Omelie 2020 di don Giorgio: Seconda dopo l’Epifania

19 gennaio 2020: Seconda dopo l’Epifania
Nm 20,2.6-13; Rm 8,22-27; Gv 2,1-11
Brani impegnativi
I tre brani della Messa sono impegnativi da spiegare, non tanto perché a trovarsi in difficoltà sarebbe l’assemblea, quanto invece chi ha il dovere di cercare qualcosa da dire che sia veramente interessante.
Le nozze di Cana  
Il terzo brano della Messa riporta le cosiddette “nozze di Cana”, che in modo del tutto riduttivo possiamo anche definire “la trasformazione dell’acqua in vino”. Forse l’evangelista Giovanni non intendeva neppure parlare di un banchetto di nozze, visto che  non si parla mai degli sposi: c’è solo un fugace accenno allo sposo e al maestro di tavola. Forse Giovanni intendeva darci un altro messaggio, partendo da altri aspetti. Ed è qui il punto: quali sono questi altri aspetti su cui dovremmo soffermarci?
L’acqua dalla roccia
Vediamo il primo brano: può darsi che ci aiuti a rispondere alla domanda. Si parla di una roccia, da cui scaturisce l’acqua, necessaria per dissetare gli ebrei nel deserto. Si tratta di un intervento divino, così evidenzia l’autore sacro. Ma di per sé che l’acqua scaturisca da una roccia è una cosa più che naturale. Nel brano di Giovanni, invece, si parla di acqua trasformata in vino, e ciò non è per nulla naturale. È un miracolo che va contro la natura dell’acqua, che vuole essere acqua e non un’altra cosa. Già qui c’è qualcosa di strano.
Il vino di per sé non è necessario per vivere, mentre l’acqua è necessaria per la vita dell’intero Universo. L’acqua poi è all’origine dell’universo. Il vino, dice la Bibbia, è stato inventato da Noè che, tra parentesi si è poi ubriacato, deriso da un figlio che è stato maledetto. Soprattutto in un deserto, l’acqua è indispensabile. Da qui la contestazione degli ebrei contro Mosè e Aronne, ed ecco l’intervento di Dio.
Anche dal punto di vista simbolico non c’è paragone tra l’acqua e il vino. È vero che presso gli antichi e presso gli ebrei il vino era simbolo di vita, di gioia, di festa, di amore, ecc., ma sempre sul piano umano.
Proprio nel Vangelo di Giovanni, l’acqua è simbolo della vita stessa di Dio, simbolo di grazia. C’è poi un profondo rapporto tra l’acqua e lo Spirito. Ricordiamo le prime parole della Genesi: “lo spirito di Dio aleggiava sulle acque”. E ricordiamo le parole di Gesù: “Se qualcuno ha sete venga a me, e beva chi crede in me. Come dice la Scrittura: Dal suo grembo sgorgheranno fiumi di acqua viva”. Commenta l’evangelista Giovanni: “questo egli disse dello Spirito che avrebbero ricevuto i credenti in lui…».
L’acqua poi è legata a eventi straordinari nell’Antico e nel Nuovo Testamento: pensate al diluvio, al passaggio del Mar Rosso, al lago di Genesaret, al fiume Giordano.
Il vino e l’Eucaristia
Qualcuno potrebbe obiettare: Gesù, nell’Ultima Cena, ha istituito l’Eucaristia durante il banchetto pasquale, dove il pane e il vino avevano una grande importanza: sul pane Gesù pronunciò le famose parole in riferimento al suo corpo (“questo è il mio corpo…”), e sul vino altre parole in riferimento al suo sangue (“questo è il mio sangue…”). Le stesse parole che ogni sacerdote, quando celebra la Messa, pronuncia sul pane e sul vino.
In ogni caso non dimentichiamo che il celebrante, all’offertorio, mette nel calice, oltre al vino, anche un po’ di acqua. E non dimentichiamo che il vino è composto da circa 600 componenti, tra cui quello principale è l’acqua presente nella quantità di 85/90 per cento.
L’Ora
A questo punto, scartate le nozze e scartato il vino, sembra che Giovanni dia estrema importanza a due aspetti: la presenza di Maria, madre di Gesù, chiamata semplicemente “Donna”, e una parola che merita attenzione: l’Ora.
Partiamo dall’Ora. Parecchie volte, in circostanze diverse, Gesù ricorre al termine “ora” per indicare un momento fissato dal Padre per il compimento dell’opera di salvezza. La parola Ora la troviamo nel dialogo tra Gesù e la samaritana: “Viene l’ora, ed è adesso, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità” (Gv 4,23). Sarebbe interessante evidenziare tutte le volte in cui Gesù parla della sua Ora. Oltre al significato del momento in cui Cristo realizzerà la salvezza del mondo (e sarà sulla Croce), dopo la risurrezione tutto è l’Ora di Dio. Possiamo anche dire che Dio non ha ore per incontrarci, tutto è Grazia che si realizza quando contempliamo lo Spirito nel nostro essere interiore.
Qui dovrei richiamare le parole del brano di San Paolo: “Sappiamo che tutta insieme la creazione geme e soffre le doglie del parto fino ad oggi. Non solo, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo”. Siamo in attesa di generare il figlio dentro di noi, frutto dello Spirito santo. Ogni ora è buona. Siamo generati e rigenerati nello Spirito in continuazione. L’Ora di Dio non è stabilita dal tempo.
La Donna
Il racconto di Giovanni si sofferma sulla Madre di Gesù, Maria, chiamandola semplicemente Donna. Tanto si è discusso anche su questo: sul perché Gesù chiami Maria la Donna, e la parola Donna tornerà sul Calvario quando Gesù morente affida la Donna, sua madre, a Giovanni. Così ha chiamato “donna” la samaritana. Ci sarà un perché? Anche nella Genesi, Dio parla di una donna, il cui figlio (stirpe) schiaccerà la testa del serpente, simbolo del Male.
Ma ancora oggi gli studiosi litigano tra loro nel dare un senso alle parole di Gesù alla Madre. Parole che sono intraducibili. In latino così sono state tradotte: “Quid mihi et tibi, mulier?”.
Credo che, al di là del senso da dare a queste parole, c’è un dialogo affascinante, proprio perché misterioso, tra Gesù e sua madre. Perché la chiama “donna”? Perché sembra che ci sia quasi uno screzio? In realtà poi Gesù dà retta all’invito della madre a intervenire.
È proprio qui che dovremmo riflettere seriamente, e non soffermarci sul miracolo della trasformazione dell’acqua in vino.
Pensiamo soltanto a questo: Maria, più che la ragazza di Nazaret, madre di Gesù, è la Donna nella sua realtà più nobile, che esiste fin dalle origini del mondo. È la Donna che dice a ciascuno di noi: rinasci nel grembo del tuo spirito fecondato dallo Spirito santo. È questo che oggi ci manca: l’Ora della rinascita interiore.

1 Commento

  1. Luigi ha detto:

    Don Giorgio, sabato ho ascoltato un’omelia sugli ex voto miracolati dalla Madonna dei quale uno il don si diceva testimone. Aveva esordito con il vino che lo rendeva felice. Per fortuna ascolto e leggo in contemporanea le tue omelie. Il vangelo di Giovanni per apprezzarlo occorre una lettura mistica dicono alcuni esperti. Penso abbiano ragione. Mi piace il ritratto più della Donna che della Madre. La semplice Donna è Universale, la Madre non è detto che lo sia. La Donna non la si può limitare ad una Patria come la Madre Patria tanto cara ai patrioti. Ancora è accettabile la Madre Terra come Pianeta nel quale tutti viviamo. Pensavo a tre mistiche ebree (Maria di Nazareth era ebrea) famose delle quali una la Chiesa l’ha santificata: Edith Stein, Etty Hillesum e Simon Weil. Più che del culto degli ex voto, preferisco gli aforismi. “Quando la scienza, l’arte, la letteratura e la filosofia sono semplici manifestazioni della personalità e sono ad un livello tale da raggiungere gloriosi e bizzarri obiettivi, rendono il nome di un uomo vivo per centinaia di anni.” (Simone Weil). “Lasciar completamente libera una persona che si ama, lasciarla del tutto libera di fare la sua vita, è la cosa più difficile che ci sia.” (Etty Hillesum). “Spiritualità personale significa vigilanza e apertura. Non solo io sono, non solo vivo, ma sono consapevole del mio essere e del mio vivere. E tutto in un unico atto.” (Edith Stein). Grazie don Giorgio per l’omelia che mi riconcilia con la tradizione cattolica dalla quale provengo.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi