Busta paga più pesante per 16 milioni di lavoratori da luglio

Un momento dell’incontro, a Palazzo Chigi, sul cuneo fiscale – Ansa
da AVVENIRE

18 gennaio 2020

Decreto entro fine mese.

Busta paga più pesante

per 16 milioni di lavoratori

da luglio

Nicola Pini
Rafforzato ed esteso il bonus Renzi. Incontro a Palazzo Chigi per presentare il provvedimento ai sindacati. Per i nuovi beneficiari, oltre 4 milioni, lo sgravio arriverà come detrazione
Cento euro al mese per chi finora ne ha presi 80. E 80 euro per chi oggi era fuori dal bonus Renzi e ha un reddito fino a 35mila euro l’anno, beneficio che poi si riduce fino ad azzerarsi a quota 40mila. Ecco le coordinate del nuovo taglio al cuneo fiscale messo a punto dal governo e presentato ieri al tavolo con i sindacati.
Una misura finanziata con i tre miliardi di euro previsti dalla manovra di bilancio e che scatterà, come già annunciato, con gli stipendi di luglio. In tutto saranno 16 milioni i lavoratori dipendenti che avranno una busta paga un po’ più pesante, 4,3 milioni dei quali sono i nuovi beneficiari.
Il tutto arriverà con un decreto ancora in preparazione, atteso entro fine mese. Ma i numeri dell’operazione il governo li ha messi nero su bianco in due paginette consegnate ai tre leader di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, che sono usciti dall’incontro piuttosto soddisfatti.
«A dispetto di quanto ha sostenuto una certa propaganda, questa è la prova che la manovra riduce davvero le tasse», ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso dell’incontro, assicurando che si tratta di un «primo passo» per arrivare alla riforma dell’Irpef. Un piano di riordino fiscale «che ha l’obiettivo di restituire sicurezza economica ai lavoratori e alle famiglie» e che «coinvolgerà anche i pensionati».
«Sono molto soddisfatto – ha commentato da parte sua il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri – . Dopo aver evitato l’incremento dell’Iva, adesso aumentiamo gli stipendi a milioni di italiani con un intervento ispirato alla strada giusta per la crescita, primo tassello di una più ampia riforma fiscale».
Nel dettaglio, coloro che già percepiscono il bonus Renzi (11,7 milioni di lavoratori dipendenti con redditi tra 8.173 euro e 26.600 su base annua) prenderanno 20 euro in più.
Stessa cifra di 100 euro al mese (1.200 l’anno in prospettiva dal 2021) anche per i redditi fino a 28mila euro finora esclusi dal bonus. Dai 28mila lo sgravio decresce per arrivare a 80 euro a quota 35mila e oltre questa soglia scende ancora fino ad azzerarsi a 40 mila. Ad esempio con 39mila euro di reddito il beneficio è di una trentina di euro mensili.
Secondo quanto ha anticipato la vice-ministra al Mef, Laura Castelli, lo sgravio sarà erogato in due forme diverse: i vecchi beneficiari del bonus Renzi avranno semplicemente un aumento dell’importo ricevuto. Per i nuovi destinatari si tratterà invece di una detrazione.
La scelta è dovuta a ragioni tecniche, perché chi sta nella fascia più bassa dei redditi non avrebbe potuto beneficiare in pieno delle detrazioni.
Ma c’è anche una spiegazione politica perché i renziani incassano un riconoscimento per il loro vecchio bonus, che non sparisce, mentre nelle detrazioni si intravede la logica della riduzione del cuneo e delle aliquote su cui puntano il Pd e il M5s. Ciononostante ieri esponenti di Italia Viva, come il vicecapogruppo Lugi Marattin, sono intervenuti per caldeggiare la sola estensione del bonus a tutta la platea dei beneficiari dello sgravio. «Abbiamo discusso con i partiti della maggioranza e confrontato le varie opzioni, c’è stata una convergenza di tutti su questo modello», ha ricordato però Gualtieri.
I sindacati hanno dato il loro via libera. Annamaria Furlan (Cisl) ha sottolineato il «primo risultato positivo ottenuto anche se «parziale», perché «restano fuori ancora una volta gli incapienti», ovvero i lavoratori sotto gli 8mila euro di reddito. Maurizio Landini (Cgil) ha parlato di una «giornata importante» nella quale «dopo diversi anni c’è un provvedimento che aumenta il salario netto. Nessuno diventa ricco, ma la strada è quella giusta».
«Siamo partiti con il piede giusto», ha aggiunto anche Carmelo Barbagallo (Uil). Tutti e tre sindacati sottolineano che il risultato è il frutto delle mobilitazioni dello scorso anno e ora attendono il governo al varco sulla riforma complessiva del fisco, che dovrà passare da una «vera lotta all’evasione» e dare risposte anche ai pensionati e, appunto, agli incapienti. Gualtieri punta su una legge delega entro aprile.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi