Non c’è posta per te: è multa record

Raccomandate in un ufficio postale
© Foto LaPresse
da Il Manifesto
ECONOMIA

Non c’è posta per te:

è multa record

Servizi Truccati. Dall’Antitrust massimo della sanzione prevista (5 milioni): i mancati recapiti hanno messo in ginocchio anche la giustizia penale

Nina Valoti

16.09.2020
È capitato a tutti. Ritrovarsi in buchetta un «avviso di giacenza» per una raccomandata. Spesso però ci si accorge che all’ora indicata per la mancata consegna qualcuno in casa ci fosse e allora viene il dubbio che Poste Italiane facesse apposta a non consegnare le raccomandate.
Un dubbio che ora è stato certificato dall’Antitrust che dopo una lungo procedimento ha multato Poste Italiane proprio per questo motivo.
L’ANTITRUST HA APPLICATO il massimo della sanzione prevista: ben 5 milioni chiudendo una istruttoria sulla «mancata consegna» di raccomandate lasciando un avviso di giacenza «nella cassetta postale anche quando sarebbe stato possibile consegnarla nelle mani del destinatario».
E per «l’estrema gravità e frequenza della pratica ed i notevolissimi danni arrecati ai consumatori – sottolinea l’Autorità garante della concorrenza e del mercato – la sanzione è stata irrogata nella misura massima».
In sintesi l’Antitrust contesta che la «mancata consegna di raccomandate» smentisce «tempistica e certezza enfatizzate nei messaggi pubblicitari», una «promozione risultata ingannevole»: è il presupposto per una sanzione per pratica commerciale scorretta che l’Authority avrebbe voluto ben più salata: una multa da 5 milioni – sottolinea nel comunicato – «non risulta deterrente» per una azienda con un fatturato che nel 2019 ha sfiorato i 3,5 miliardi.
I «DANNI» CONTESTATI a Poste vanno ben oltre «l’inammissibile onere a carico dei consumatori costretti a lunghe perdite di tempo e di denaro per poter ritirare le raccomandate non diligentemente consegnate», per l’Antitrust vanno considerati anche i «gravi danni al sistema giustizia del paese per i ritardi dovuti ad errate notifiche nell’espletamento dei processi, soprattutto quelli penali, con conseguente prescrizione di numerosi reati».
Un tema che – si spiega – è stato più volte sollevata nelle Relazioni annuali sullo stato della giustizia. La serietà del problema testimoniata dalla sistematica performance negativa dell’efficienza delle consegne. Poste aveva per il 2019 «un obiettivo nazionale mensile di inesitate (non consegnate) superiore al 20% sempre superato per circa il 3-5%».
L’Agcm contesta anche le pratiche con cui le Poste hanno gestito il problema. La società si sarebbe limitata a predisporre una lettera standard di riscontro ai reclami sull’emissione dell’avviso di giacenza nonostante la presenza in casa del destinatario, che si limita a ribadire la regolarità del recapito. E in caso di reclami reiterato si sarebbe limitata a «meri richiami» ai funzionari locali per il «ripristino della procedura corretta».
Una prova a campione condotta tra il 12 e il 22 gennaio 2020 ai centri di distribuzione di Napoli Meridionale, Matteotti, Mergellina, Vomero, Soccavo e Agenzia esterna Gsp confermerebbe la sistematicità della «non consegna» delle raccomandate. «In un significativo numero di casi – scrive l’Agcm – i prodotti risultati inesitati da consegnare presso lo stesso indirizzo riportano sotto la casella dedicata alla “data dell’avviso di giacenza”, lo stesso giorno e lo stesso orario, con grado di precisione al secondo, di stampa dell’avviso». Una coincidenza singolare che si sarebbe ripetuto per 3mila consegne in 10 giorni.
È ALTRETTANTO DURA LA REPLICA di Poste che ritiene «inaccettabili» alcune osservazioni dell’Antitrust e, in particolare, giudica «sconcertante il riferimento a gravi danni al sistema giustizia del paese». Per l’azienda guidata dall’ad Matteo Del Fante è poi difficile da digerire l’accenno dell’Antitrust a disagi per i clienti durante il lockdown: il lavoro nell’emergenza Covid-19 «in ogni zona del paese» è un impegno che Poste «rivendica con orgoglio». Quanto agli avvisi di giacenza l’azienda calcola che nel 2019 i reclami sono stati pari allo 0,00008% su 120 milioni di raccomandate: mille reclami, una incidenza considerata «del tutto fisiologica». Sullo sfondo c’è anche il tema dei confini di competenza con l’Authority di settore: per Poste l’assenza «di condotte anomale nel servizio di recapito delle raccomandate» è stata «ripetutamente e formalmente» confermata anche dall’Autorità per le Comunicazioni.
Da Poste è in arrivo un ricorso al Tar.

5 Commenti

  1. Patrizia ha detto:

    Ho lavorato per Poste Italiane, e ne conosco la professionalità
    praticamente unica in italia.
    Chi apre bocca per dare sentenze senza cognizione di causa, se arriverà il giorno che Poste non ci saranno, avrà solo da rimpiangerle. Garantito.

    • antonio ha detto:

      Le mie esperienze con Poste… confermano le tesi di questo articolo. Sui ‘reclami’… le persone sono davvero stanche di combattere contro i mulini a vento… appena e dove possono, cambiano fornitore. Purtroppo questo approccio ‘made in italy’ è fallimentare, le multinazionali si sono comprate interi paesi a prezzo di saldo facendo leva su questi alti dirigenti stipendiati milioni di euro all’anno… che non ammettono mai i propri errori e non si assumono mai le proprie responsabilità.

      • Patrizia ha detto:

        Non è la prima volta che ci si accanisce con Poste, prendendo spunto da qualche mela marcia.
        Questi provvedimenti sono surreali.

  2. Giuseppe ha detto:

    Poste Italiane farebbe meglio a tacere. Dei ritardi e/o mancate consegne si è sempre saputo, tant’è vero che al riguardo sono fiorite infinite barzellette! Tutto sommato direi che gli è andata addirittura di lusso…

  3. antonio ha detto:

    La punta di un iceberg… Poste farebbe bene a non polemizzare, pagare questa multina e correre nel retrobottega a sghignazzare… perché si aprisse il capitolo del business ‘cartelle esattoriali’ lievitate a dismisura per avvisi e raccomandate mai ricevute… cinque milioni li spenderebbero al mese e solo per scortare dirigenti e dipendenti distratti sul posto di lavoro…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi