Allucinante. In Germania, per decenni, tanti minori in difficoltà sono stati affidati ai pedofili….

da Raiawadunia

Allucinante.

In Germania, per decenni,

tanti minori in difficoltà sono stati affidati

ai pedofili….

BY RAIAWADUNIA • GIU 20, 2020
«Crimini difficili da immaginare» li ha definiti la senatrice del consiglio di Berlino che si sta occupando del caso. E in effetti è inimmaginabile e incredibile come si possa essere arrivati a tanto, ancor meno che gli abusi siano andati avanti per decenni con il beneplacito delle istituzioni: dal 1969 al 2003 numerosi adolescenti senzatetto (quanti esattamente non è noto) sono stati affidati a pedofili già condannati, nella convinzione che fossero «perfetti genitori affidatari». Era questa la teoria del sessuologo e professore universitario Helmut Kentler, convinto che «il contatto sessuale tra bambini e adulti non sia dannoso» e sostenitore di una «emancipazione dell’educazione sessuale» che si basava sulla premessa che i bambini sono esseri sessuali che hanno il diritto di esprimere la loro sessualità (come se dover sottostare agli abusi di un adulto da cui dipendevano potesse mai essere un’espressione dei loro liberi desideri).

Le perizie e l’inchiesta

L’amministrazione del Senato di Berlino per l’istruzione, la gioventù e la famiglia si è occupata della questione solo nel 2016: ha commissionato una perizia sul caso all’Istituto per la ricerca sulla democrazia di Gottinga, poi ha incaricato un gruppo di ricerca dell’Università di Hildesheim di ricostruire gli abusi. I ricercatori, dopo aver analizzato i documenti e intervistato alcune delle vittime, questa settimana hanno pubblicato un rapporto che mette sotto accusa l’autorità pubblica per gli abusi subiti di bambini durante l’«esperimento Kentler». L’inchiesta dell’Università di Hildesheim ha fatto emergere l’esistenza di una «rete che attraversava le istituzioni educative scientifiche, soprattutto negli anni ‘60 e ‘70, e l’amministrazione del Senato (l’Ufficio statale per l’assistenza ai giovani) fino ai singoli uffici distrettuali per l’assistenza ai giovani di Berlino, in cui le posizioni pedofile erano accettate, sostenute e difese».

La rete di pedofili

Kentler «era rispettato ovunque», ma ha «incoraggiato e anche sostenuto gli abusi sessuali e il maltrattamento dei bambini» ha detto la senatrice di Berlino responsabile per l’istruzione, Sandra Scheeres (della Spd), che si è scusata con le vittime a nome del Land («Le autorità hanno fallito» ha affermato) e ha promesso un adeguato risarcimento danni, anche se non sarà possibile perseguire i reati per legge perché sono prescritti, riferisce il quotidiano Berliner Zeitung.
«Oggi è chiaro che Kentler era nientemeno che un procacciatore di bambini per i pedofili. Ma per molto tempo è stato a lungo considerato un visionario e uno dei più importanti sessuologi tedeschi» spiega Deutsche Welle. «I suoi libri sull’educazione vendevano bene, ed era un esperto popolare e un commentatore alla radio e alla TV». Morto nel 2008 senza mai essere processato per le sue azioni, è stato capo del dipartimento del Centro pedagogico di Berlino negli anni ‘60 e ‘70 e successivamente professore di pedagogia sociale all’Università tecnica di Hannover. Ha usato, insieme a una rete di suoi complici, la sua «influenza per collocare i bambini con pedofili nelle case famiglia, negli istituti di assistenza ai giovani o nei collegi della Germania occidentale». Secondo la sua logica criminale, «gli adolescenti problematici affidati ai pedofili si sarebbero integrati nella società più facilmente, perché solo i padri adottivi pedofili potevano sopportare e amare questi bambini e adolescenti “privi di senno”» spiega la Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz).
Alcuni pedofili da lui individuati, anche con precedenti per crimini sessuali, come genitori affidatari hanno continuato a prendere in carico bambini fino all’inizio degli anni 2000. Uno di questi era Fritz H. al quale dal 1973 al 2003 sono stati affidati dieci ragazzi. Tra questi Marco e Sven, che hanno denunciato gli abusi pubblicamente: «Ci hanno rovinato la vita» ha detto Marco, oggi quarantenne a Deutsche Welle. «È una cosa», ha aggiunto Sven, «che non si supera mai davvero».
Elena Tebano per IL CORRIERE DELLA SERA

3 Commenti

  1. Giorgio 1963 ha detto:

    Non riuscivo a realizzare, quasi… Non posso credere a ciò che leggevo… Ma è come regalare fiammiferi a un piromane chiedendogli di usarli responsabilmente

  2. antonio ha detto:

    Ora che la minaccia atomica è sulla testa di tutti ed ogni singolo abitante della terra sotto mirino laser di forze dell’ordine capitaliste pronte ad aprire il fuoco su chiunque osasse solo pensare di staccarsi, il tempo di detergersi la fronte, il giogo assicurato alle corna… ora che le cattedrali della sanità privata sono in grado di guarire i ricchi dalle malattie letali per i servi e cambiare i pezzi ai ricchi con quelli prelevati dai poveri… ora cioè che tutta la ‘fatica’ della specie umana è stata convertita in un’assicurazione sulla vita e garanzia di prosperità mondana per i caporali di satana… penso la loro manifestazione storica, i capitalisti… potrebbe anche ordinare ai suoi soldati semplici di smetterla di condire ogni sermone materialista aggiungendo ciuffi di ‘scienza’ e spruzzatine di ‘tecnica’…

    Caspita… non c’è giorno che dalle fogne analogiche e digitali non spunti qualche faccia da schiaffi impegnata a ‘guadagnarsi’ il pane truffando il popolino… qualche serioso sciamano in divisa, che su sfondo tecnologico, scenografia costata il pane a chissà quante centinaia di migliaia di poveri… rassicura sull’imminente sperimentazione della prima pozione di eterna giovinezza e rilascio entro il weekend del primo cerotto in grado di garantire l’immortalità.

    Questo scienziato è solo l’ultimo serioso sbruffone, che si aggiunge al festante trenino della scienza umana… un trenino di capodanno, festante tutto l’anno nei salotti della massoneria, che solo l’oltraggiosamente mendace montaggio dei media… riesce a rendere credibile agli occhi di un popolino veramente stuprato in modo malvagio e criminale… dai ‘sapienti’.

  3. Palumbo Bartolomeo ha detto:

    INCOMMENDABILE:maledizione maledizione maledizione:paragonare certi esseri umani a degli animali è offendere gli animali:la perfidia della nostra razza è paragonabile a un buco nero!!!!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi