Inaffidabili questi mass media

Inaffidabili questi mass media

di don Giorgio De Capitani
Fare del giornalismo di oggi un modello di libertà di pensiero o di quel diritto di cronaca di eventi da esporre nella loro veridicità, è una semplicioneria rasente l’imbecillità, tanto più che non ci si azzarda neppure a nutrire qualche ombra di dubbio, sotto minaccia di querele. Da parte dei giornalisti stessi!!! Che paradosso osceno!
L’ho sempre sostenuto: ogni querela è una riprova che i giornalisti sono in balìa o di un potere che gestisce un giornale cartaceo o online, o di una stupidità mentale che fa sì che il giornalista (!?) si crede protetto dalla casta, a cui appartiene.
Anche il miglior giornalista è in ogni caso vittima di un minimo di idiozia, e che l’idiozia sia grande o minima, è sempre idiozia.
Io non sono un giornalista o, meglio, non sono laureato (si dice così?) in giornalismo e perciò non appartengo alla casta giornalistica (tanto meno sono un cronista, e qui il discorso si farebbe lungo sulla pochezza culturale dei cronisti, pensate a giornaluncoli locali, che neppure hanno il pudore di rispettare i fatti che narrano; morti di fame che per quattro spiccioli si vendono al padroncino locale).
Sono uno spirito libero, che scrive o dice, senza farsi condizionare da nessuno, il proprio pensiero, al di là di una cronaca che, già in quanto cronaca di fatti più o meno accaduti, è sempre e in ogni caso stravolta da una narrazione sempre e in ogni caso ”soggettiva”.
Non narro fatti, se non nel minimo necessario o nell’essenziale per poi soffermarmi a lungo con riflessioni personali, frutto anche di numerose e variegate esperienze.
Anche il diplomato giornalista (il cronista dovrebbe solo riportare i fatti, in modo veritiero e possibilmente in modo decente!) si permette di esporre delle proprie riflessioni o considerazioni, che però talora non sembrano scaturire da un nobile pensiero, ma sono frutto di preconcetti o pregiudizi, tali da rivelare una grettezza culturale.
E per cultura non intendo una conoscenza pedissequa di qualche infarinatura pseudo-filosofica, vago ricordo di qualche nozione scolastica, o di un presente più o meno recente, citando autori “strani” (per far colpo) con inserimenti di parole “inglesi”.
Non conosco l’inglese, e non me ne vergogno; conosco il francese, e me ne vanto.
Conosco l’italiano, il latino e il greco classico, quanto mi basta per chiarire al meglio i miei pensieri, che vorrei sempre attingere presso la fonte del grande pensiero degli antichi greci e del pensiero ancora più nobile della grande Mistica.
Più che descrivere i fatti, li penso e li-ripenso.
È questo, come ha scritto Simone Weil, il più grande atto eroico dell’epoca contemporanea.
Pensare e ri-pensare con l’intelletto “attivo” (di cui parlava Aristotele), orientato all’Intelletto divino, è “essenziale”, l’unica cosa degna dell’”homo sapiens”, ma è difficile trovare spiriti liberi, in una società dominata dalla barbarie.
Se i giornalisti prolificano, gli spiriti liberi invece soffrono solitudini: bastonati, umiliati, emarginati, con l’unico intento di tagliarli fuori dalla lotta esistenziale, là dove a prevalere è il potere della carnalità che partorisce strutture carnali, come tentacoli di un mostro infernale.
Ma le menzogne non si imporranno a lungo, neppure con il proliferare dei tentacoli strutturali. I pochi giusti si imporranno con la Verità divina.
La Verità non potrà mai essere definitivamente sepolta sotto un mucchio di detriti.
Le menzogne, proprio perché pesano con le loro strutture, sono destinate a sgretolarsi nel tempo e da parte del tempo, mentre la Verità è eterna.
Ecco perché non descrivo i fatti usando l’inganno, come fanno i mass media moderni, ma penso e ri-penso su tutto, convinto che la forza del Pensiero demolirà le menzogne, incarnate nelle strutture, le cui apparenze sono solidificate con l’inganno.
Sono spirito libero che pensa e ri-pensa: è proprio nello spazio libero della mia solitudine anche fisica che scopro la forza dello Spirito divino.
Certo, è importante anche saper scrivere, saper comunicare con un linguaggio immediato e efficace, essere anche libero di usare una terminologia fuori da ogni decenza formale: anche questo è libertà di esprimere un pensiero forte, autentico, libero da ogni condizionamento.
Lo spirito libero sa trovare il modo giusto per arrivare a colpire il cuore del sistema.
La Nobiltà d’animo non rende lo spirito libero timido o ligio alle convenzionalità sociali o religiose.
Lo spirito libero usa le armi più potenti, ovvero quelle dello Spirito che non conosce la violenza fisica, ma la violenza dell’essere in quanto essere, la cui essenzialità purissima è come un’energia esplosiva che distrugge anche fisicamente strutture millenarie e sistemi planetari.
In quanto figlio libero dello Spirito divino mi assoggetto alla violenza “spirituale”, sapendo che questa violenza, solo questa violenza, è in grado di cambiare una società globale, le cui fondamenta sono sì rocce millenarie, ma sempre carnali, soggette perciò al tempo che rode ogni carnalità.
Ma il tempo rode e di nuovo partorisce, in una concatenazione carnale, dando l’idea o l’impressione di qualcosa di intoccabile e di indistruttibile.
Ma lo spirito agisce dall’interno dell’essere, e qui può succedere il miracolo, quando il momento della Grazia coincide con il volere dello Spirito.
Bisogna crederci, bisogna sperare che la Grazia faccia implodere la roccia carnale delle strutture d’inganno, che si oppongono ostinatamente alla forza dello Spirito.
Lo spirito libero parla a nome dello Spirito, agisce nello Spirito, agita le acque di oceani di Male con la forza dello Spirito.
Gli spiriti liberi non si fanno massa, come se fosse la quantità ad avere ragione sulla quantità opposta. Non è una lotta di quantità, ma una lotta impari, perché l’essere in contrapposizione all’avere ha dalla sua la purezza dello Spirito, mentre l’avere contrappone all’essere una forza brutale che non può intaccare la purezza dello Spirito.
L’essere farà implodere l’avere, mentre l’avere potrà al massimo tenere segregato l’essere per farlo tacere, in un oblio anche millenario.
Ad ogni voce dell’essere che si risveglia, che apre uno spiraglio del Genio per far risplendere un po’ della sua essenzialità, il mondo dell’avere trema, si ribella, ma non riesce a contrapporsi alla Grazia dello Spirito.
Gli spiriti liberi sono questi spiragli di infinito, che, prima o poi metteranno a dura prova la carnalità dell’avere, ma occorre, più che il numero o la quantità degli spiriti liberi, una tale purezza di qualità dell’essere da bastare anche meno di una decina di giusti per far crollare regni mostruosi di capitalismo globale.

1 Commento

  1. Giorgio 1963 ha detto:

    Considerazione meravigliosa, che mi trova perfettamente d’accordo. La posterò sulla mia bacheca Facebook, sperando che almeno uno di quei leggeroni dei miei contatti gli dia una occhiata e ci rifletta su, anche se non sono ottimista. La maggior parte della gente è superficiale e usa i social solo per cazzate. Qui occorre un risveglio radicale delle coscienze. Un miracolo appunto

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi