Le puttanate dei giornalisti di regime di oggi

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Le puttanate dei giornalisti di regime di oggi

UNA DOVEROSA PREMESSA
Dal momento che è in corso un procedimento penale nei miei riguardi per aver “offeso”, così ritiene l’accusa, una giornalista della Rai, vorrei dubito chiarire che l’articolo si riferisce al presente, dopo le reazioni scriteriate di alcuni giornalisti al mio ultimo video su Silvio Berlusconi.
***
I giornalisti di regime non muoiono mai, perché, che ci sia al potere Berlusconi (oramai in via di estinzione politica) o un altro capo banda, non cambia la realtà di un’Italia abituata a servire i padroni dell’informazione, “serva servorum dei”, ovvero dell’idolo di cartapesta.
Imbecilli sempre pronti a vendersi il cervello per un pezzo di pane da masticare con i denti avvelenati, peggio di vipere che, se mordono, è solo per difendersi.
Questi mercenari giornalisti, che gridano libertà di stampa solo perché così hanno il via libera per intingere nel veleno le loro parole di rivalsa contro chi, a differenza loro – differenza abissale – intingono le parole nella libertà di quello spirito che non vuole mai, costi quello che costi, anche con il rischio di essere lapidato, contaminarsi con la carne putrefatta di carogne che riempiono le strade che partono o portano alla centrale del potere informativo.
Ho scritto nei giorni scorsi un articolo con il relativo video su Berlusconi, pensando all’ipocrisia di quanto potrebbe succedere alla sua morte. È forse proibito pensare alla morte? Anch’io penso alla mia, e ho già in mente il mio testamento, per evitare il solito rito ipocrita di litanie religiose e laiche, tra un dio tirato in ballo “invanamente” e una incensazione del tipo”: “in fondo in fondo era buono! Lo ricorderemo per le sue buone intenzioni, anche se…”. Anche se, ovvero una marea di riserve, di dubbi, di ma, quali: “ci ha voluto bene, però esagerava, però… però…”. Una epigrafe piena di “però” renderebbe bene l’idea per chi la legge, ricordando un coglione che si è lasciato consumare dalla grande voglia di ribellarsi al potere, per amore non di una pagnotta, ma di un po’ di giustizia e di verità.
L’epigrafe tombale di chi non ha fatto altro che schiacciare la dignità degli esseri umani non si incide con i “però”, ma con una lunga sfilza di certezze, quelle di chi si è creduto tanto onnipotente da credersi eterno, senza nemmeno dubitare che prima o poi la morte arriverà per tutti a renderci polvere.
Rilancio. Dopo la dipartita di Berlusconi da questa terra (quando Dio lo vorrà!), la Storia non potrà non ergersi giudice di chi ha tentato di polverizzare la Democrazia italiana, anche se un popolo bue ha la memoria corta, e dimenticherà facilmente la storia di poveri fantocci in balìa di un delirio d’onnipotenza.
Ma… non solo il popolo bue, anche i giornalisti, leccaculo dei benefattori, faranno di tutto, finché saranno in vita fino all’ultimo rantolo i loro padroni, per screditare gli spiriti liberi che vorrebbero tenere in vita la memoria di un riccone, generoso con le baldracche e sempre pronto a promettere “panem et circenses” al popolo bue, ridotto ad una larva di coscienza narcotizzata. E il popolo bue abboccava all’amo come muti pesci ignari di finire nella padella o come stupidotti morti di fame alla ricerca di qualche briciola, lasciata cadere dalla mensa lussuosamente e lussuriosamente imbandita.
Ogni corte imperiale ancora oggi ha i suoi giullari, ma, a confronto di quelli di un tempo che erano anche portavoce del popolino angariato di tasse per mantenere le orge sfrenate della famiglia principesca, i giullari di oggi, giornalisti prezzolati, sembrano meno cortigiani,  in realtà sono spregevoli mentecatti pronti a sparare su coloro che, purtroppo rarissimi, osano denunciare le porcate del regime, sia politico che mediatico, e non si adeguano a onorare neppure gli agonizzanti.
Ed ecco, dietro i pifferai, formarsi una lunga schiera di topi di fogna, ovvero quella massa di decerebrati, resi tali dal virus berlusconiano, sempre presenti su internet a dimostrare fino a che punto siano incapaci di aprire gli occhi, ancora abbagliati dal fantoccio d’Arcore, oramai un rottame di paglia.
Dire che l’Italia sia uscita dal ventennio, e oltre, dell’ultima era fascista (1994/2011) è una demenza, visto che, a parte la nostalgia del duce brianzolo, sembra rinascere la voglia bavosa del mito eterno del demagogo-imbonitore dal carisma narcotizzante.
Prova ad alzare la testa, fuori dal pantano, ed ecco migliaia di mitraglie pronte a colpire, con calunnie e falsità, screditando gli onesti, buttandoli in pasto alle belve feroci: non avrai più scampo, ti trascineranno sul banco degli imputati, dileggiato dal popolino più ignorante.
Ora vi invito a leggere alcuni articoli di questi cani rognosi, che hanno stravolto il senso delle mie parole. 
http://tv.ilpopulista.it/video/14-Giugno-2016/1922/Video-shock-di–don-.html
http://www.blitzquotidiano.it/blitztv/video-youtube-berlusconi-bastardo-devi-morire-augurio-di-don-giorgio-2484532/
http://tv.liberoquotidiano.it/video/politica/11918927/berlusconi-bastardo-muori-don-giorgio-de-capitani.html
http://www.meltybuzz.it/rita-dalla-chiesa-berlusconi-don-giorgio-de-capitani-a202301.html
http://www.iltempo.it/politica/2016/06/14/che-scandalo-quei-preti-freelance-che-augurano-la-morte-al-cav-1.1549507
http://www.direttanews.it/2016/06/14/berlusconi-al-via-lintervento-al-cuore/
18 giugno 2016

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi