Mario Delpini: “Un abisso chiama l’abisso” (Salmo 42,8)

di don Giorgio De Capitani
Ancora su Mario Delpini, vescovo di Milano?
Che cosa di nuovo ha fatto di tanto male da occupare la mia attenzione, distogliendola da ben altre preoccupazioni più importanti?
Non è ciò che ha di nuovo fatto, ma ciò che continua a non fare.
Il problema è tutto qui: Mario Delpini non è qualcuno o qualcosa di troppo, di eccessivamente ingombrante, di particolarmente invasivo.
Mario Delpini è un meno che si fa un nulla: è l’assenza di interessi intellettivi, di valori di essere, di ideali stimolanti.
Parla, ma è come se non parlasse.
Agisce, ma è come se non agisse.
Propone, ma è come se non proponesse.
Parla il nulla, agisce il nulla, propone il nulla.
Quando dico nulla dico qualcosa che non c’è, dico un pensiero che non c’è, dico una passione che non c’è.
Certo che parla: i suoi interventi verbali durano anche un’ora. Ma le parole sono un insieme di suoni noiosi e soporiferi, talora striduli in una disarmonia di logicità.
Parole e parole, ovvero suoni e suoni disarticolati, in un vuoto d’essere.
I discorsi son una ripetitiva litania di: “non saprei”, “mi sembra”, “forse”, “non me ne intendo”, “tocca a voi”, ecc. ecc.
Così è stato l’intervento che Mario Delpini sabato 16 febbraio 2019 ha tenuto, presso Villa Cagnola di Gazzada, Varese, davanti ad amministratori impegnati nelle politica locale, sindaci, assessori, consiglieri comunali attivi nel territorio della Zona Pastorale II-Varese.
Più di quaranta minuti (42’ esattamente) nel vuoto mentale più pauroso. Una stucchevole auto-giustificazione del fatto che tocca agli amministratori fare il loro dovere, mentre alla Chiesa toccherebbe fare altro.
Mi chiedo: perché vuole incontrare gli amministratori parrocchiali? per dire loro che sono tutti buoni e bravi e che continuino a fare i buoni e i bravi, e che lui, vescovo, non ha nulla da suggerire, perché non ha competenza nel campo amministrativo?
Quarantadue minuti di giri di parole, di suoni inutili, di noia mortale, lasciando allibiti i presenti in sala e i tre intervenuti con lo scopo specifico di porre delle domande al loro vescovo.
Non si trattava neppure di parlare da amministratore a amministratore (così come aveva fatto nell’ultimo Discorso di Sant’Ambrogio), ma di parlare da vescovo, con la passione del bene della propria gente, che vive non solo di pane, di casa, di lavoro, ma soprattutto di qualcosa  di più, di quella parola di Dio che nutre lo spirito dell’essere umano.
Bastava che Delpini si soffermasse sull’essere e sullo spirito interiore, e l’intervento sarebbe decollato.
Invece no!
“Non saprei… che vi devo dire… non è di mia competenza… siete tutti bravi…”, ecc.
Quarantadue minuti di giri inutili di parole vuote!
Voi credete che la prossima volta cambierà musica?
No! Lui è così presuntuoso da credersi un saggio, così vuoto da ritenersi un punto di riferimento, così arido da pensare di essere una sorgente di acqua viva.
D’altronde, dal vuoto non si può pretendere che nasca qualcosa di nuovo.
“Un abisso chiama l’abisso”, scrive l’autore del Salmo 42, versetto 8.
Neppure Dio, che è abile nel creare dal nulla, riuscirà a tirar fuori qualcosa di interessante da uno che fa nulla per togliersi dal nulla.
***
Per ascoltare l’intervento di Alessandro Boriani, sindaco di Luvinate
clicca
qui
Per ascoltare l’intervento di Roberto Molinari, assessore ai Servizi Sociali del Comune di Varese
clicca
qui
Per ascoltare l’intervento Leda Mazzocchi della Scuola Sociopolitica
clicca
qui

Intervento di Mario Delpini

 

 

 

2 Commenti

  1. luigi ha detto:

    “Dal profondo a te grido, Signore …” è il canto di un peccatore pentito e graziato. Il salmo 130 è il salmo di attesa dell’intervento di Dio. Chi nella vita non ha avuto problemi da risolvere e si è trovato in difficoltà? Mia mamma era una donna religiosa, ma saggia. Ricordo il suo consiglio: “Aiutati che il ciel t’aiuta”. Una frase che aveva ascoltato e accolto dentro di sè. A Delpini consiglio di ascoltare e accogliere dentro di sè il salmo 130. Quando vedrò in lui la contrizione del “peccatore (non ha sbagliato bersaglio trasferendo un prete pedofilo da un oratorio all’altro? Peccare = sbagliare il bersaglio) pentito e graziato” l’attesa dell’intervento di Dio è finita e la speranza si sarà realizzata. O sarà cambiato lui e/o avremo un nuovo arcivescovo nella diocesi di Milano?

  2. Enrico ha detto:

    Purtroppo le persone non vengono messe a caso in alcune posizioni. Ricordiamoci la lettera di Carron (CL) a Papa Benedetto XVI per la sostituzioni di Tettamanzi. E’ questa chiesa che è arroccata su posizioni conservatrici e che non si vuole aprire. Meglio prendere i vantaggi che offre un certo tipo di politica, che andare a prendersi grane nel battersi per difendere il gregge del Signore. Come non c’è democrazia in politica cosi non c’è nella Chiesa.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi