Spezziamo le catene delle spose bambine

da espresso.repubblica.it
18 NOVEMBRE 2021

Spezziamo le catene delle spose bambine

di Samuele Damilano
Negli Stati Uniti tra il 2010 e il 2018 quasi 300.000 ragazzi si sono uniti in matrimonio ben prima dei 18 anni. E l’86 per cento è di sesso femminile. La denuncia di Fraidy Reiss, fondatrice di Unchained at last: «Ho iniziato questa lotta per affrontare il trauma vissuto in prima persona»
Fraidy Reiss per la sua famiglia è morta. Quando nel 2007 ha deciso di trasferirsi e iscriversi al college, lasciando un uomo violento e la comunità ebraica ultraortodossa che glielo aveva imposto a 19 anni, madre e sorelle hanno celebrato il suo funerale. All’ennesima minaccia, all’ennesimo disegnino del marito che spiegava nel dettaglio come sarebbe stata uccisa insieme alle due figlie, si è rivolta alla madre, chiedendo di essere accolta in casa. Ma lei è rimasta in silenzio, la faccia sdegnata. È uscita dalla stanza senza dire nulla.
Un anno dopo il divorzio, ufficializzato nel 2010, Reiss ha fondato un’organizzazione, Unchained at last, da dieci anni l’unica negli Stati Uniti che si batte contro i matrimoni forzati e/o imposti ai minori.
A oggi ha rimesso in piedi la vita di più di 700 persone. All’assistenza legale donata pro bono dagli avvocati dei più importanti studi newyorchesi per separarsi dal marito, o per affrontare le pratiche di regolarizzazione di persone immigrate, altro motivo di ricatto, si aggiunge il supporto economico, psicologico e morale. Molte ragazze, una buona percentuale provenienti da comunità religiose, proprio nell’avere qualcuno che si occupi di loro, che voglia il loro bene, trovano un appiglio più forte di qualsiasi altra cosa.
Nel sito dell’organizzazione sono raccolte numerose storie di sopravvissute”. April, nata da un rapporto tra la madre e lo zio, è cresciuta senza genitori, entrambi alcolizzati. All’età di 12 anni ha iniziato a frequentare un ragazzo già ventenne, che viveva in un camper in Arkansas. Nemmeno adolescente, la drogava e la faceva ubriacare. Solo molto più tardi, grazie a una psicoterapia, ha capito che si trattava dei primi segnali di abuso.
A 15 anni si sono sposati, e la violenza sessuale, fin dalla notte nella “luna di miele”, rientrava in una più ampia costrizione. April non poteva andare a scuola, non frequentava amici. A 28 anni le sono stati diagnosticati i primi disturbi della personalità e attacchi di panico. Solo a 30 ha deciso di raccontare la sua storia, e di affidarsi ad Unchained at last.
Una recente inchiesta svela che tra il 2010 e il 2018 quasi 300.000 ragazzi, l’86 per cento di sesso femminile, si sono sposati prima dei 18 anni. Esclusi pochi Stati che, sotto la pressione di Unchained, solo di recente hanno adottato delle leggi a loro tutela – Delawere e New Jersey nel 2018, Pennsylvania e Minnesota nel 2020, Rhode Island e New York nel 2021 – in America la pratica è legale. Nonostante il Dipartimento di Stato l’abbia certificata come un abuso dei diritti umani.

«Ho iniziato questa lotta per affrontare il trauma», spiega Reiss in un’intervista al New York Times, «una volta stabilizzata nella mia nuova vita, ho sentito l’urgenza di aiutare altre persone che stanno vivendo la mia stessa situazione». Traumatica a dir poco. Nella sua comunità ebraica ultraortodossa, racconta in numerose testimonianze, gli uomini pregano ogni giorno per ringraziare Dio di non averli fatti nascere non-ebrei, e per non essere nati donne. Se una ragazza vuole lasciare liberi i capelli, indossare pantaloni attillati o, addirittura, studiare, le autorità giudiziarie della comunità hanno il diritto di sequestrarle i figli. Il divorzio non è contemplato. O meglio, lo è solo se l’uomo è d’accordo e firma un atto, chiamato in gergo “get”, che autorizzi la donna a iniziare una nuova vita. Non è stato il caso di Reiss. C’è un termine preciso in ebraico, agunah, che rimanda alla condizione di prigionia delle ragazze. E a cui il nome della fondazione, Unchained, rimanda.

«Rimanere nubile a 20 anni era considerata una vergogna. Non avevo realmente la facoltà di rifiutare il pretendente. Né tantomeno, una volta resami conto della sua pericolosità, di lasciarlo», conferma la fondatrice di Unchained at last. Dopo l’ennesimo episodio di violenza, si è rivolta alla polizia, prima donna a farlo nella sua comunità, per chiedere un ordine restrittivo. Un errore, con il senno di poi. Il rabbino ha mandato un avvocato, che l’ha scortata fin dentro al tribunale per ritirare la richiesta. Quando il giudice ha provato ad accertare la spontaneità della scelta, Reiss non ha avuto il coraggio di denunciarlo. Non solo. Spesso i tribunali civili, nel momento di pronunciare la sentenza di affidamento, tengono conto anche del giudizio dei giudici della comunità religiosa, ritenuta un elemento di stabilità importante per i figli.
«È stato un processo agonizzante. Ci sono voluti dodici anni solo per cambiare la serratura della porta. La rabbia mi ha dato l’energia di guardare avanti. Ho imparato a svegliarmi ogni giorno con il pensiero di provare alla mia famiglia che si sono sbagliati. E l’ho fatto».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi