Boeri: “Dagli interventi sulle pensioni un costo da 140 miliardi in dieci anni”

da www.repubblica.it
17 Ottobre 2018

Boeri:

“Dagli interventi sulle pensioni

un costo da 140 miliardi in dieci anni”

Il presidente Inps: “Condono contributivo devastante”. Pensioni d’oro: “Per raccogliere 1 miliardo in tre anni bisognerebbe abbassare la soglia di intervento da 90mila a 78mila euro lordi”. Quota 100: “Penalizzazione-tipo da 500 euro”
MILANO – Con la cosiddetta “quota 100”,  l’estensione di opzione donna e Ape sociale (per tre anni) e il congelamento dell’età anagrafica a 67 anni per la pensione e il blocco dell’anzianità, “il conto per lo Stato è di 7 miliardi il primo anno, poi 11,5 miliardi nel 2020, 17 miliardi nel 2021 e nei primi dieci anni i costi di queste misure sarebbero di circa 140 miliardi”. Lo ha detto il presidente dell’Inps, Tito Boeri, in audizione alla Camera sulle materie dell’equità previdenziale, che hanno virato ovviamente sull’agenda calda delle pensioni in vista della Manovra. Dal pacchetto di interventi sui meccanismi pensionistici, “le nostre stime ci dicono che fino al 2046 il deficit previdenziale aggiuntivo arriverà intorno a 400 miliardi, successivamente si cominceranno ad avere dei risparmi – insufficienti a colmare il distacco generato all’inizio – con impatto sul debito implicito complessivo di 117 miliardi di euro”, ha aggiunto.
Il debito implicito sintetizza l’insieme degli impegni futuri che lo Stato prende nei confronti dei cittadini, assicurando loro – in base agli attuali meccanismi di legge – una pensione per quando si ritireranno dal lavoro, e dà una idea della sostenibilità del sistema nel suo complesso. “Un elemento importante è la mancata indicizzazione alla speranza di vita, tanto per il requisito contributivo che per quello anagrafico: significa lasciare costi importanti sulle generazioni future”, ha rimarcato Boeri aggiungendo che “è lo stesso richiamo che ho fatto nella passata legislatura”, evidenziando che non si tratta dunque di un rilievo specifico per questo governo ma era già arrivato nei confronti della proposta Damiano-Sacconi. “Dobbiamo pensare ai nostri figli”.
Quota 100, un esempio di penalizzazione
Boeri ha anche risposto alla richiesta di quantificare “quanto ci perde un lavoratore che va in pensione adesso con 62 + 38 (la formula base della quota 100, ndr) rispetto che andare con una pensione piena a 67 anni” e – premettendo che è un calcolo approssimativo – ha spiegato che con quota 100 un lavoratore medio della Pa potrebbe perdere “500 euro” al mese. Boeri ha fatto l’esempio di “una persona retributiva fino al 2011 e che ha solo 7 anni di contributivo, con una retribuzione intorno ai 40 mila euro, quindi un lavoratore del settore pubblico medio, con 13 mila euro di contributi versati l’anno” che con la pensione piena a 67 anni potrebbe maturare 250 euro in più dalla parte retributiva e altrettanti dal contributivo.
Pensioni d’oro
Quantificando gli effetti del promesso taglio sulle pensioni d’oro, che per il governo dovrebbe scattare da 4.500 euro netti in su anche se stanno cambiando radicalmente le prospettive di intervento, Boeri ha spiegato che “chi ha una pensione superiore ai 90mila euro lordi (il corrispettivo dei 4.500 euro netti al mese) sono 44mila persone, di cui 29mila interessate dal provvedimento”. E ha aggiunto: “Si subiscono tagli in media dell’8% con punte del 23%”.
Ha ribadito dunque la stima dell’Inps che un simile intervento porterebbe in cassa meno di 150 milioni. “Come si arriva ad un miliardo in tre anni?”, come ritenuto dal governo. “Va chiesto a chi lo ha proposto”, ha aggiunto. Secondo il presidente dell’Inps, per raccogliere 1 miliardo di euro in tre anni dal taglio delle pensioni cosiddette d’oro bisognerebbe abbassare la soglia di intervento da 90mila euro lordi l’anno (la cifra che l’Inps utilizza per ‘svolgere’ i 4.500 euro netti dell’accordo di governo) a circa 78mila euro lordi. “Così si farebbero circa 300 milioni di euro l’anno”, ha spiegato Boeri in audizione. Tra le altre ipotesi per raggiungere quell’obiettivo, Boeri ha ricordato la possibilità di stimolare i pre-pensionamenti in modo da avere una platea più ampia o – più semplicemente, come si sta studiando – bloccare la perequazione per le prestazioni superiori a sei volte il minimo (3.000 euro al mese) su modello dell’intervento del Governo Letta, che vale appunto 300 milioni l’anno.
Condono contributivo, effetti devastanti
Un altro passaggio del suo intervento ha riguardato il ventilato condono contributivo, che avrebbe effetti devastanti sui conti dell’Inps e già parlarne come ipotesi ha avuto conseguenze negative. “Il condono contributivo, a differenza di condono fiscale – ha detto – ha un doppio effetto, non solo negativo sulla raccolta contributiva ma immediatamente anche un effetto sulla spesa e un effetto devastante sui conti del nostro istituto. Già per il fatto che se ne sia parlato abbiamo avuto una riscossione inferiore a quella che ci aspettavamo”.

 

1 Commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Tanto per sgombrare il campo da ogni sospetto, parto dal presupposto che Boeri non parli tanto per parlare e sia pienamente consapevole degli effetti delle sue affermazioni, né tantomeno che sia spinto dal gusto di fare polemica rivendicando il proprio ruolo. A maggior ragione se si tiene conto della sua competenza, che ne fa uno degli economisti più brillanti e apprezzati in ambito internazionale.
    Mi chiedo invece chi siano i geni e gli esperti di matematica finanziaria ed attuariale della cui opera si sono avvalsi i gemelli diversi dell’esecutivo e il loro impassibile tutore per elaborare la manovra finanziaria, supponendo che non sia semplicemente il parto della loro ignoranza in materia. Tra l’altro mi sembra quanto meno pretestuoso e strumentale il sospetto ventilato dall’immaginifico Di Maio, che denuncia una manipolazione del testo diffuso e dato alle stampe.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi