Morto Francesco Saverio Borrelli, addio al capo del pool Mani Pulite

www.huffingtonpost.it
20/07/2019

Morto Francesco Saverio Borrelli,

addio al capo del pool Mani Pulite

Aveva 89 anni. È stato protagonista di un capitolo della storia italiana
È morto a Milano Francesco Saverio Borrelli, ex capo del pool Mani Pulite ai tempi in cui era procuratore della Repubblica ed ex procuratore generale di Milano. Protagonista di un capitolo della storia d’Italia, ha indossato la toga per 47 anni.
Borrelli era nato a Napoli il 12 aprile 1930 ed è morto all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove era ricoverato da un circa un paio di settimane. Aveva 89 anni. Lascia la moglie Maria Laura, i figli Andrea e Federica e quattro nipoti.
Non era solo l’uomo del “resistere, resistere, resistere” contro lo sgretolamento e il naufragio della coscienza civica e del senso del diritto, ma era anche colui che sulle orme del suo “maestro” Piero Calamandrei era convinto che al magistrato spettasse il ruolo di “scudo della legalità”. Ruolo cui lui ha creduto sempre e che ha sempre perseguito con rigore in tutta la sua carriera.
 “Ai guasti di un pericoloso sgretolamento della volontà generale, al naufragio della coscienza civica nella perdita del senso del diritto, ultimo estremo baluardo della questione morale è dovere della collettività ‘resistere, resistere, resistere’ come su un’irrinunciabile linea del Piave”
(Francesco Saverio Borrelli, 12 gennaio 2002)
Con la sua scomparsa, Francesco Saverio Borrelli lascia un grande vuoto nella magistratura italiana. Vuoto che si aggiunge a un profondo dolore per la perdita di chi per quasi mezzo secolo è stato uno dei protagonisti della storia giudiziaria, e non solo, del nostro paese e che non si è risparmiato, scendendo in trincea, per difendere le toghe, i suoi pm, e la loro indipendenza. Con lui, commentano ora in molti, se ne va un punto fermo per chi è ‘cresciuto’ seguendo i suoi insegnamenti poi ereditati dalle nuove leve. Una figura che “ha incarnato l’essenza del magistrato”, cioè di chi si è messo a disposizione dello Stato e della collettività facendo della ricerca della verità un vessillo. A ciò va aggiunto un bagaglio culturale notevole dove, accanto ad arte, letteratura, storia e anche attualità, c’era la musica e poi il piacere di andare a cavallo, in bicicletta e a sciare. Suonava il pianoforte e fino a quando ha potuto, sia che fosse la Sala Verdi del Conservatorio, sia il teatro alla Scala o qualche altro palcoscenico, è stato attento estimatore sia degli autori classici, Wagner primo fra tutti, sia dei contemporanei.
Nato a Napoli il 12 aprile 1930, il nonno, il padre Manlio e pure il figlio Andrea magistrati, Borrelli apprezzato da molti ma anche criticato da una certa parte della politica, nel ’52 a Firenze, dove ha studiato al conservatorio, si è laureato in legge a 22 anni con una tesi su ‘Sentimento e sentenza’ discussa davanti a Calamandrei. Tre anni dopo la toga e poi i primi passi come giudice civile a Milano, nel palazzo dove il padre era già la più alta carica e dove ha lavorato per 46 anni al netto della parentesi di un anno a Bergamo.
Passato al penale ha presieduto sezioni di tribunale e di Corte d’Assise, giudicando anche le Brigate Rosse. La prima condanna che ha letto in aula risale al 1976: dieci anni ad un rapinatore. Negli anni Sessanta è stato tra i fondatori della corrente di Magistratura Democratica. Per molti anni procuratore aggiunto, il 17 marzo 1988 è succeduto a Mauro Gresti alla guida della Procura della Repubblica.
È diventato noto soprattutto con l’inizio di Mani Pulite, la maxi-inchiesta che ha coordinato con il vice Gerardo D’Ambrosio, un collega ed amico scomparso il 30 marzo 2014, con il quale, peraltro si è talvolta trovato in disaccordo sui temi di politica giudiziaria. Con un gruppo di magistrati, il cosiddetto ‘pool’ composto da Di Pietro, Davigo, Colombo, Greco e Ilda Boccassini il tentativo è stato colpire la corruzione infiltrata nei rapporti tra mondo politico e imprenditoriale.
Dal 1999 al 2002 è stato Procuratore Generale, difendendo con fermezza il principio costituzionale della indipendenza della magistratura. Qualche giorno prima di congedarsi, nel corso di una cerimonia organizzata nel grande atrio del Palagiustizia, visibilmente commosso, tra una pioggia di applausi e strette di mano, ha salutato tutti con un triplice “grazie” con una precisazione, però: “quando le parole sono importanti io sono solito ripeterle per tre volte”, aveva detto lasciando sottintendere il riferimento a quel “resistere, resistere, resistere” pronunciato all’inaugurazione dell’anno giudiziario precedente e che fece scalpore e accese dure polemiche. Quel giorno aveva assicurato che non sarebbe stato “il classico pensionato che col cagnolino al guinzaglio”. Infatti nel maggio del 2006, con Calciopoli, lui, che mai si era appassionato per il calcio, venne nominato capo dell’ufficio indagini della FIGC (Federazione italiana gioco calcio), incarico lasciato nel 2007.
Dopo essere stato alla guida del Conservatorio, nel 2012 è stato insignito del titolo di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Prima di ritirarsi a vita privata nel 2011, in una intervista chiese “scusa per il disastro seguito a Mani Pulite. Non valeva la pena buttare all’aria il mondo precedente per cascare poi in quello attuale”. Con lui scompare una figura di magistrato, come è stato descritto, rigoroso e integerrimo, e di un padre, come ha ricordato la figlia Federica in una lettera di commiato, che ha “saputo dare” e che non ha “mai smesso di trasmettere tutto ciò che per te valeva la pena di trasmettere”.
LEGGERE ANCHE
“Era un capo che sapeva proteggere i suoi”. Greco e gli altri superstiti di Mani Pulite ricordano Borrelli

 

4 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    La giustizia non è, o almeno non dovrebbe essere, una forma di vendetta.

  2. Giuseppe ha detto:

    Credo che chiedendo scusa per il disastro provocato da “mani pulite” Borrelli abbia dato la misura della sua statura morale e professionale. Ho sempre pensato che l’inchiesta sulla corruzione dei politici della cosiddetta “prima repubblica”, pur partendo da presupposti sacrosanti, sia poi stata snaturata da invidui senza scrupoli che, pur di ottenere un quarto d’ora di celebrità iscrivendo il proprio nome sui libri di storia, non hanno esitato a strumentalizzarla per fini personali. Se non ci fosse stato il clamoroso accanimento mediatico che andava oltre le carte giudiziarie, probabilmente, se non altro, oggi avremmo potuto godere di una situazione politica di ben altro spessore. L’uomo per sua natura è fragile e, a volte, non ce la fa a resistere alle tentazioni, ma guai a colui che ne approfitta per sputtanarlo davanti al consesso civile. La giustizia non è, o almeno dovrebbe essere, una forma di vendetta.

  3. Annamaria Rossi Bufo ha detto:

    Ci mancherà. Abbiamo tanto bisogno di Persone come lui.

  4. Annamaria Rossi Bufo ha detto:

    Ci mancherà. Abbiamo bisogno di Persone come lui. Tanto bisogno.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi