Omelie 2018 di don Giorgio: TREDICESIMA DOPO PENTECOSTE

19 agosto 2018: TREDICESIMA DOPO PENTECOSTE
2Cr 36,17c-23; Rm 10,16-20; Lc 7,1b-10
Anzitutto, un commento di don Angelo Casati
Siccome non vorrei nuovamente farmi insultare (anche se gli insulti non mi toccano per nulla, soprattutto se provengono da gentaglia razzista!), da parte di qualche cristianello che poi leggerà o ascolterà l’omelia sul mio sito, premetto subito le parole di don Angelo Casati, che così inizia il suo commento ai brani della Messa.
«C’è un legame estrinseco, che forse non è poi così in superficie, tra la prima lettura del libro delle Cronache e il brano del vangelo di Luca. Nel libro delle Cronache si racconta di Ciro, re di Persia, che manda un proclama per tutto il suo regno in cui dice che Dio gli ha ordinato di costruirgli un tempio a Gerusalemme: un pagano chiamato a costruire un tempio a Dio! Nel Vangelo alcuni degli anziani dei Giudei sostengono la causa di un centurione che invoca la guarigione per il suo servo malato, ricordando a Gesù che è stato proprio lui, il centurione, a costruire loro la sinagoga: un pagano che costruisce una sinagoga».
Fermiamoci per un attimo: riuscireste oggi a immaginare un cristiano che facesse costruire una sinagoga o una moschea, o, viceversa, un ebreo o un musulmano che facessero costruire una chiesa cristiana? Ciò susciterebbe scandalo, per non dire altro!
Ma c’è di più. Nel brano del vangelo di Luca troviamo scritto che Gesù stesso dice nei riguardi di quel centurione pagano: «Io vi dico che neanche in Israele ho trovato una fede così grande».
Commenta ancora don Angelo Casati: «Forse abbiamo fatto l’orecchio alle parole del Vangelo, e non misuriamo più la loro portata. Mi è capitato di pensare e dire che sarebbe pari forse allo sconcerto che prenderebbe tutti noi se, un giorno qualsiasi, si aprisse la finestra su piazza S. Pietro e un papa alla folla convenuta dicesse: “Vi devo dire: da me ieri è venuto un musulmano o, che so io, una donna di una religione afroasiatica. Ebbene, vi devo confessare che in tutto il mondo cattolico uno, una, con una fede così grande non l’ho proprio mai vista!”. «Sconcerto nella piazza! Titoli sui giornali!».
Credo che abbia proprio ragione don Angelo a dire: sconcerto nella piazza! Titoloni sui giornali!
Il motivo non è tanto il fatto che realmente esistano credenti di altre religioni che superano la nostra credenza: tutti lo sappiamo. Ma ciò che può sconcertare è il fatto di confessarlo pubblicamente da parte della maggiore autorità della Chiesa!
Il padrone e lo schiavo
Tornando all’episodio evangelico, sempre a proposito del centurione romano, due cose appaiono evidenti, anche nella loro provocazione.
Leggendolo, chi non ha notato il profondo legame di amicizia tra un padrone e il suo servo? Sappiamo quanto poco contassero a quei tempi gli schiavi, dal punto di vista sociale! Certo, non tutti i padroni erano talmente aguzzini da maltrattare gli schiavi, tuttavia in una gerarchia per cui chi stava a capo aveva il potere dalla sua parte e poteva disporre dei suoi sudditi come egli voleva, rimaneva sempre, anche nel padrone più bonario, quel senso di superiorità per cui l’altro era sempre un inferiore.
E sarà proprio il potere fondato sulla schiavitù il primo a pagarne le conseguenze all’annuncio del messaggio cristiano, secondo cui tutti siamo figli di Dio alla pari, in quella grande famiglia che si chiama Umanità.
E secondo voi, oggi, nonostante tutto il progresso umano e sociale, nonostante le grandi conquiste sul piano dei diritti civili, la schiavitù è forse scomparsa dalla faccia della terra? Secondo voi, anche nelle nostre democrazie occidentali, dove parlare di schiavitù sembrerebbe una bestemmia, non è rimasto ancora quel senso di superiorità della razza bianca (non fermiamoci solo alle atrocità compiute dal nazismo!) per cui proclamiamo, magari in nome del Vangelo, quel “prima” e quel “dopo”, secondo cui l’occidente deve difendere “anzitutto” i suoi diritti di possesso da una massa di migranti, costretti proprio da noi occidentali ad essere trattati da schiavi per le nostre espansioni colonialistiche di sfruttamento delle loro risorse naturali?
Non ditemi che è scomparso del tutto quel senso di sentirci superiori, come razza e anche come religione, come se il fatto di avere la pelle bianca o di credere in un certo dio fosse un diritto da proteggere e da far prevalere, chiudendoci in un bieco escludente egoismo criminoso e criminale.
Il padrone e il popolo schiavo
Ma c’è un altro aspetto, davvero interessante, del centurione romano. Gli anziani ebrei così dicono di lui: «Egli ama il nostro popolo».
Un padrone poteva anche voler bene ai suoi schiavi, ma col popolo era un’altra cosa: bisognava  tenerlo sempre soggetto alle leggi romane, le quali potevano anche avere una certa tolleranza con le tradizioni religiose, ma esigevano dagli ebrei, come dagli altri popoli schiavi di Roma, l’oneroso dovere di pagare le tasse.
L’amore del centurione per il paese, dove aveva la sua giurisdizione, dovrebbe esserci di insegnamento, con qualche domanda provocatoria: noi preti e cristiani in genere in che misura amiamo la nostra comunità? noi amministratori locali in che misura amiamo il nostro comune? noi cittadini in che misura amiamo il nostro paese?
Amare il proprio paese significa donare per i suoi abitanti le migliori energie, spendere il tempo migliore, avere una visuale dell’insieme del bene comune, sia spirituale che materiale, che non si fermi a qualche sporadica iniziativa e tanto meno a un insieme di cose da fare, ma che punti al meglio dell’essere umano. Questo vale per i preti e i credenti, per gli amministratori locali e per i cittadini.
La cosa più problematica mi sembra questa: superare le diverse ideologie di fede politica e religiosa, non farsi ricattare dalle esigenze pancesche della gente, mirare a quell’essere che è indistintamente del cittadino e del credente.
Far crescere un paese o una comunità non è facile, quando manca quell’opera altamente culturale che si chiama stimolo dell’intelletto interiore, che è rivolto verso il Divino e verso l’Umano. Ma ciò sarà impossibile quando la politica e la religione sono nelle mani di fondamentalisti politici e religiosi che hanno perso ogni ben dell’intelletto.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi