Allora c’erano i Politici, oggi… politicanti da quattro soldi! Povera Italia!

da Il Corriere della Sera
INTERVISTA

La figlia di De Gasperi:

I comizi con papà e quel 18 aprile ‘48.

Con Togliatti parlava di Dante,

poi gli tolse il saluto

Maria Romana De Gasperi 70 anni dopo il trionfo della Dc, che guidata dal padre incassò il 48% dei voti alle elezioni
di Aldo Cazzullo
Maria Romana De Gasperi ha davanti un foglietto con un elenco di città italiane. A 95 anni, ha avuto il riguardo per i lettori del Corriere di dedicare una giornata a ricostruire le tappe della campagna elettorale del padre. Lei era al suo fianco, come primogenita e come assistente. «Il primo comizio fu a Roma, il 16 febbraio 1948, alla basilica di Massenzio. Poi andammo a Lecce, Taranto, Ancona, Torino, Catanzaro, Cosenza, Brescia, Bologna, Mantova, Varese, Caserta, Frosinone, Cassino, Cagliari, Sassari, Nuoro, Trento, Vicenza, Bolzano, Pescara, Pisa, Imperia, Genova, Savona, Milano, Palermo, Caltanissetta, Enna, Catania. Papà chiuse la campagna venerdì 16 aprile a Napoli, in piazza del Plebiscito».
Che ricordo ha del 18 aprile di settant’anni fa?
«Andammo a messa in piazza San Pietro. Nulla di solenne. Allora l’immensa chiesa era sempre aperta, non c’erano metal detector; ogni quarto d’ora suonava una campanella e usciva un prete a celebrare davanti a uno dei tanti altari, anche per pochi fedeli. Poi andammo a comprare le paste. Una a testa, come sempre: per me, la mamma, le mie sorelle Lucia, Cecilia e Paola, e zia Marcella, la sorella di papà che non aveva più nessuno e viveva con noi».
De Gasperi pensava di vincere?
«Sì; ma non così tanto. Commentò: “Mi aspettavo che piovesse, non che grandinasse”». ù
Le testimonianze però lo raccontano come il meno entusiasta tra i capi Dc.
«È vero. Tutti erano euforici, io tirai fuori le bandiere. Lui invece era preoccupato. Sapeva che avrebbe dovuto fare molto con poco. Ma aveva una grande fiducia nel popolo italiano».
Fu una svolta.
«Una svolta morale. Gli italiani si sentirono più sicuri. Capirono che potevano lavorare nella fiducia e nella libertà, e ricostruire il Paese».
I comunisti lo chiamavano austriacante.
«Questo lo faceva soffrire moltissimo. Mio padre si sentiva profondamente italiano. Amava la patria a maggior ragione perché era nato suddito dell’imperatore asburgico. Da Roma mandava a Trento cartoline piene di ammirazione per la città, la sua storia, la sua bellezza».
Scrissero che aveva gioito per l’impiccagione di Cesare Battisti.
«I comunisti ripresero le vecchie calunnie dei fascisti. Quella lo indignò particolarmente, perché papà era stato due settimane con Cesare Battisti nelle carceri austriache. Insieme si erano battuti per istituire un’università italiana».
Chi era Alcide De Gasperi?
«Un intellettuale. Dalla prigione scriveva lettere in latino. Quand’era presidente del Consiglio, la sera per rilassarsi leggeva le egloghe di Virgilio e l’Anabasi di Senofonte in greco. Durante il fascismo lavorava il mattino in Vaticano come bibliotecario, e il pomeriggio per arrotondare traduceva testi in tedesco, che parlava come l’italiano. Papà dettava ad alta voce, mamma batteva a macchina, e noi dovevamo mettere le pantofole per non far rumore».
In famiglia com’era?
«Dolcissimo. Adorava le canzoni di montagna, faceva il capocoro, dirigeva noi figlie e i nostri amici. Quando combinavamo qualcosa, mia madre ci diceva: “Lo dico a papà!”. E noi eravamo contente perché sapevamo che non ci avrebbe fatto nulla».
Maria Romana è un nome lungo. Come la chiamava?
«Mana. Io mi occupavo di lui, e lui di me. Durante il viaggio in America del ’47 cominciai a parlare in inglese con un signore. Papà mi mandò un bigliettino: “Attenta a ciò che dici perché è quello della bomba atomica”. Era Enrico Fermi».
Cosa ricorda di quella storica visita?
«Un viaggio terrificante, su un piccolo aereo, uno Skywalker, che volava basso, radente alle nubi. Facemmo un primo scalo per rifornirci, poi in vista delle coste americane dovemmo tornare indietro e fare un secondo rifornimento su un’isola. Ma lui era tranquillissimo. Era un rocciatore, scalava le Dolomiti con le corde e i chiodi. Non conosceva la paura fisica. Come quella volta sull’auto che stava precipitando…».
Come andò?
«Eravamo in Valsugana. Lui era da solo, seduto dietro. Il freno a mano non era tirato bene, e la macchina prese a muoversi verso il precipizio. Il vetro che separava i passeggeri dal posto di guida gli impediva di intervenire. Per fortuna un uomo della scorta riuscì a balzare dentro e a salvarlo. Papà non si scompose: “Tanto non avrei saputo che fare, sapete che non ho la patente…”».
Come fu la campagna elettorale?
«Trovavamo piazze gremite come questa (la signora De Gasperi indica una foto di piazza del Popolo strapiena di tricolori e bandiere bianche della Dc, ndA). Molto calore, più al Sud che al Nord. Ma non era folla plaudente. La gente lo interpellava. Molti avevano cartelli con domande: “Perché ha fatto questo?”. Papà rispondeva e il cartello si abbassava. Lui del resto aborriva il populismo, che considerava retaggio del fascismo».
Del Duce cosa diceva?
«Non ne parlava mai. Solo una volta in Liguria, davanti a un assalto di sostenitori che picchiavano le mani sul vetro per invitarlo a fermarsi, mi disse: “Ora comprendo Mussolini. È difficile capire se lo fanno perché sei il capo, o perché hai fatto qualcosa di buono”. Credeva che la vanità fosse un’insidia per un politico».
E del regime cosa pensava?
«Ne aveva un’opinione pessima. Teneva un quadernetto in cui annotava tutte le cose negative, che lo facevano soffrire: i cattolici che inalberavano i simboli fascisti, i sacerdoti che benedivano i gagliardetti. Somatizzava il dolore e infatti aveva sempre problemi di stomaco, stava male, mangiava solo in bianco. Non so come abbia poi trovato l’energia per fare quel che ha fatto».
Con Togliatti che rapporto aveva?
«Quand’erano al governo insieme concordavano una decisione, e il giorno dopo l’Unità attaccava mio padre. Dopo il 18 aprile Togliatti gli tolse il saluto. Poi ripresero a parlarsi: avevano interessi in comune, ad esempio amavano molto Dante; ma per mesi quando lo incrociava alla buvette Togliatti faceva finta di non vederlo, girava la faccia dall’altra parte».
E con Nenni?
«Avevano un rapporto più umano; del resto, Nenni stesso era più umano. E poi erano stati nascosti insieme in un convento a San Giovanni, nella Roma occupata. Un giorno vennero i nazisti, loro si rifugiarono in cantina, e Nenni disse a papà: “Tu la chiami Provvidenza, io Fato; in ogni caso oggi noi due siamo spacciati”. Invece non li trovarono. Quando mio padre seppe che la figlia di Nenni era morta in campo di concentramento, volle andare di persona a dargli la terribile notizia».
E con Pio XII?
«Può sembrare incredibile, ma quando era presidente del Consiglio non lo vide mai. Del resto il Papa allora era inavvicinabile, non si nominava neppure, lo chiamavano la Persona. Mio padre gli scriveva una nota quando riteneva servisse l’intervento dei movimenti cattolici, senza ricevere né attendere risposte».
Ma disse no quando il Pontefice tentò di imporgli un’alleanza con i missini alle amministrative di Roma.
«Papà considerava la religione un fatto personale. Credeva alla laicità della politica. Ed era convinto che la Dc avrebbe vinto lo stesso, come infatti accadde. Ma quando poi chiese un’udienza per i trent’anni di matrimonio, e per far benedire mia sorella Lucia che si era fatta suora, Pio XII rifiutò».
Il 18 aprile la mobilitazione della Chiesa fu decisiva.
«Ma mio padre non diede ascolto a chi sosteneva che la Dc dovesse governare da sola. Non solo parte della Chiesa, anche Dossetti e la sinistra erano su quella linea. Lui però sapeva che molti avevano votato Dc non perché fossero democristiani, ma per paura dei comunisti. E voleva allargare il consenso, ad esempio alla base operaia dei socialisti di Saragat».
Perché scelse Andreotti come sottosegretario?
«L’unico posto dove trovare giovani non irreggimentati dal fascismo erano le associazioni cattoliche. Da studente Andreotti era andato a chiedergli materiale per la sua tesi sulla marina pontificia, e lui si era sorpreso: «Non potrebbe trovare un argomento più interessante?». Poi si erano rivisti in una riunione carbonara di cattolici, dove ci si preparava alla fine del regime».
Qual è il suo giudizio su Andreotti?
«Non mi faccia parlare di una persona che non c’è più».
Le elezioni del 1948 furono condizionate anche dagli americani.
«Mio padre si batté per l’indipendenza e nello stesso tempo coltivò il rapporto con l’America, perché si viveva nella miseria più nera. Era un’Italia in cui i poliziotti non avevano scarpe: aspettavano a piedi nudi in caserma che rientrassero i commilitoni per calzare le loro. Davanti al Viminale, allora sede della presidenza del Consiglio, c’erano operai che scavavano e riempivano buche: erano lavori inventati per pagare qualche stipendio».
Com’era il rapporto di De Gasperi con il denaro?
«Per il denaro aveva un disinteresse assoluto. Lo stipendio lo portava alla mamma, che gli dava l’argent de poche per i giornali e i sigari. Il Viminale era un porto di mare: arrivava di continuo gente a chiedere qualcosa, e spesso finivano da me. C’era un piccolo prete che passava tutti i giorni. Finalmente riuscì a fermare papà: aveva raccolto una comunità di orfani di guerra, gli serviva aiuto».
E suo padre?
«Gli uscieri volevano mandarlo via. Lui disse che non poteva disporre dei soldi dello Stato, ma tirò fuori l’assegno dello stipendio e glielo girò. Poi mi guardò e chiese: “E ora chi lo dice alla mamma?”».
E lei quanto guadagnava?
«Niente».
Come niente?
«Mio padre riteneva che in famiglia non potesse esserci più di uno stipendio pubblico. Così mi passava qualcosa del suo».
Morì nel 1954, un anno dopo aver lasciato Palazzo Chigi.
«Verso la fine stava già molto male. Se doveva tenere un discorso, il giorno prima doveva stare a letto. Poi crollò di colpo».
La bara fu portata dal Trentino a Roma in treno tra due ali di folla inginocchiata.
«Noi non ce la facemmo a seguirlo. Ricordo il funerale. La salma era nella chiesa del Gesù. Corso Vittorio Emanuele nereggiava di folla. Gli italiani gli erano riconoscenti per aver ristabilito la dignità nazionale».
Il suo testamento morale è considerato il discorso alla Conferenza di pace di Parigi.
«Di solito si cita l’incipit».
Prendendo la parola in questo consesso mondiale, sento che tutto tranne la vostra personale cortesia è contro di me…
«Rappresentava un Paese che aveva fatto la guerra accanto a Hitler, e l’aveva persa. Ma io trovo più significativo il finale di quel discorso, là dove dice ai rappresentanti delle democrazie: “Vi chiedo di dare respiro e credito alla Repubblica d’Italia; un popolo lavoratore di 47 milioni è pronto ad associare la sua opera alla vostra per creare un mondo più giusto e più umano”. Era questo lo spirito del nostro Paese, settant’anni fa».
17 aprile 2018
***
daql Corriere della Sera
19 APRILE 2018

Altro che De Gasperi,

oggi domina l’ignoranza

Aldo Cazzullo
Caro Aldo,
Le parole della figlia di De Gasperi mi hanno commosso. Ci sarà qualche insegnante in grado di leggerle a scuola?
Gianfranco Angelucci
De Gasperi ha posto le basi per un’Italia libera e democratica: è stato davvero un grande italiano!
Davide Casali
Alle elezioni del 18 aprile 1948 la Dc di De Gasperi ottenne il 48% dei voti. Altri tempi!
Letizia Consoli
Cari lettori,
La cosa più importante che Maria Romana De Gasperi ha detto al Corriere riguarda lo spirito del 1948, il modo prodigioso in cui un Paese umiliato ritrovò la fiducia in se stesso. Ma c’è un’altra cosa che mi ha colpito. Non tanto che De Gasperi parlasse il tedesco come l’italiano e per rilassarsi leggesse Virgilio in latino e Senofonte in greco; quanto che la figlia lo definisca con orgoglio «un intellettuale». Oggi intellettuale è una parolaccia, usata come un insulto. Quello di De Gasperi non era un caso isolato. Quando gli spararono, per dar prova di essersi ripreso Togliatti conversò in latino con il chirurgo che l’aveva operato, Pietro Valdoni, che rispose di par suo. (Del resto sia De Gasperi sia Togliatti portavano gli occhiali; adesso nessun politico li usa, al più mette le lenti a contatto, perché si vergogna).
Georges Pompidou fu il primo classificato del suo anno all’École Normale Supérieure: era il miglior studente di Francia; divenne il presidente della Francia. Oggi in politica gli uomini di cultura, con cui puoi farti un’idea delle cose del mondo, sono rarissimi: in Italia mi vengono in mente Giuliano Amato e Giulio Tremonti, che non sono in testa alle classifiche di popolarità. Già sul finale della Prima Repubblica emersero uomini senza studi regolari alle spalle, ma dotati di una solida tecnica della politica. Poi ci si affidò a un imprenditore, Berlusconi, e a un professore di economia, Prodi. Ora, al tempo della Rete, la dote più apprezzata è l’ignoranza. Non è che il politico piaccia nonostante non sappia il congiuntivo; piace perché non sa il congiuntivo, e in quanto tale viene promosso a «uno di noi». E per rilassarsi non legge l’Anabasi, si fa una partita alla Playstation.

 

6 Commenti

  1. Paolo ha detto:

    La tua coerenza è proverbiale. Difendi un democristiano vero fedele alla Chiesa e al Papa e poi spari a zero sulla chiesa e il papà impara da Alcide a fare il bene. Grazie.

  2. Patrizia ha detto:

    Si ha un bel dire, politica buona e politica cattiva, la politica è solamente quella buona, il resto è impostura.
    Caro De Gasperi quel cappotto che ti prestarono per andare negli USA ancora mi stringe il cuore…

  3. Giuseppe ha detto:

    A parte il comprensibile profondo affetto verso la figura paterna che, naturalmente, può aver inciso sui ricordi, il quadro è quello che conosciamo e che la storia ci ha raccontato. Anche per De Gasperi vale il discorso fatto per la Iotti, uno dei politici più seri, competenti e capaci del nostro paese. Senza di lui, forse, l’Italia sarebbe finita come la Jugoslavia, o peggio ancora come quegli stati satelliti dell’Unione Sovietica, che a distanza di quasi 70 anni stanno ancora pagando i danni di una sudditanza disastrosa.
    Paragone impietoso con i burattini del ridicolo teatrino attuale.

  4. mario ha detto:

    quanta retorica.
    manca un bel si stava meglio quando si stava peggio e abbiamo un gran bel finale.
    ogni epoca ha i suoi uomini, grandi o piccoli che siano.
    e non dimentichiamo che quelli di adesso sono i figli di quelli di ieri, che a quanto pare gli hanno insegnato davvero poco…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi