Omelie 2020 di don Giorgio: QUARTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

20 settembre 2020: QUARTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
Is 63,19b-64,10; Eb 9,1-12; Gv 6,24-35
Davanti a una pagina della Bibbia come quella del primo brano della Messa di oggi, non possiamo non provare forti emozioni, per quel rincorrersi di immagini che non finiscono mai di stupire, proprio per la loro capacità di farci riflettere.
Basterebbe una sola immagine, e qualcosa di nuovo potrebbe aprirsi davanti al nostro pensiero.
Lo squarcio dei cieli
Partiamo dalla prima immagine, quella dei cieli che si squarciano, per lasciare che il Signore scenda sulla terra. La potenza dell’immagine sta proprio nello squarcio di un cielo che sembra chiuso, quasi a separare l’umanità dall’Essere supremo.
Quando pensiamo ai cieli solitamente pensiamo a qualcosa di straordinariamente affascinante, ed ecco che l’immagine usata dal profeta diventa sconvolgente: ciò che è affascinante si deve quasi rompere, addirittura squarciarsi perché il Signore onnipotente si offra a noi, scendendo sulla terra.
A parte l’uso che ne ha fatto la Liturgia per il periodo d’Avvento in attesa del Natale, qui si va oltre, proprio perché non si tratta solo di un evento, ovvero della incarnazione del Figlio di Dio. Il Natale diventa una presenza talmente mistica che non è da limitare ad una data storica, ma è quel desiderio o, meglio, è una esigenza reale e profonda da parte dell’essere umano di un Dio che non sia quasi protetto nella sua Infinità da cieli chiusi.
Ma se i cieli sembrano chiusi è perché siamo noi,creature, ad avere allontanato Dio al di sopra dei cieli. E i cieli sono talmente chiusi che non basta aprirli, ma devono essere squarciati, quasi che Dio faccia un gesto di violenza. Ed è sempre così quando l’uomo arriva a proteggersi dall’Essere supremo con una ostinazione tale da sembrare una sfida.
L’immagine dello squarcio dei cieli richiama non solo il potere dell’uomo di segregare Dio lontano da lui, ma di avere la presunzione di trasformare la stessa creazione in un ostacolo come se Dio, creando, si fosse tirata la zappa sui piedi.
I cieli, invece che invitarci a pensare all’Immenso divino, sono diventati una prigione di Dio, relegato lassù, oltre il firmamento.
E basta uno squarcio nel cielo perché tutto sulla terra sussulti. Lo dice il profeta: “Davanti a te sussulterebbero i monti, come il fuoco incendia le stoppie e fa bollire l’acqua, perché si conosca il tuo nome fra i tuoi nemici, e le genti tremino davanti a te».
Dunque, all’immagine dello squarcio dei cieli, si aggiungono altre immagini, quella dei monti che sussultano, del fuoco che brucia le scorie e dell’acqua che si surriscalda. E tutto questo per farci capire che cosa? Ovvero, all’invocazione dell’uomo perché il Signore squarci i cieli perché scenda a sterminare i nemici, Lui, l’Onnipotente, come risponderà? Se la chiusura dei cieli rappresenta l’ottusità umana, come tenere chiusi i nostri occhi, altri cieli, per non vedere che il male non sta solo da una parte, ma che alberga in ognuno di noi? Già il fatto che siamo fuori di noi, abbiamo creato come una barriera tra il nostro essere e il mondo carnale di un vivere sociale che non basta dire che è alienato. C’è qualcosa di più, perché ci sono alieni che non sanno di essere fuori luogo, ma ci sono alieni a cui piace stare fuori posto.
E allora lo squarcio che Dio farà riguarderà quella chiusura che noi esseri umani abbiamo costruito tra il nostro essere, dove inabita lo Spirito, e la parte carnale. E allora i monti sussulteranno non di gioia, ma crolleranno, il fuoco dello Spirito brucerà la paglia che è quell’insieme di cose inutili che pesano sul nostro essere interiore, l’acqua prenderà la sua energia vitale nella grazia divina.
Perché il Signore è adirato
Il profeta presenta Dio come se fosse adirato, proprio perché, scendendo sulla terra dopo aver squarciato i cieli (possiamo vedervi un certo atto di violenza), fa crollare i monti, incendia la paglia e fa bollire l’acqua.
Pensare l’Onnipotente come colui che perdona, lasciando il peccato, non è da profeta di Dio, e il profeta, lo dice la parola “pro-feta”, non è tanto colui che vede in anticipo gli eventi futuri (una concezione del profeta da correggere, perché è del tutto sbagliata), ma è colui che parla oggi in nome di Dio, il quale naturalmente, pur essendo padrone del tempo e della storia, non si diverte a pre-vedere il futuro, magari attraverso apparizioni di madonne o di santi che fanno rivelazioni future catastrofiche. Questo fa parte di una religione che vuole incutere terrore per tenere soggiogate le anime a se stessa.
Il profeta, parlando in nome di Dio, e Dio si fa sentire in ogni essere umano (ognuno di noi è profeta), vuole farci capire qualcosa del Mistero divino, che ci educa (attenzione al verbo “educare”) a riscoprire in noi stessi qual è la sorgente del male, che è “il peccato”, che dà origine ai vari peccati. Anche il Vangelo lo dice: Cristo è venuto per farci capire dove sta il peccato, e non per inventare un sacramento che è la remissione dei peccati. A che servirebbe perdonare i peccati, se poi rimane la sorgente del male, che ci porta a peccare.
Il peccato è quell’”amor sui”, come dicevano gli antichi Mistici medievali, che è la fonte di ogni male: l’”amor sui” è l’amore per tutto ciò che occupa lo spazio del nostro essere, per cui lo Spirito non può entrarvi. L’”amor sui” è appropriazione di qualcosa per il proprio ego.
Se noi non capiamo dove sta l’origine del male, ovvero del peccato, non potremo mai purificare il nostro spirito, e ci accontenteremo di chiedere a Dio il perdono, con una confessione sacramentaria che è solo un alibi, un’apparenza, perché l’”amor sui” resta intatto, anche se i peccati che confessiamo vengono perdonati.
Il profeta è esplicito quando scrive: «Ecco, tu sei adirato perché abbiamo peccato contro di te da lungo tempo e siamo stati ribelli. Siamo divenuti tutti come una cosa impura, e come panno immondo sono tutti i nostri atti di giustizia; tutti siamo avvizziti come foglie, le nostre iniquità ci hanno portato via come il vento».
E si ricorre ad altre immagini: il panno sporco, le foglie avvizzite, il vento. E la domanda torna: dove sta il male, per cui siamo come panni sporchi, foglie avvizzite in balìa del vento?
Finché rimaniamo all’esterno del nostro essere, vedremo solo le nostre debolezze, e ci aggrapperemo a qualche santo del cielo o a qualche mezzo di purificazione per lavarci la faccia. E l’”amor sui” rimane intatto, e così continueremo a fare lavande gastriche, continuando a bere acqua inquinata.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi