Omelie 2017 di don Giorgio: PENULTIMA DOPO L’EPIFANIA

19 febbraio 2017: PENULTIMA DOPO L’EPIFANIA
Bar 1,15a.2,9-15a; Rm 7,1-6a; Gv 8,1-11
Il libro di Baruc, ma che non è di Baruc
Il primo brano è tolto dal libro di Baruc. Baruc era il segretario del profeta Geremia, che ha svolto la sua missione nei momenti più drammatici della storia del popolo ebraico, ovvero durante la devastazione della città di Gerusalemme e la distruzione del Tempio da parte dell’esercito babilonese e la sua deportazione a Babilonia.
Secondo gli studiosi, il libro non è stato scritto da Baruc, ma è stato posto sotto il suo patronato per dargli più autorevolezza. In realtà, si tratta di un’antologia di brani diversi ordinati in epoca tarda (II sec. a.C.). Diversa è anche il genere letterario.
Troviamo una introduzione storica, che evoca l’uso del pellegrinaggio annuale a Gerusalemme da parte degli ebrei della diaspora, cioè di quegli israeliti che erano dispersi in terre pagane. Il testo di oggi ricorda proprio quegli ebrei che, per diverse ragioni, o perché si erano fatti una famiglia o perché avevano ricevuto qualche incarico importante, erano rimasti a Babilonia, anche dopo il ritorno in patria, che era stato favorito dall’editto del persiano Ciro il Grande del 538 a.C.
Dopo il prologo storico, troviamo una liturgia penitenziale, segue un inno alla sapienza, poi un’omelia profetica di consolazione e infine l’opera si conclude con la “Lettera di Geremia”, che è un testo polemico contro l’idolatria.
Grosso modo possiamo dire che tre sono le tematiche presenti nel libro: il peccato d’Israele riconosciuto e confessato (anche i peccati dei padri che avevano generato benché da lontano la tragedia della deportazione, secondo la già nota legge della ”retribuzione”, per la quale a un ogni delitto corrisponde un castigo, immediato o futuro); poi, c’è la tematica della conversione (non serve riconoscere il peccato, se non c’è un impegno di cambiare vita); infine, la speranza fiduciosa nella bontà di Dio (a che serve riconoscere il peccato e convertirsi, se poi Dio non è disponibile al perdono?).
La giustizia redentiva
La preghiera penitenziale, di cui fa parte il brano di oggi, è dominata dalla domanda intensa e reiterata di perdono: “ascolta, liberaci, guarda, pensa a noi, apri gli occhi, osserva!”, e così via. Commenta un esegeta: «L’orante si presenta in atteggiamento penitenziale sincero; la confessione del peccato, che ancora riaffiora, è genuina; il pentimento e la conversione sono autentici. La collera del Signore Dio non era, dunque, cieca, ma è riconosciuta come segno della sua giustizia e del suo amore, che non viene mai meno. Infatti, anche nei momenti di maggiore pervicacia di Israele nel male, il Signore ammoniva facendo balenare la triste sorte verso cui il popolo si stava avviando con la sua ribellione e la sua infedeltà”.
Qui sarebbe interessante evidenziare il rapporto tra giustizia e amore in Dio. Possiamo dire che la giustizia divina, quella vera, e non quella del dio religioso, è sempre redentiva, cioè è in vista di una salvezza. In Dio la giustizia è inseparabile dall’amore. Qui sta la differenza tra le divinità pagane vendicative e il vero Dio, quello che Cristo è venuto a rivelarci. Attenzione, dunque: anche in certe pagine bibliche vetero-testamentarie Dio è talora descritto come vendicativo, ma non è questo il vero Dio.
Il brano evangelico dell’adultera
Passiamo al brano del Vangelo. Si parla di adulterio e il termine “adulterio” deriva da adulterare, corrompere. Il senso etimologico può aiutarci a scoprire la fonte della corruzione o chi la sfrutta per corrompere qualcuno.
Prima di commentare il brano del Vangelo, vorrei fare una premessa. L’immagine dell’adulterio era spesso usata dagli antichi profeti per indicare il tradimento dell’Alleanza, presentata come uno sposalizio tra Dio e il popolo eletto. C’è un profeta in particolare, Osea, che, più degli altri, ha sviluppato il tema dell’amore di Dio per il suo popolo. Di fronte all’amore fedele da parte del Signore la “sposa” Israele rispondeva con l’infedeltà dell’idolatria cananea, bollata appunto come prostituzione e adulterio. Da notare che il termine “prostituzione” nel libro di Osea ricorre numerose volte, ma sta sempre a indicare il tradimento, ovvero l’adulterio, del popolo ebraico che si prostituiva alle divinità straniere.
Il Vangelo parla di un’adultera, perciò donna. E la donna, ai tempi di Gesù, e non solo, era vista come oggetto di un’implacabile legge maschilista di condanna a morte. Essa (sic!), solo essa è ancora colpevole di tradimento o di corruzione dell’istituzione familiare.
Te la trascinano davanti, come bestia già ferita a morte, e tu, Signore, ti senti quasi imbarazzato, più per l’ipocrisia di quei forcaioli amanti di sangue, che per quella “misera” donna colta sul fatto.
Ci sono violazioni della legge, che sembrano la gioia dei giustizialisti di mestiere, quando riescono a stanare qualcuno dall’ombra del peccato.
Non ti esce dalla bocca alcuna parola: imbarazzi col tuo silenzio quel tribunale di anziani, ligi alla lettera della legge.
Ma il tuo cuore non tace: freme di rabbia e di compassione.
Scrivi per terra, come a voler affidare alla polvere il tuo mistero di condanna e di perdono.
Quella donna resta sullo sfondo: in primo piano, è il tribunale degli uomini di potere.
La tua rabbia è tutta per loro: non ferisci ulteriormente quella donna.
Un duro imbarazzante silenzio di condanna per un mondo, quello maschilista, che strumentalizza l’oggetto-donna, per poi colpirlo a morte.
Quella donna in quanto donna inizia a sperare: quell’Uomo Gesù è il primo a vederla come soggetto di attenzione d’amore spirituale.
Anche la sabbia spera, e riceve volentieri il messaggio enigmatico di Gesù, che poi il vento dello Spirito cancellerà o, meglio, porterà lontano nei secoli.
«Chi di voi…». E le pietre, quelle di Gesù, volano violente sull’ipocrisia di una legge che ama ferire a morte i più deboli.
«Chi di voi è senza peccato…». Quale peccato? Forse lo stesso con cui si voleva lapidare quella donna? O forse quel peccato che si chiama strapotere maschilista?
Tutti se ne vanno, a iniziare dai più anziani. Le pietre-parole di Gesù hanno colto nel segno, e quei “maschi” per la prima volta si vedono denudati dalla luce divina.
Rimangono, sole, “misera et misericordia”: così commenta lapidariamente Sant’Agostino.
Il cuore dell’Uomo Gesù si fa spirito di vita e di speranza. Le parole autentiche partono dal profondo dell’Uomo-Dio e generano quel dono superlativo, che è il Per-Dono.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi