Omelie 2020 di don Giorgio: SESTA DI PASQUA

17 maggio: SESTA DI PASQUA
At 4,8-14; 1Cor 2,12-16; Gv 14,25-29
Da codardi a testimoni
Leggendo i tre brani della Messa, appare subito chiara una cosa: si parla dello Spirito santo, o, meglio, lo Spirito santo entra in scena in modo predominante, anzitutto con la sua presenza vitale nei primi testimoni della risurrezione di Cristo, sì finalmente testimoni dopo quei terribili giorni in cui il loro Maestro era stato crocifisso, e proprio loro, i suoi discepoli, erano tutti fuggiti, tranne un gruppetto di donne, tra cui la fedelissima Maria di Magdala, che erano rimaste sul Calvario, ad assistere alla morte e alla deposizione del cadavere nel sepolcro, per poi essere le prime ad accorrere al sepolcro all’alba del giorno dopo il sabato, il primo giorno della settimana. E proprio alla Maddalena il Risorto le affiderà l’incarico di annunciare a tutti il grande Evento.
Poi sarà proprio lo Spirito del Risorto a cambiare gli apostoli da paurosi in coraggiosi, testimoniando il Vangelo, con franchezza, come dice il primo brano della Messa. La parola “franchezza” traduce il termine greco ”parresia”.
Carlo Maria Martini così spiega il significato di “parresia”: «La parola greca “parresia” indica, nel libro degli “Atti”, la capacità di testimoniare liberamente e coraggiosamente il messaggio cristiano anche in un mondo ostile. Nel mondo greco essa significava la libertà di parola che spettava nell’assemblea al cittadino che godeva dei pieni diritti civili, e di conseguenza il coraggio e la franchezza con cui tale privilegio poteva venire esercitato».
Faccio notare che il termine ”parresia” ricorre più volte nel libro “Atti degli apostoli”. Dico di più: il libro di Luca termina proprio con queste parole: l’apostolo Paolo, che era a Roma, «trascorse due anni interi nella casa che aveva preso in affitto e accoglieva tutti quelli che venivano da lui, annunciando il regno di Dio e insegnando le cose riguardanti il Signore Gesù con tutta franchezza e senza impedimento» (Atti 28,28). “Con tutta franchezza (in greco μετὰ πάσης παρρησίας) e senza impedimento (in greco ἀκωλύτως)”. Che finale!
Sento parlare con troppa facilità di “parresia”, come se fosse la prerogativa dell’uomo più evoluto, anche nel campo della fede. “Parresia” è parlare chiaro e con coraggio, soprattutto nei momenti particolarmente ostili: così ha scritto Martini. Non aggiungo altro.
Spirito del mondo… spirito di Dio
Nel secondo brano della Messa troviamo due espressioni, “lo spirito del mondo” e “lo Spirito di Dio” che meritano una particolare attenzione. Occorre subito chiarire che la parola “mondo” assume anche per San Paolo lo stesso significato che troviamo nel Vangelo di Giovanni. Mondo sta a indicare “l’insieme delle forze del male o del maligno”. Quindi, mondo non è da intendere in senso positivo, come l’insieme delle creature di Dio, ma in senso negativo, come la distruzione della realtà interiore del Creato. Perciò spirito del mondo significa quella energia negativa che è presente nel mondo del male, che si oppone allo Spirito santo, il quale vi contrappone la sua energia vitale.
Da chiarire anche un’altra espressione, quando san Paolo parla di “sapienza umana”, che è quella del mondo. Certo dire “sapienza” potrebbe sembrare una contraddizione, perché dire sapienza dovrebbe già far pensare alla realtà divina, che si riflette nell’intelletto interiore. Ma è l’aggettivo “umana” che dovrebbe chiarirci ciò che intende dire San Paolo. Quando diciamo umano noi pensiamo a qualcosa che riguarda il nostro essere di creature, ma può assumere anche il significato di qualcosa di terreno, di carnale. Usiamo, purtroppo, le parole senza capire il loro significato, e giochiamo spesso e volentieri sulla loro equivocità, nel senso che ogni parola può avere due o più significati, che tra loro si contrappongono, scegliendo quello che ci fa più comodo.
Dunque, San Paolo intende dire che la mentalità dell’uomo carnale si oppone alla mentalità dell’uomo spirituale. Anche qui la parola “uomo” va specificata: nel primo caso, è la carnalità dell’essere umano, nel secondo caso è la sua spiritualità.
Specifichiamo di più. Dire che la carnalità “pensa” è una assurdità. Neppure dovremmo parlare di “mentalità carnale”, che è una contraddizione. Certo che c’è qualcuno potente più degli altri che pensa e col pensiero inganna, ma la massa è solo carnalità che non pensa, ma esegue, obbedisce.
L’apostolo Paolo insiste: «Ma l’uomo lasciato alle sue forze non comprende le cose dello Spirito di Dio: esse sono follia per lui e non è capace di intenderle, perché di esse si può giudicare per mezzo dello Spirito».
Dunque, afferma San Paolo, l’uomo carnale non comprende le cose dello Spirito di Dio, addirittura le ritiene “follia”. Notate: la “sapienza umana” ritiene follia il mondo dello Spirito. Ma in realtà chi è folle? Anche qui specifichiamo. C’è follia e follia. C’è la follia di Dio e la follia degli uomini. Dio è folle perché agisce al di fuori della nostra normalità di creature che vivono di cose scontate, ripetitive, non creative. La stoltezza sta nel vivere nella normalità di qualcosa che è chiusura al mondo del Divino.
Platone nel “Fedro” così scriveva: «Ci sono due forme di follia: una che nasce da malattia umana, un’altra che deriva da un divino mutamento delle abitudini consuete», distinguendo anche le varie forme di questa follia, “dono divino”, “da cui giungono all’uomo i più grandi doni”.
Nel mondo antico da un lato la follia è stata sempre esorcizzata, emarginata, ma dall’altro si è sempre intuito che in essa ci poteva essere una carica infinita di verità, di onestà, di “sapere”. Anche nel mondo cristiano il “folle” ha goduto sempre un profondo rispetto – non oppone forse anche Paolo la follia divina alla sapienza umana? – pur venendo rimosso come pericoloso per la normalità, per le “abitudini consuete”, ovvero per l’ordine sociale presente. Folle era Francesco d’Assisi; folle Marc Chaduc, il monaco francese, discepolo di Henri Le Saux in India, che abbandonò tutto per vivere come asceta itinerante e scomparve sull’Himalaya; folli le tante mistiche medievali con il loro terribile ascetismo. E, in altre religioni, non sono forse folli i sadhu indiani nel loro ascetismo altrettanto terribile, o i monaci buddisti che si bruciano vivi per protesta contro la sopraffazione politica e religiosa?
Una cosa va detta: noi credenti dovremmo essere, più dei non credenti, folli della follia divina, perché viviamo di quello spirito interiore a contatto con lo Spirito divino, che non ama le normalità carnali, ma le Sorprese, che sono le Novità sempre pronte ad aprire cieli nuovi e terre nuove.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi