Quei 18 milioni di poveri che la politica ignora da anni

da L’Espresso

Quei 18 milioni di poveri

che la politica ignora da anni

Aumento delle diseguaglianze, mancata riforma del Welfare: chiunque abbia governato ha portato sostanzialmente avanti le stesse ricette. E il Conte 2 dimostra di voler continuare sulla stessa strada che ha provocato questo disastro sociale e culturale
di GIUSEPPE DE MARZO*
16 ottobre 2019
Proposte chiare ed efficaci per affrontare il principale problema del nostro paese: l’aumento senza precedenti di disuguaglianze e povertà. Questo chiedono più di 600 realtà sociali della Rete dei Numeri Pari che il 17 ottobre, nella giornata mondiale per l’eliminazione della povertà, si ritroveranno per un’assemblea nazionale a Roma presso il Teatro Ambra Jovinelli. Un’alleanza per la giustizia sociale e ambientale, questo rappresenta la Rete con la sua composizione plurale nata due anni fa: cooperative sociali, comitati di quartiere, movimenti per la casa, scuole pubbliche, parrocchie, docenti impegnati contro la dispersione scolastica e il razzismo, coordinamenti di giuristi e insegnanti per la democrazia e la difesa della Costituzione, centri antiviolenza, case delle donne, occupazioni per emergenza abitativa, spazi liberati, associazioni di volontariato, progetti di mutualismo solidale, fattorie sociali, organizzazioni di lavoratori, reti di giornalisti e singoli cittadini. Unità nella diversità per portare avanti obiettivi condivisi e ottenere risultati che possano migliorare la condizione materiale ed esistenziale di un terzo della popolazione in grave difficoltà. E tra questi tanti di noi, che hanno capito come nessuno ce la possa fare da solo.
Dovremmo tornare ai tempi della guerra per avere parametri e numeri simili a quelli che sono sotto i nostri occhi oggi: 18,6 milioni a rischio esclusione sociale, 9,6 in povertà relativa, 5 in povertà assoluta, 11 non si possono più curare, 4 sono lavoratori poveri, più di un milione i minori nell’indigenza. Una vergogna che è stata elusa e resa invisibile in questi anni. Nel frattempo sono triplicati i miliardari: più di 40. A dimostrazione che i soldi ci sono mentre ci veniva detto il contrario. Si è preferito spostare l’attenzione altrove e personalizzare il dibattito politico, invece che affrontare le ragioni che ci hanno portato ad una situazione insostenibile e lavorare per costruire le alternative ad una situazione che non possiamo più accettare. Dopo 10 anni di politiche sbagliate gli esiti sono disastrosi e rappresentano una minaccia per la democrazia.
Chiunque abbia governato ha portato sostanzialmente avanti le stesse ricette: tagli al sociale, austerità, fiscalità regressiva, nessuna riforma del welfare, mancate bonifiche ambientali, precarizzazione del lavoro, privatizzazioni, sovrautilizzo del territorio e delle sue risorse, mancati investimenti al sud. Aumento delle disuguaglianze, darwinismo sociale, criminalizzazione della solidarietà, delegittimazione dei corpi sociali intermedi, guerra tra poveri, maggiore capacità di penetrazione delle mafie nei territori in difficoltà grazie al ricatto economico, aumento della corruzione, imbarbarimento culturale, crescita dei movimenti razzisti e xenofobi e della cosiddetta zona “grigia”, il sud alla deriva. Queste alcune delle conseguenze. Scelte che hanno costruito e rafforzato la paura, minando nel fondo la nostra democrazia, fondata sulla necessità di garantire l’intangibilità della dignità umana per evitare di ripetere quei drammatici errori che hanno contributo alla tragedia della guerra e della Shoah nel Novecento.
Il nuovo governo con la sua nota sul Def ci dimostra di voler continuare sulla stessa strada che ha provocato questo disastro sociale e culturale. Per questo abbiamo la necessità e l’urgenza di farci sentire, di rimettere al centro la voce dei Diritti: maggiori risorse e riforma del welfare, piano strutturale per garantire il diritto all’abitare, servizi sociali fuori dal patto di stabilità, reddito di dignità, cancellazione dei decreti Salvini e stop all’autonomia differenziata. Queste le proposte che risolverebbero i problemi di milioni di cittadini sulle quali chiediamo un incontro al Governo ed alle forze politiche.
* Responsabile di Libera per le politiche sociali e coordinatore nazionale della Rete dei Numeri Pari

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Auguri per la manifestazione, che ha tutta la mia solidarietà, nella speranza che riesca a produrre concretamente gli effetti che si propone.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi