Ed ecco che cosa Angelo Scola si è inventato per illudere papa Bergoglio…

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Ed ecco che cosa Angelo Scola si è inventato

per illudere papa Bergoglio…

In pochi giorni dall’annuncio ufficiale della visita di papa Bergoglio a Milano, che sarà il 25 di marzo 2017, Angelo Scola e i suoi degni scagnozzi curiali hanno imbastito un programma tanto concentrato in poche ore da richiedere prima un tonificante perché il Papa non caschi sfinito.
D’altronde, se il Papa, per le sue buone o non buone ragioni, ha stabilito una visita di una giornata, che colpa ne hanno il cardinale e i suoi degni scagnozzi curiali? Non potevano che  concentrare in poche ore cose e cose, che sarebbero dovuto sciogliersi in più giorni. E poi, come si poteva pensare o pretendere dalla Curia (cü… cü… cü -ria, come dicevano i parroci di una volta, con riferimento specifico al sedere) di pensare ad un programma meno oneroso o, meglio, ad un solo incontro tale da lasciare al Papa tutta la possibilità di annunciare un messaggio veramente evangelico?
Già!, e come si poteva chiedere a un Papa tutto fumo di concentrare il suo messaggio in un gesto tanto significativo da richiedere qualcosa di veramente sostanzioso?
Come al solito, ci sarà un po’ di clamore (non più di tanto, visto che noi lombardi non siamo di sangue caldo), che basterà magari (dico magari, ma per gli allocchi) a sollevare un po’ di polvere (non più di tanto) su una diocesi (quella milanese) oramai ridotta ad uno scheletro rigidamente organizzativo (o strutturale).
Angelo Scola non poteva non sfruttare l’occasione (anche se in parte gli brucerà, per altre ragioni), per uscire di scena in modo meno frustrante, facendo luccicare una diocesi arrugginita.
Certo, da parte mia ho provato ancora tanta rabbia nel constatare come si possa sfruttare in modo vergognoso carcerati, malati, disagiati, immigrati, gli stessi ragazzi della Cresima, e tutto per far colpo!
Quanto è comico leggere che il Papa dialogherà con la gente, con i preti e i ragazzi: tutto programmato, nelle domande e nelle risposte! Che pena! Che noia!
C’era da aspettarselo! Come pensare che la visita del Papa fosse così spontanea da non scomodare i soliti punti deboli su cui la Chiesa, ultimamente soprattutto, pone il suo sguardo misericordioso, come se non ci fossero ancora oggi carcerati, vittime di una Chiesa omicida di coscienze e di spiriti liberi?
Con i carcerati, con i rom, con gli immigranti con i poveri, con i disabili, coi ragazzini, la Chiesa sembra giocare le sue carte più efficaci  per coprire e far dimenticare secoli bui di violenze inenarrabili e di sangue innocente: violenze e sangue che continueranno, fino alla fine del mondo, a pesare sull’umanità e a disonorare la religione del dio della perversione più disumana.
O che il Papa se ne stesse a casa sua, ovvero in Vaticano, o che avesse una buona volta il coraggio di svincolarsi della sua tipica ipocrisia di fasullo pontefice, che tiene uno stretto legame tra un dio bastardo e una società altrettanto bastarda, figlia di una bastardaggine che solo una radicale rivoluzione “interiore” potrà sgretolare e distruggere.
Una diocesi ridotta a rottame, un cardinale senza più dignità e un papa illusionista che non riesce proprio a capire che il suo fare da giocoliere arraffa-coglioni porterà la Chiesa a partorire altri mostri, oltre a quelli che via via stanno riemergendo dai fondali infernali.
Una diocesi alla deriva, un cardinale sull’orlo di una crisi di nervi e un papa che porta dietro, ovunque va, l’ombra di una vuoto a perdere.
Il mondo politico sembra nelle mani di Mostri (non c’è solo Trump) o di mostriciattoli, come Grillo e Salvini (beh, Berlusconi oramai è solo una larva o un coso abbruttito di bava),  che hanno il loro momento di gloria: il Pensiero è scomparso, la Coscienza è scomparsa, l’Essere è scomparso, è rimasto solo un corpo ridotto a pancia e a culo, e da qui i presenti imbonitori sanno ricavare il peggio del peggio della feccia umana.
E si continua a giustificare tutto questo immondo mondo in nome della democrazia: le scelte del popolo vanno rispettate! Ma di quale popolo?
E si continua a giocare al ribasso da parte della Chiesa cattolica che si giustifica: “Meglio allearsi anche coi tiranni e i barbari, così potremo tenerli a bada”.
Non è più il tempo dei compromessi o di alleanze accomodanti! È il momento della riscossa, della scommessa sui valori alti (che non sono necessariamente religiosi!), del coraggio di reagire al peggio del peggio, tirando fuori le energie del meglio del meglio.
La Milano cristiana solo apparentemente funziona per il meglio. Apparentemente, perché la sua struttura organizzativa è tale da affascinare, tranne gli spiriti amanti dell’essere umano. Abbiamo avuto cardinali di un certo spessore culturale e pastorale, e si pensa che la loro eredità riesca ancora a tenere a galla i milanesi, ma è bastato un cardinale ciellino perché si tornasse nel più spaventoso riflusso.
Ed ecco che arriva il Papa a consacrare una Milano cristianamente decadente, sull’orlo di una involuzione paurosamente senza via d’uscita.
Possiamo almeno sperare che il buon Dio, nei suoi imperscrutabili disegni, compia il miracolo di una risurrezione?
Ci spero, ma non ci credo del tutto. Forse sono io il problema: sono troppo realista e pretendo troppo da poveri esseri umani, e d’altronde anche il dio invocato dalla religione è troppo lontano per essere vero. E il Dio in cui credo dov’è?  
 
Per vedere il programma completo della visita del Papa a Milano clicca qui 
19 novembre 2016
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi