvero ridicolo, per non dire idiota e stomachevole.
Siamo in tal caso ancora vittime di un buonismo che fa paura, perché copre la veridicità dei fatti e lascia le cose nella loro stupidità senza scampo.
Ne va di mezzo anche il futuro della società, e vengono tradite quelle speranze di una gioventù già in declino, ma a cui basterebbe poco per rigenerarsi: una Bella testimonianza di martirio che rompa quel cliché vergognoso di chi si adatta ad ogni tradimento, pur di salvarsi la propria pelle.
Pelle con pelle, e ogni indizio di coscienza è soffocato da un vuoto d’essere, che paradossalmente pesa come un macigno sul domani.
Sì, anche le nullità vanno protette dai cani rognosi, ma lasciamole estinguersi nella loro inutilità.

16 maggio 2020
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

2 Commenti

  1. simone ha detto:

    Giusto per farsi 4 risate.
    Venerdì sera in chiusura del TGR Lombardia mandano un servizio da Lecco sul riavvio delle Messe col popolo. Il prevosto di Lecco, già responsabile delle comunicazione di 3 Arcivescovi, che ricordo di aver smascherato qui sul blog il giorno della sua nomina, descrive come hanno affrontato la situazione. Lui ha istituito il COVID Manager un volontario con competenze sanitarie in ambito mondiale.
    Allora Prevosto di Lecco già la situazione è difficile, se volevi fare il direttore generale di una grande azienda ti laureavi alla Bocconi e potevi inventare tutte le figure che volevi. La Chiesa è altra cosa; a noi delle tue capacità manageriali tipiche di chi ha passato una vita in curia senza dormire una notte in parrocchia, non ce ne frega niente.
    La Chiesa è altra cosa; voi con la vostra arroganza, la ricerca di un efficientismo che non è richiesto e opportuno avete trasformato tutto in materiale. Avete messo nella testa della gente che la chiesa è un’azienda, che deve essere ottimizzata, che deve badare a autofinanziarsi, che deve controllare ogni cosa….si avete messa nella testa della gente che l’uomo può, con le sue capacità, controllare ogni cosa.
    Infatti abbiamo visto il super-uomo che bella figura ha fatto col COVID.
    Veramente, preti di una pochezza esagerata. Vorrei poter assistere con assiduità alla sua predicazione per capire quale Vangelo racconta e quali valori trasmette.
    Il Covid Manager…..futura teologia….tipico di chi non ha niente da fare tutto il giorno, se non inventare nuove inutili figure. Come nelle migliori aziende dove per tirar sera si pianificano, ogni 6 mesi, riorganizzazioni.
    Chiaramente, visto che la curia legge questo blog, son sempre in attesa di una loro chiamata, di un loro cenno così vuoto il sacco una volta per tutte.

  2. Luigi ha detto:

    “Maiori forsan cum timore sententiam in me fertis quam ego accipiam (Forse tremate più voi nel pronunciare questa sentenza che io nel riceverla)”. Questa frase di Giordano Bruno è la più importante della sua vita. La disse prima di essere bruciato sul rogo a Campo de’ Fiori. Galileo non ha fatto la stessa fine, ma è stato costretto all’abiura. Non era un religioso e non era un pericolo per la Chiesa. La Chiesa ha bisogno di vittime sacrificali e di buonisti che le corrono in soccorso. Don Giorgio tu sei nella Chiesa, ma non sei della Chiesa e le tue critiche, anche se giuste, non sono gradite specie nel caso di questa cooperante. La vorrò vedere come concilierà il suo ideale di donna con la realtà della donna nell’Islam. Concilierà la Fatima dell’Islam con la Nostra Signora di Fatima? Nel cattolicesimo tedesco oggi c’è la prima “Giornata delle donne predicatrici”(due nella sola diocesi di Münster). Nell’Islam il ruolo delle donne è controverso, come nel cattolicesimo romano dove alle donne è negato il sacerdozio. Penso che i vittimisti e i buonisti fanno più danno a questa ragazza di chi cerca di risvegliarla dal torpore nel quale è caduta con questa conversione. Passare dalla pentola di un cattolicesimo all’acqua di rose, alla brace di un islam sorrisi e bacioni, mi ricorda un politico madonnaro bacia crocefissi o simili che si professano cristiani. “Il cristiano del futuro o sarà un mistico o non sarà” (Karl Rahner)

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi