Omelie 2020 di don Giorgio: SECONDA DI PASQUA

19 aprile 2020: SECONDA DI PASQUA
A t 4,8-24a; Col 2,8-15; Gv 20,19-31
Il terzo brano della Messa riporta la conclusione del Vangelo di Giovanni. Il capitolo che segue, il 21, è un’aggiunta posteriore.
Giovanni, dunque, chiude il suo Vangelo con queste parole: «Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome».
Don Angelo Casati commenta: «Una fede – bellissimo! – in funzione della vita! Ultimissime parole di un vangelo: la beatitudine della fede e la vita che ne scaturisce».
Segni
Anzitutto, vorrei far notare ancora una volta – non è mai esagerato farlo – che Giovanni usa la parola “segno”, in greco σημεῖον, a indicare i miracoli o le cose strepitose. “Segno” significa qualcosa che rivela una realtà misteriosa, una realtà che va colta al di là del fatto o del miracolo in sé.
Che cos’è dunque un segno? Sant’Agostino ha una risposta concisa e splendida: «Il segno è una cosa che ne fa venire in mente un’altra».
Gesù non ha mai compiuto miracoli fini a se stessi, tanto per far colpo sulla gente, anche se la gente, anche ai tempi di Gesù, correva dietro ai cosiddetti santoni taumaturghi.
Ogni gesto di Gesù aveva uno scopo ben preciso: rivelare il Mistero divino, o educare la gente a cogliere il significato profondo nascosto nelle cose.
Potrebbe sembrare paradossale: è più facile cogliere la presenza di Dio nelle cose più semplici che nei miracoli, in cui prevale l’aspetto spettacolare, l’onnipotenza divina che interviene colpendo o meravigliando i nostri sensi. Per aprire i nostri occhi interiori basterebbe un pizzico di Grazia o di Luce divina.
Solo alcuni segni in vista della fede e della vita
E non servono numerosi ”segni”, ecco perché Giovanni ne ha nominati solo alcuni, lasciandoci racconti (pensiamo al pozzo della samaritana, al dialogo con Nicodemo, al cieco nato o alla risurrezione di Lazzaro), che sono stati a lungo, per decenni e decenni, ricostruiti anche con arte narrativa e soprattutto con fede mistica da una comunità matura e profetica, come lo era quella di Giovanni.
Giovanni stesso conclude il suo Vangelo dicendo chiaramente il motivo per cui Gesù compiva i “segni”: «perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome».
Giovanni termina il suo Vangelo, così come lo aveva iniziato col Prologo, in cui troviamo in anticipo i temi che saranno poi sviluppati nel Vangelo: il tema della luce e il tema della vita. Luce, ovvero fede mistica; vita, ovvero grazia.
Ecco allora il commento di don Angelo Casati: «Una fede in funzione della vita! Ultimissime parole di un vangelo: la beatitudine della fede e la vita che ne scaturisce».
Se la vita fisica proviene dalla luce, per cui secondo gli scienziati prima ci sarebbe stata la luce, poi la vita, così secondo la Mistica prima c’è la Luce divina, poi la Vita eterna.
Giovanni, non a caso, e neppure per un motivo cronologico, ha raccontato prima il miracolo del cieco dalla nascita, poi la risurrezione di Lazzaro.
E già dal racconto del cieco nato possiamo anche capire il rapporto tra la vista e l’acqua. Gesù mette il fango sugli occhi di quel cieco, poi lo manda a lavarsi nella piscina di Siloe, e il cieco va, si lava e ci vede. Un discorso anche questo da fare: sul rapporto tra luce, vita, acqua e Spirito santo (pensate all’episodio della samaritana e del battesimo di Gesù nel Giordano). Però una cosa sarebbe da dire: non si può interpretare i “segni” compiuti da Gesù solo tenendo conto di un aspetto: della luce, o della vita, o della grazia, o dell’acqua, o dello Spirito santo.
Basterebbe pensare alla Croce, quando Gesù muore. Giovanni vede la Croce come una glorificazione, quindi nella Luce. Gesù dice: “Ho sete!”. Di quale acqua aveva sete? Gesù, mentre muore, ci consegna il suo spirito, ovvero lo Spirito santo, che è l’energia vitale.
Non solo i pittori, ma anche i teologi e la stessa liturgia della Chiesa, interpretando in senso negativo certe espressioni evangeliche, hanno visto e tuttora vedono il mistero della Croce come qualcosa di fosco, di opprimente, di violento: un Crocifisso scarnificato, quasi disperato, in un contesto di radicale solitudine, nel momento di una eclissi totale di sole, ma la Mistica non vede così il momento più drammatico di Cristo che muore. Cristo, mentre muore, ci dona lo Spirito santo, ed è già risurrezione ed è già pentecoste.
Tommaso e il rimprovero di Gesù
L’episodio dell’apostolo Tommaso che, incredulo, vorrebbe per credere una prova tangibile del Cristo risorto, ovvero vedere e toccare le sue piaghe, permette al Risorto di darci una lezione di fede. «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Tommaso vuole “vedere” fisicamente, dunque con gli occhi carnali, e Gesù dice che la vera beatitudine non sta qui, ma sta nel credere senza vedere o toccare fisicamente o carnalmente. «Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Una Chiesa che vive di carnalità, di esigenze esteriori che esigono prove tangibili non solo non merita la beatitudine del Risorto, ma è già morta in partenza.
Ecco perché insisto, e lo faccio ripetutamente, nel distinguere tra il Cristo storico e il Cristo della fede. Insisto perché non mi sembra che ancora oggi la Chiesa abbia compreso la differenza tra il Cristo storico e il Cristo della fede.
Il Cristo storico è morto definitivamente sulla storia, e dalla morte è nato lo Spirito santo, ovvero il Cristo della fede.
Il Cristo storico è quello dell’incredulo Tommaso, mentre il Cristo della fede è la beatitudine di chi crede senza vedere, senza toccare, senza sperimentare emozioni o sensazioni particolari.
Ripensiamo alle parole di Gesù a Marta, sorella di Lazzaro: «Io sono la risurrezione e la vita»: Gesù parlava già da Risorto. Era già il Cristo della fede.
“Io sono la Risurrezione”, ovvero io sono il Risorto della fede.
“Io sono la vita”: la vita dunque scaturisce dalla Risurrezione, ovvero dal Cristo della fede.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi