Sovraffollamento, suicidi, aggressioni: l’allarme del Garante dei detenuti

da AVVENIRE
17 gennaio 2020
Carcere.

Sovraffollamento, suicidi, aggressioni:

l’allarme del Garante dei detenuti

Luca Liverani
Negli istituti quasi il 30% in più dei posti disponibili. Quasi 10 mila in attesa di primo giudizio. Picco di suicidi nel 2019: 53 tra i detenuti e 9 tra gli agenti. Da inizio anno già 41 aggressioni
Allarme dal pianeta carcere. Sovraffollamento, aggressioni, suicidi – anche tra gli agenti – e carenza nelle strutture sanitarie per i detenuti. È l’immagine delle carceri italiane dipinta oggi dal garante dei detenuti, Mauro Palma, in un incontro sulle “vulnerabilità in carcere”. Un’anticipazione in vista della presentazione del nuovo rapporto, sui dati del Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria, in programma il 17 aprile in Senato.
«Le aggressioni sono sempre più in aumento – spiega Palma – e sono la conseguenza dello stato di abbandono che si respira nelle carceri». Attenzione particolare è stata posta sullo stato delle strutture sanitarie per i detenuti, come le Rems (residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza) e le articolazioni per la salute mentale, in un caso «sottodimensionati» e nell’altro «realmente carenti». A questo, poi, si aggiunge il sovraffollamento che registra un indice di 129,40%. Vale a dire che a fronte dei 50.692 posti a disposizione negli istituti penitenziari italiani, sono presenti 60.885 detenuti. Di questi, il 67% è di nazionalità italiana, il 5% è comunitario e il 28% è composto da extracomunitari.
Il sovraffollamento colpisce alcune regioni più delle altre: quelle con maggior presenza di detenuti risultano essere Lombardia (8.560 a fronte di una capienza di 6.199), Campania (7.440 a fronte di 6.164 posti), Lazio (6.675, mentre la capienza regolamentare è pari a 5.247) e Sicilia (con 6.443 detenuti e 6.497 posti). La tendenza registrata nel 2019 è stata sempre superiore alle 60mila presenze, con un picco di 61.174 detenuti al 30 novembre scorso. Secondo il Garante il sovraffollamento può essere contrastato ad esempio con un maggiore ricorso alle misure alternative: «Circa 23 mila detenuti (23.024) stanno scontando una pena o un residuo di pena inferiore a 3 anni. Potrebbero quindi accedere a misure alternative», sostiene Mauro Palma, secondo il quale in questi anni «sono diminuiti gli ingressi in carcere dalla libertà eppure aumentano le presenze».
Ma sono molti i segnali preoccupanti. Già nel 2020, in meno di un mese, si devono registrare 41 aggressioni in carcere ai danni di agenti penitenziari, più altri 5 contro personale amministrativo. Molti anche i suicidi: nel 2019 sono stati 53 tra i detenuti. «Degli ultimi 8 casi avvenuti in dicembre – spiega il garante Mauro Palma – 4 riguardavano persone senza dimora, 3 in attesa di primo giudizio». Ma il dramma dei suicidi coinvolge anche il personale di Polizia penitenziaria: «C’è stato un picco, con 9 casi secondo le fonti ufficiali, 11 secondo gli Osservatori».
Un sesto dei detenuti, poi (9.843) sono i n attesa del primo giudizio, altrettanti (10.363) sono sottoposti al regime del 41 bis o reclusi in sezioni ad Alta sicurezza, a fronte di 43.830 detenuti comuni e 6.692 inseriti nella categoria «protetti» e altro. La legge prevede per le detenute con figli fino a tre anni la possibilità di tenere i bambini in carcere: nell’anno passato sono state 48, con 53 bambini al seguito. Nel Lazio sono 13, 11 in Lombardia, 8 in Campania e Piemonte.
Il tasso di detenzione registrato in Italia infine «è in linea con la media degli altri Paesi europei», afferma il Garante nazionale per i diritti dei detenuti, che segnala come una «bella eccezione la Germania, con 78 detenuti ogni 100 mila abitanti, mentre in Italia ci sono 102 reclusi ogni 100 mila abitanti e in Francia 105. Problemi forti ci sono in Turchia, dove questo numero ha raggiunto quota 300, e in Russia con 390».
Spetta agli Stati Uniti d’America il triste record. A inizio 2016 nelle carceri americane c’erano 2 milioni 145.100 persone in 4.575 prigioni (locali, statali, federali, private a vario livello). Il tasso detenzione degli Usa era di 666 detenuti ogni 100 mila abitanti, probabilmente il più alto al mondo.

1 Commento

  1. antonio ha detto:

    Non bastassero le visioni e le testimonianze dei santi, per i più scettici la prova matematica, la prova inconfutabile, l’equazione che dimostra l’esistenza dell’inferno… è l’esistenza stessa dei leghisti. Immaginate un’eternità in uno spazio condiviso con queste fameliche bestie, rozze, malvagie ed egoiste fino al midollo, che assaltano poveri, disperati, indifesi, donne, bambini… Canaglie senza spirito e umanità, mentitori seriali abbrutiti dal materialismo, brutte fuori e orripilanti dentro, sempre alla ricerca di qualcuno da sbranare pur di lucrare qualche danaro utile a coltivare i propri disdicevoli vizi e squallidi obiettivi disumani.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi