Una Chiesa fuori dello Spirito, ovvero dell’essere umano

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Una Chiesa fuori dello Spirito, ovvero dell’essere umano 

Più che il fondamentalismo becero di una Chiesa ancorata ad una tradizione cadaverica , temo quel buonismo che illude non solo gli allocchi, ma anche certe menti che sembrano acute. 
Questa è l’ora del’inganno di satana con la faccia d’angelo!
Quando nella Chiesa viene meno la capacità di giudizio tra la carne e lo spirito, allora c’è da temere il tracollo dell’essere umano.
Voi dite ciò che volete, e giudicatemi pure un bastian contrario magari astioso per partito preso, ma non per questo cesserò di dire che questa Chiesa, così dolciastra come una melassa buona per ogni appetito del tipo sensoriale o appena sotto la pelle, mi dà nausea e mi irrita a tal punto da invidiare, paradossalmente, i tempi delle grandi Inquisizioni che, se non altro, se ci sono state, è perché c’erano spiriti talmente liberi da scatenare la reazione anche feroce della gerarchia.
Oggi tutto è così accondiscendente da sembrare che la Chiesa si sia finalmente liberata di ogni forma di chiusura e perciò di autodifesa da ogni dissidenza pericolosa. Almeno per due ragioni: o perché la Chiesa ha imparato l’arte di saper convivere con i propri nemici o presunti tali, senza perciò doverli sopprimere, oppure perché (seconda ragione) la Chiesa li deride, ritenendoli impotenti o, comunque, non in grado di competere con il suo potere, suffragato da un consenso quasi mondiale. Ma c’è anche una terza ragione: probabilmente, in  realtà,  gli spiriti liberi oggi sono quasi del tutto scomparsi o, se ci sono, sono stati manovrati a tal punto da essere dirottati nei vari campi, dal sociale all’assistenziale, ottenendo così un duplice vantaggio per la Chiesa: farle fare una bella figura davanti al mondo, ed evitare quella dissidenza all’interno che le ha sempre procurato seri guai.
Per amor del cielo, non intendo nemmeno ora mettere in dubbio l’opera preziosissima, e talora coraggiosa, degli operatori nel campo sociale e assistenziale, o di chi lotta per la giustizia. Ma vorrei dire che ben pochi contestano la Chiesa nella sua reale manchevolezza, quella che definirei una quasi totale deficienza d’essere.
Ed è qui per la Chiesa il suo vero problema, che costituisce quel male che si può anche chiamare menzogna strutturale, o di fondo. Ma se è così, come parlare di inganno? Se la Chiesa per la sua stessa costituzione è portata ad agire all’esterno dell’essere umano, come può essere cosciente di essere diabolica, ovvero, come dice il termine diavolo, di separare lo spirito dal corpo fisico, compresa la psiche?
Ma se la Chiesa fosse del tutto incosciente, perché parla così frequentemente di Spirito santo? A meno che non sappia che cosa sia lo Spirito santo!
Eppure, basterebbe leggere bene il Vangelo di Giovanni, che è una testimonianza più che evidente – tanto più che è, come dice la stessa Chiesa, divinamente ispirato da quello stesso Spirito che si fa perciò garante di se stesso! – di quanto fosse originariamente il vero messaggio di Cristo: il Logos, ovvero la Ragione divina, ha assunto un corpo ed una psiche, per risvegliare in ogni essere umano la presenza del Divino. E noi credenti, tanto stupidi da farci prendere, anima e corpo, dalla alienazione più totale, ci siamo aggrappati al Cristo corpo/Cristo storico, dimenticando il Logos, ovvero la generazione del Figlio nel nostro essere. Scrive Giovanni: il Logos, il Pensiero di Dio, prese dimora non in mezzo a noi, ma “in noi”.
E allora perché il Figlio di Dio, il Logos eterno, si sarebbe incarnato? Avrebbe forse usato il corpo, ovvero l’umanità carnale, solo come un’apparenza o come uno strumento per dirci cose che avrebbe potuto benissimo rivelare senza per forza incarnarsi, con il rischio, che si è poi attuato, di farsi strumentalizzare da una Chiesa che da duemila anni non fa che riferirsi unicamente al Cristo storico?
Il Vangelo di Giovanni rilegge profeticamente, ovvero misticamente, la realtà dello Spirito, di quello Spirito, dono del Cristo storico mentre muore definitivamente sulla croce.
E allora che cos’è il Cristo storico, se non il paradigma di ciò che è la nostra esistenza che, mentre muore a se stessa, ovvero alla propria entità fisica mortificante lo spirito, ritrova il suo vero essere interiore, che rinasce ogniqualvolta si fa fecondare dallo Spirito divino?
Se il Cristo resta solo quello storico, non è che un insieme di belle parole e di significativi gesti, ma che non vanno oltre le nostre capacità umane. A che mi servirà sapere che Cristo ha detto questo o quello o che ha fatto questo o quello, se poi resterò ancora ai margini del mio essere? Il vero cristianesimo, quello del Cristo mistico, non è qualcosa di sola ascesi o di etica superiore a quella delle altre religioni (supposto che lo sia!). È ben altro: mi tocca nel mio essere interiore, là dove il mio spirito ha sete di divinizzazione, che avviene solo nell’incontro del mio spirito con lo Spirito divino.
Ecco, la Chiesa è rimasta al Cristo storico, ed è per questo che non ha capito nulla della incarnazione del Logos come causa e concausa della nostra generazione e rigenerazione divina, nello spirito più profondo del nostro essere umano.
La Chiesa ha fatto del Cristo storico il fondamento della sua esistenza, e anche l’inconsistenza della sua finalità o, meglio, la pretesa di essere un fine, quando invece non è che un mezzo così come, in un certo senso, un mezzo è stata la storicità di Cristo.
E, allora, anche se la Chiesa non fa che parlare di anima, non si accorge d’intendere per anima quella che Cristo ha invitato ad odiare, se si vuole ottenere la vita immortale?
La Chiesa è caduta nell’equivoco, ed è rimasta finora, dopo duemila anni di alienazione, di pretendere di salvarci l’anima ai danni dello spirito.
17 giugno 2017   
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi