LE TRISTI E PREOCCUPANTI MANIFESTAZIONI NEONAZISTE

neofasci

LE TRISTI E PREOCCUPANTI MANIFESTAZIONI

NEONAZISTE

Mi sembra più che opportuno condividere l’articolo di Saverio Ferrari intitolato “Prove di militarizzazione, la nuova realtà del neofascismo”, ed apparso su Osservatorio Democratico sulle nuove destre e su Il manifesto.
Se oggi i fascisti hanno tutta questa agibilità, significa che qualcosa è andato perduto, che la nostra società è stata sconfitta, come lascia intendere anche Saverio nel suo articolo:
“Più che manifestazioni, sfilate di tipo paramilitare con i partecipanti disposti non per file, ma incolonnati e in movimento al passo dei tamburi. Nessuno ai lati. Tutti in divisa: magliette o felpe nere, pantaloni dello stesso colore, anfibi ai piedi. Moltissime le fiaccole. Davanti, ad aprire il corteo, un nugolo di bandiere con la croce celtica. Così la manifestazione neofascista di Milano lo scorso 29 aprile, presenti tutte le sigle dell’estrema destra, organizzata per commemorare oltre ai caduti missini degli anni Settanta, Sergio Ramelli ed Enrico Pedenovi, Carlo Borsani, un gerarca fascista, firmatario del Manifesto sulla razza, nonché collaboratore dei nazisti, fucilato dai partigiani alla liberazione della città.
Un colpo d’occhio inquietante: quasi un migliaio di persone, giunte anche da altre località lombarde, saluti romani con il «presente» gridato davanti alle lapidi (abusiva quella per Borsani), a comando, nel silenzio generale, dopo l’«attenti». Quasi una piazza d’armi.
Tra marzo e aprile, sempre a Milano, rappresentazioni simili si erano già svolte tra i vialetti del cimitero Monumentale e di quello Maggiore, il 23 marzo per onorare «i martiri della Rivoluzione fascista», ovvero gli squadristi degli anni Venti caduti «in servizio», alcuni dei quali tumulati in una cripta posta sotto un monumento fatto erigere da Benito Mussolini nel 1925, e il 25 aprile al Campo X dove sono raccolti i resti di quasi un migliaio di repubblichini, periti tra il 1943 e il 1945, tra loro Alessandro Pavolini, il comandante delle Brigate nere, Francesco Colombo, il fondatore della Legione Muti, diversi gerarchi fucilati a Dongo, alcuni sgherri della banda Kock, numerosi militi della Decima Mas e una decina di SS italiane. Anche qui la stessa scenografia: colonne in nero, alcuni con tuta mimetica, a passo di marcia, tra i frequentatori sbigottiti dei due camposanti. Incredibile l’assenza di risposte istituzionali, anche da parte dell’assessore competente dei cimiteri.
Siamo di fronte a un fatto nuovo, a un salto di qualità non solo nelle coreografie ma di sostanza, con l’introduzione di evidenti atteggiamenti e pose militaresche, con una progressiva trasformazione della stessa vita interna delle organizzazioni neofasciste milanesi. Un’autentica mutazione. Molti i segnali: addestramenti alla marcia, rispetto assoluto della disciplina, gerarchie disegnate sulla base della forza fisica, una sorta di «nonnismo» (ai più giovani le incombenza manuali, attacchinaggi compresi), «punizioni» anche fisiche per i militanti che sgarrano, magari rompendo le righe anzi tempo. Pugni e calci. Peggio della caserma.
Ciò che sta accadendo non va sottovalutato. La ripresa d’iniziativa di questi anni da parte del variegato universo neofascista sta assumendo a Milano caratteristiche preoccupanti. Un modello quasi unico nel panorama nazionale. Non si tratta solo dell’apertura di nuove sedi, della presenza di banchetti o gazebi di propaganda. Si tratta del tentativo di occupare spazi rivendicandoli con la forza. La prospettiva è quella dello scontro. Questo il senso delle manifestazioni recenti, a partire dal 29 aprile, vere e proprie esibizioni muscolari a marcare una piazza alternativa al 25 aprile. Alcune delle stesse formazioni promotrici degli eventi ricordati si stanno significativamente strutturando. Lealtà azione, nata da una costola degli Hammerskin, si muove ormai, per sua stessa ammissione, ispirandosi alla vita dei lupi (uno degli emblemi adottati), riuniti in branco, fedeli e sottomessi a un capo assoluto, pronti a «sbranare».
Si ritengono evidentemente maturi i tempi e favorevoli le condizioni di fronte a istituzioni locali, sindaco Pisapia e giunta compresi, capaci il più delle volte solo di flebili sussurri, alla benevolenza della questura, una garanzia per lo svolgimento senza grandi intoppi delle iniziative, e ai limiti di un antifascismo che non ha ancora colto fino in fondo la partita che si sta giocando.”

2 Commenti

  1. Valerio ha detto:

    Ormai siamo alla deriva!! La storia nn ci ha
    Insegnato niente.ma se dovessero andare al
    Potere noi antifascisti ci faremo trovare pronti

  2. giorgio ha detto:

    L’antifascismo è morto se è vero che cose del genere vengano permesse.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi