Omelie 2017 di don Giorgio: TERZA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

17 settembre 2017: TERZA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Is 11,10-16; 1Tm 1,12-17; Lc 9,18-22
Fare il profeta è sempre difficile
Il primo brano della Messa fa parte del cosiddetto Primo Isaia, ovvero del testo scritto dal profeta di nome Isaia, che è vissuto sotto i re Acaz e Ezechia, nella seconda metà dell’VIII secolo a.C., quindi settecento anni circa prima della venuta del Messia. Ed è proprio in vista della venuta del Messia che il profeta esprimerà il meglio delle sue visioni.
Dunque, Isaia aveva svolto la sua missione profetica nel Regno del Nord, o d’Israele, che aveva come capitale Samaria, e dovette assistere alla sua distruzione.
Ecco un saggio degli strali di Isaia contro la capitale, quando definisce Samaria “superba corona degli ubriachi di Efraim” (Efraim era la principale tribù di quel regno). Samaria, infatti, era una ricca città posta su un colle: il pensiero del profeta corre a una corona di fiori che abbellisce il capo dei convitati di un banchetto. Ma, all’improvviso, nella festa irrompe, simile a una tempesta, un “inviato del Signore”, cioè il re assiro, strumento del giudizio divino. Costui afferra quella corona, la scaraventa a terra e la calpesta. È la raffigurazione poetica del crollo di Samaria, avvenuta nel 721 a.C., per opera del re assiro Sargon II.
È stato, dunque, un periodo assai difficile per Isaia, come del resto è sempre difficile per ogni profeta svolgere la propria missione. D’altronde, che senso ha fare il profeta se tutto fila via liscio? I profeti sorgono nei momenti più confusi e quando la libertà di un popolo è a rischio. Il problema è quando la libertà è stata tolta e il popolo si è assuefatto, e i profeti non ci sono, o, se ci sono, vengono maltratti dal popolo stesso, che non si accorge di vivere in schiavitù e che perciò ritiene il profeta un guastafeste o un uccello di malaugurio.
Capitolo 11 di Isaia: il germoglio o virgulto
Il capitolo 11 del libro di Isaia, di cui fa parte il brano della Messa, contiene alcune parole fondamentali per capire il messaggio messianico del profeta. Dunque, parole che richiamano, anche se dietro simbologie non di immediata comprensione, una novità che sta per nascere: si parla di germoglio o di virgulto.
Ma la cosa straordinaria è che non si parla di una realtà ex novo, che sta per sbocciare dal nulla, come se si trattasse di una nuova creazione, di qualcosa calato dall’alto.
Noi abbiamo un’idea sbagliata di creazione. A parte il fatto che nulla viene dal nulla, e neppure Dio ha creato il mondo dal nulla, ma casomai ha dato qualcosa di Sé. A maggior ragione, quando diciamo che Dio ri-crea, non lo fa dal nulla. La ri-creazione di Dio è ancor più straordinaria, perché sa trasformare le cose già create, ridando ad esse una nuova fertilità, anche quando sembrerebbero già definitivamente morte. Ridà a un grembo sterile la capacità di generare (pensate alle donne bibliche: Sara, Rebecca, Rachele, Anna, Elisabetta), e ridà a un ceppo morto la capacità di riprendersi: sul tronco sterile di Jesse, padre di Davide, spunterà un virgulto, un germoglio.
Quale differenza tra il nostro agire e l’agire di Dio! Noi pretendiamo di costruire sul nulla, presi dal delirio di onnipotenza, mentre Dio costruisce la storia con i rimasugli e gli scarti umani. Con le cose piccole fa cose grandi. Perché almeno noi cristiani non teniamo sempre davanti agli occhi il cantico del Magnificat?
Dio costruisce sul “resto”
Nel brano di Isaia torna per due volte la parola “resto”, quando dice: “In quel giorno il Signore stenderà di nuovo la mano per riscattare il resto del suo popolo superstite…”, e inoltre: “Si formerà una strada per il resto del suo popolo che sarà superstite dall’Assiria…”.
Che significa “resto”? La parola “resto” può avere una sfumatura anche negativa, come quando, al versetto 22 del capitolo 10, Isaia scrive che “la catastrofe che si è abbattuta su Israele è stata così grande che solo un piccolo gruppo è sopravvissuto”, ma in altri passi della Bibbia il “resto” ha un significato positivo: sta a indicare che la misericordia divina non abbandona mai il suo popolo. Sempre Isaia, al capitolo 1, versetto 8, scrive: “Se il Signore degli eserciti non ci avesse lasciato qualche superstite (letteralmente, “un resto”), già saremmo come Sodoma, assomiglieremmo a Gomorra”.
Ecco, è sul “resto” che Dio ricostruisce la storia distrutta dal potere che, come sempre e dunque anche oggi, si serve della massa per distruggere il futuro dell’Umanità. Se noi pensiamo che siano i forti ad avere la missione di ricostruire abbiamo la memoria corta, e se noi pensiamo che la ricostruzione debba partire dalla conversione della massa siamo altrettanto ingenui. Il Signore non si è mai servito dei potenti, se non strumentalizzandoli al modo suo, e tantomeno si è servito della massa, sempre in balìa del potere.
“Egli allora ordinò loro severamente di non riferirlo a nessuno”
Nel brano del Vangelo di oggi, Gesù, dopo aver chiesto ai discepoli: “Ma voi chi dite chi io sia?”, e dopo la bella risposta di Simon Pietro: “Tu sei il Cristo di Dio”, impone ai discepoli di non riferirlo a nessuno. Gli esegeti si sono da tempo chiesti come mai Gesù avesse imposto ai discepoli il silenzio sulla propria identità.
Ho ritenuto interessante la riposta di don Angelo Casati, un prete milanese di cui ho una grandissima stima sia per la lucidità di pensiero che per la sua determinazione nel dire le cose come stanno. Egli così commenta il silenzio imposto da Gesù.
«Mi capita di chiedermi – immagino che capiti anche a voi – se anche oggi Gesù, come allora, non debba ordinare alla Chiesa di tacere, se non debba essere severo con noi, che non siamo poi così immuni dal contrabbandare, a parole e a gesti, una falsa immagine di Gesù e di conseguenza del cristianesimo: un cristianesimo muscolare che sogna potere o un cristianesimo della compassione, della mitezza? Lui, Gesù, non si riconosce nell’immagine dell’uomo forte.  Si riconosce invece – e questa è da raccontare – nelle figure del Figlio dell’Uomo. “Il Figlio dell’Uomo”, disse “deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi”, e nell’elenco ci sono proprio tutti! Proprio tutti quelli che contano! E poi “venire ucciso e risorgere il terzo giorno”.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi