Omelie 2016 di don Giorgio: NONA DOPO PENTECOSTE

17 luglio 2016: NONA DOPO PENTECOSTE
1Sam 16,1-13; 2Tm 2,8-13; Mt 22,41-46
C’è un costante filo conduttore nel misterioso disegno divino lungo tutta la storia umana: a differenza dei poteri terreni, basati sul criterio del vincente e della forza, il volere di Dio non tiene conto delle doti o delle capacità umane, ma rivela uno stile tutto suo: unico, originale, perciò sconvolgente e provocatorio.
Il Dio dello scarto e dei rottami
Davanti a Dio ciò che conta è il microcosmo, l’umanamente insignificante e perdente.
Se il potere terreno rottama o scarta qualcosa o qualcuno, perché ritenuti senza valore, ovvero non rientrano nella sua logica, Dio prende quello scarto o quel rottame e ne fa la sua carta vincente.
Non si tratta di qualche caso del tutto eccezionale, ma è la normalità dell’agire divino: Lui è fatto così; diversamente, non sarebbe l’Onnipotente dell’impossibile, ma una delle tante divinità, proiezioni delle passioni umane.
Ma il metodo divino dello scarto o del rottame non funziona in modo automatico. Può succedere, e spesso succede, che lo scarto ricuperato o il minimo insignificante rivalutato possono a loro volta inorgoglirsi, man mano che cresce il loro potere. E allora, essi cadono nel rifiuto di Dio, che a sua volta li scarta e li rottama seguendo sempre la logica di scegliere il piccolo o l’insignificante.
E così Dio parte sempre da zero, ma lo zero, quando esce dalla nullità e diventa uno che, moltiplicandosi si fa numero sempre più considerevole umanamente parlando, fa perdere la pazienza di Dio, che torna a rivalutare di nuovo altri zero.
Che significa essere zero davanti a Dio? In realtà, Dio vede nello zero umano infinite possibilità di energie divine, tali da sconvolgere i piani umani, a mano a mano che escono dalla loro passività voluta o imposta.
Dio guarda al cuore
Quando il Signore decide di punire l’arroganza di Saul, primo re d’Israele, forse scelto di proposito per punire la decisione del popolo di avere un proprio re terreno come l’avevano tutti gli altri popoli, ordina a Samuele di ungere un nuovo re. Il giudice-profeta va a Betlemme da Iesse per scegliere uno dei suoi numerosi figli. Quale? Passa in rassegna i sette figli che sono presenti, ma nessuno di loro rientra nella logica del Signore. Ne manca uno, l’ottavo, il più giovane, che era fuori a pascolare il gregge. Samuele lo manda a chiamare: è lui il nuovo re d’Israele.
Notate una cosa: Dio sceglie fuori del numero sette, ritenuto la pienezza o la perfezione. Dice a Samuele a proposito di ciascuno dei sette figli di Iesse: «Non guardare al suo aspetto né alla sua alta statura. Io l’ho scartato, perché non conta quel che vede l’uomo: infatti l’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore».
Don Angelo Casati commenta: «Il Signore vede e guarda il cuore. E la parola “cuore” evoca ciò che ci abita nel più profondo: è questo che guarda Dio per la sua scelta, guarda i nostri pensieri, la nostra capacità di discernere, la nostra passione per ciò che è vero, bello e buono, il nostro rapporto profondo con il destino dell’umanità e della terra».
Da tempo, nelle omelie domenicali, sto dicendo queste cose, parlando di Mistica. Che cos’è la Mistica? Scoprire ciò che siamo, all’interno dello spirito, che abita nel profondo di noi. Il cuore per gli ebrei non era tanto la sede dei sentimenti, ma di tutto ciò che riguarda l’essere umano: mente e spirito. L’uomo giudica dalle apparenze, ovvero ci giudica non da ciò che effettivamente siamo, ma da ciò che “sembriamo” essere, all’esterno di noi. Ci giudica in quanto alieni. Le apparenze sono le forme che si vedono: bellezza, forza, intelligenza, doti umane, ma che talora e spesso non sono affatto espressioni del nostro essere autentico.
Bisogno di un ricominciamento
Don Angelo continua: «Sempre più sentiamo il bisogno, nella chiesa e fuori della chiesa, di un ricominciamento. Ma attenzione a come ricominciare. Dio ricomincia così. Dobbiamo ricordarlo. Se no è perdizione».
Dio ricomincia così: ovvero, dal cuore dell’essere umano. Quando la Chiesa diventa fumo e apparenza, cerca un grande consenso, e il consenso generale è fumo e apparenza, è fuori rotta. Spero che il nuovo cardinale di Milano venga scelto secondo il criterio del cuore, e non secondo le apparenze culturali o di prestigio. Un vescovo che punti a educare la nostra grande Diocesi a quei valori che partono dall’essere umano. Abbiamo bisogno di qualcuno che ci stimoli con questa domanda: Chi siamo? Siamo diventati pancia e solo pancia, sempre vista comunque nella sua parte vuota, ma la testa si è persa nella nebbia padana. Chi siamo? Ovvero: il nostro cuore, inteso in senso mistico, perché è diventato così arido? Qui sta il vero problema, un problema che si riflette anche sull’aspetto esistenziale. Stiamo male fisicamente e anche economicamente, perché non stiamo bene spiritualmente.
Che significa ricominciamento?  
Continua don Angelo Casati: «Non si tratta di restaurare un potere politico, il dominio di un popolo o di una religione, si tratta – direbbe Etty Hillesum, giovane ebrea morta in un campo di concentramento nazista – di “disseppellire Dio nei cuori devastati”. Non dunque un’opera di restaurazione, ma di espansione della dimensione di figli. Non è forse vero che dalla parola “figlio” è assente ogni colorazione di dominio? È infatti una parola colma della bellezza di una relazione, “figli”! Che si traduce immediatamente nella bellezza di un’altra relazione: “fratelli”. Se siete figli, siete dunque fratelli. Una bellezza, l’una e l’altra, da onorare con la nostra vita».
Insisto fino alla noia. Si ricomincia dall’interno del proprio essere: solo dall’interno inizierà “l’espansione” sociale della fratellanza universale. Finché resteremo fuori di noi, troveremo tutte le giustificazioni e gli alibi per far valere e prevalere le nostre primogeniture, dividendo la società tra fratelli maggiori e fratelli minori. Essere figli dello stesso Padre comporta l’uguaglianza, nei doveri e nei diritti. Ma l’uguaglianza è già fondata nel nostro essere: più scendiamo nel profondo di noi, più troveremo quel fondo comune che ci rende uni nel tutto. Se le religioni ancora oggi dividono è perché sono superficiali. Sono strutture che alienano e ci distinguono tra fratelli maggiori e fratelli minori.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi