Omelie 2019 di don Giorgio: SESTA DOPO L’EPIFANIA

17 febbraio 2019: SESTA DOPO L’EPIFANIA
Is 56,1-8; Rm 7,14-25a; Lc 17,11-19
Oramai dovreste sapere che il libro di Isaia è composto di tre parti: ognuna di queste è di un autore diverso, vissuto in epoche diverse. La prima parte (i primi 39 capitoli) è attribuita al profeta di nome Isaia, vissuto nell’VIII secolo a.C. La seconda parte (capitoli dal 40 al 55)  è attribuita a un profeta anonimo, vissuto nel periodo del post esilio babilonese, quindi dopo il 538, da quando cioè il re persiano Ciro, vinti i Babilonesi, aveva permesso agli Ebrei esuli di tornare in patria. La terza parte (gli ultimi dieci capitoli) è attribuita ad un altro profeta, anch’esso anonimo, vissuto durante la ricostruzione del Tempio di Gerusalemme e negli anni successivi (dal 520 a.C. in poi).
Eunuchi e stranieri
Il brano di oggi è l’inizio del Terzo Isaia. Il cuore sono i versetti, dal 3 al 7, dove in modo molto originale si dipinge un orizzonte universalistico di salvezza.
Si parla di eunuchi e di stranieri che saranno chiamati a partecipare al nuovo regno.
Bisogna ricordare che secondo la legge del Deuteronomio (23,2-9), gli eunuchi e gli stranieri erano esclusi dal tempio e dal culto di Gerusalemme perché considerati impuri.  Ora, con il ritorno dall’esilio babilonese la comunità ebraica aveva al suo interno la presenza di eunuchi, perché assunti al servizio della corte babilonese, prima, e persiana poi. Inoltre i matrimoni misti avevano introdotte figure straniere nel mondo ebraico. Se all’inizio ci fu verso gli eunuchi e i matrimoni misti una chiusura, poi ci sarà qualche apertura, anche se bisognerà arrivare a Gesù Cristo per avere il superamento di ogni preconcetto verso gli handicap e di ogni chiusura razziale.
La storia dell’universalità della paternità divina, per superare l’esclusivismo ebraico (l’idea del popolo eletto è sempre stato il vero handicap), ha avuto un cammino lungo e contorto. Ma la cosa paradossale, contravvenendo alla concezione lineare della storia,  secondo cui il progresso è positivamente inarrestabile, in realtà la storia da sempre ha conosciuto involuzioni spaventose: ritorni allucinanti alla barbarie.
Il dio di certe ideologie razziste si rifà alla elezione ebraica, per cui prima c’è la “mia” nazionalità, chissà per quali meriti e privilegi, e poi ci sono le altre nazionalità, di cui ci siamo serviti per sfruttarle e ridurle a pelle e ossa.
Dov’è l’universalità della paternità divina? O, meglio: in che cosa consiste? Forse che Dio ha figli maggiori e figli minori?
L’universalità di Gesù Cristo
Dicevo che bisogna arrivare a Gesù Cristo per avere un’apertura totale della paternità universale di Dio. Possiamo dire che in Gesù Cristo la storia si fa progresso nel senso più pieno del termine: progresso inteso nella sua più totale umanità.
Cadono le barriere e i muri, si spezzano i fili spinati, si aprono i porti, le porte e le finestre, i paesi rifiutano i sindaci poliziotti.
Il brano di oggi parla di alcuni lebbrosi che vengono guariti. Ma non è tanto la guarigione dalla lebbra che interessa all’evangelista Luca, quanto il fatto che dei dieci lebbrosi solo uno è tornato a ringraziare Gesù. Era un samaritano.
Ancora ai tempi di Gesù era forte l’ostilità tra i samaritani e gli ebrei che li consideravano eretici. Gesù stesso proibisce ai suoi discepoli di predicare in terre samaritane, forse perché era venuto per convertire gli ebrei.
Gesù: i samaritani e i pagani
Oltre all’episodio di oggi che vede un samaritano l’unico riconoscente nei riguardi di Gesù, come dimenticare la parabola del buon samaritano, la cui carità è messa in contrapposizione con il culto ebraico, rappresentato da un levita e da un sacerdote che ignorano un malcapitato rimasto vittima di briganti, lungo la strada tra Gerusalemme e Gerico? E come dimenticare il dialogo tra Gesù e la donna samaritana?
Dunque, Gesù prende i samaritani quasi come modelli di riconoscenza, di altruismo e come interlocutori delle sue più sconvolgenti rivelazioni divine.
Ma c’è un altro mondo a cui Gesù guarda con piacere, ed è il mondo dei pagani. Come non ricordare l’episodio del centurione che implora l’intervento di Gesù verso uno schiavo, e del centurione che sotto la croce riconosce in Gesù il Figlio di Dio?
Gesù: i lontani e i poveracci sfortunati
Il discorso va allargato ai lontani e agli sfortunati. Gesù è venuto per tutti, ma in particolare per dire la vicinanza di Dio verso gli ultimi.
C’è sempre una grande parola nel Vangelo, che è di Gesù Cristo, che dovremmo stamparla nel nostro cuore: i primi saranno gli ultimi, e gli ultimi i primi.
Sono parole che sono state diversamente interpretate, anche in riferimento al popolo ebraico e al mondo dei pagani. Ma le parole di Gesù hanno un più ampio orizzonte, e ci fanno capire che c’è gente che al momento non è considerata, ma che sarà poi rivalutata, c’è gente che sta all’ultimo gradino nella considerazione umana, ma che sta ai primi posti nel cuore di Dio.
Dio non vede tanto i vicini, ma i lontani, perché il suo sguardo è infinito: quello di un Padre che apre il suo amore ai più disgraziati. Per usare un’immagine ottica, possiamo dire che Dio può essere miope, ma non presbite.
Gesù non ha mai gradito quelli della prima ora, casomai quelli dell’ultima ora. Pensate alla parabola dei lavoratori a giornata: quelli dell’ultima ora ricevono per primi la stessa paga di quelli della prima ora.
Dio non ha un orario come il nostro: lo regola a modo suo sui battiti del suo cuore. Lui stabilisce chi sono i primi e chi sono gli ultimi, e non tiene conto della razza, della cultura, della nazionalità.
Anche Dio dice: “prima questi e poi gli altri”, ma il suo criterio è all’opposto del nostro. Per il Signore il primo è l’ultimo in graduatoria, e i cosiddetti fortunati o i privilegiati o gli egoisti verranno messi all’ultimo posto.
Per assurdo, se Dio fosse obbligato a scegliere tra un figlio di fortunati occidentali e un figlio di migranti, forse salverebbe per primo il figlio di un migrante che sta per annegare.
Dio è fatto così!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi