Duro appello di Mattarella: «Basta polemiche scomposte»

da Il Manifesto
POLITICA

Duro appello di Mattarella:

«Basta polemiche scomposte»

Emergenza Covid. Le Regioni: via i 21 parametri per decidere le zone a rischio. Secco no di Speranza

Andrea Carugati

18.11.2020
Stop a «polemiche scomposte» e alla «rincorsa a illusori vantaggi di parte, a fronte di un nemico insidioso che può travolgere tutti. Una partita come questa si vince solo insieme e nessuno può pretendere di avere ragione da solo». Nel giorno in cui le regioni con una dura lettera chiedono al governo di rivedere i parametri con cui vengono decise le chiusure (secco il no del ministro Speranza), il presidente della Repubblica Sergio Mattarella lancia un altro appello, con toni solenni e drammatici, alla cooperazione tra le parti della società italiana, comprese le istituzioni.
«La libertà rischia di indebolirsi quando si abbassa il grado di coesione. È questa la prima responsabilità delle istituzioni democratiche, a tutti i livelli, e questa è la lezione che la pandemia ribadisce con durezza», ha detto Mattarella parlando all’assemblea dell’Anci. «Desidero rivolgere – questa volta attraverso i sindaci – un nuovo appello ai nostri concittadini affinché ci si renda conto, tutti, della gravità del pericolo del contagio che sta investendo l’intera umanità».
IL CAPO DELLO STATO ha citato le «incomprensioni che «talvolta hanno reso ruvide le relazioni tra i diversi livelli di governo». «Il principio di leale collaborazione istituzionale resta la direttrice su cui ricostruire costantemente le linee efficaci per superare la crisi in atto, rifuggendo dalla tentazione di lasciare ad altri le responsabilità delle decisioni più difficili». Mattarella non parla solo alle istituzioni. «Il virus tende a dividerci: tra fasce d’età più o meno esposte ai rischi più gravi, tra categorie sociali più o meno colpite dalle conseguenze economiche». Una spirale perversa di divisione- fondata anche sul pensiero ingannevole «a me non succederà»- che rischia di minare la tenuta sociale e lo stesso sistema democratico. Di qui la richiesta a tutti i cittadini di una «assunzione di responsabilità».
LE REGIONI IERI MATTINA si sono riunite e hanno convidiso la richiesta di un «tagliando» (copyright Luca ZAia) dei 21 parametri finora usati per decidere i colori della varie aree, definiti nella lettera dei governatori «non adeguati alla valutazione degli scenari» di rischio e «poco congrui». Sintetizza Giovanni Toti, che ieri ha guidato la riunione visto che il presidente Stefano Bonaccini è ancora in malattia: «Criteri più trasparenti, semplici e aggiornati alla realtà delle singole regioni. Un serio confronto politico sulle misure da prendere in ogni territorio, che tengano conto della situazione economico-sociale». «È improponibile pensare di governare dovendo aspettare la decisione dell’oracolo del venerdì», attacca il presidente del Friuli Massimiliano Fedriga, della Lega. «Dialogo non vuol dire che il governo ci comunica le decisioni che ha preso».
I governatori-che hanno chiesto un incontro urgente ai ministri Speranza e Boccia- chiedono di utilizzare 5 indicatori al posto degli attuali 21. Nel dettaglio i 5 sono: la percentuale di tamponi positivi (escludendo i nuovi test sugli stessi soggetti); un Rt calcolato sulla base della sorveglianza integrata Iss; il tasso di occupazione dei posti letto di terapia Intensiva e dei posti letto totali per pazienti Covid; numero, tipologia di figure professionali e tempo dedicati in ciascun servizio territoriale al contact tracing. Altra richiesta: un caso di Covid deve essere confermato anche solo dopo un test rapido, senza aspettare il tampone molecolare.
SECCA LA REPLICA DEL MINISTRO della salute Speranza: «Il dialogo con le regioni è sempre aperto. I 21 parametri indicano l’indice di rischio insieme all’Rt e determinano quali misure attuare».
Nessuna revisione, dunque. Boccia concorda. «Possibile discutere di ponderare in modo diverso alcuni parametri rispetto ad altri» (ad esempio l’Rt o la pressione sugli ospedali). Ma nessun reset. Il monitoraggio non è «un’alchimia misteriosa», dice Boccia, ma il prodotto di una cabina di regia «fatta da tecnici e scienziati», compresi «esponenti tecnici scelti dalle regioni». Un secco no dunque a «uscire dall’oggettività dei dati per entrare nella discrezionalità della politica».
UN INCONTRO TRA I GOVERNATORI e i due ministri per ora non è in agenda. «Ho la sensazione che ci sia la corsa a chi esce prima dalla condizione di restrizione: se ci stiamo una o due settimane in più non è un problema», avverte Boccia. Messaggio rivolto a Lombardia e Piemonte che premono per passare da zona rossa a arancione già venerdì. Boccia accusa: «A maggio c’erano tante cicale che volevano ripartire. Ci sono regioni che hanno sottovalutato la condizione generale, basta vedere chi ha fatto delibere per tenere aperte le discoteche».
Antonio Decaro, sindaco di Bari, ha aperto i lavori dell’assemblea dell’Anci chiedendo «scusa ai cittadini a nome di tutta la classe dirigente italiana. Perché non ci siamo mostrati adeguati a fronteggiare questa maledetta pandemia». «Ma questa non è una resa, l’Italia non si arrenderà».
Testo integrale
        ⇒ qui

1 Commento

  1. Luigi Sirtori ha detto:

    Con una maggioranza di destra illiberale e populista, con una minoranza di sinistra populista il monito di Mattarella sembra cadere nel vuoto. Penso a parte Conte e qualche ministro il presidente della Repubblica sia l’unico a prendersi delle responsabilità per il bene comune del Paese in tempi di emergenza. Tutti gli altri presidenti di Regione o sindaci sembra vivino su Marte (in riferimento alla satira “fascisti su Marte”). Poi ci si mette una scienza, con eccezion fatta di quella seria, che si diverte a contraddirsi, è difficile anche per un presidente della Repubblica cercare di creare coesione nel Paese. Basta guardare al discorso della Merkel ai tedeschi per capire quanto è difficile parlare agli italiani che, occorre ammetterlo, in maggioranza sono più sciocchi e creduloni se no non avremmo Salvini e Meloni da una parte e Di Battista e altri non solo dei 5 stelle ma pure del PD dell’altra. E per dar a ragione a don Giorgio una Chiesa italiana che guarda le stelle in attesa di una cometa che porti dei saggi che spazzino via corruzioni, pedofilie e quant’altro sfiguri l’immagine di Cristo. Che dire d’altro. Vieni Signore e illumina politici che possano varcar la tua soglia, che camminino per vie diritte, che in opere giuste s’adoprino, con cuori sinceri, con labbra monde da inganni … che agli infami la stima rifiuti, che mantenga le sue promesse, che non presti denaro ad usura e che non venda per lucro il giusto (Salmo 15). Solo così possiamo cantare alla Trinità beata vigilanti nell’attesa del tuo Regno.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi