Gregoretti, le grottesche giravolte di Matteo Salvini (e non solo) spiegate una per una

da L’Espresso

Gregoretti,

le grottesche giravolte di Matteo Salvini

(e non solo) spiegate una per una

Domande e risposte per dipanare una vicenda in cui ogni partito ha pensato solo al consenso. E l’ex ministro ha finto di rinunciare ai suoi priivilegi perché sa di non rischiare dal punto di vista giudiziario, ma di poter far bingo da quello politico
di ALESSANDRO GILIOLI
21 gennaio 2020
Domande e risposte per dipanare il surreale caso Salvini-Gregoretti: una cosa che nemmeno Pirandello e Buñuel insieme sarebbero riusciti a scrivere con una sceneggiatura così.
Che cosa è successo ieri al Senato?
Il presidente della Giunta per le immunità, Maurizio Gasparri (Forza Italia) ha proposto di «deliberare il diniego dell’autorizzazione a procedere nei confronti del senatore Matteo Salvini», accusato dal Tribunale dei ministri di Catania di sequestro di persona in relazione al divieto di attracco imposto alla nave militare italiana “Gregoretti” con 116 migranti a bordo, nel luglio scorso. Hanno votato a favore della proposta Gasparri i senatori di Forza Italia e di Fratelli d’Italia. Hanno votato contro (cioè per concedere l’autorizzazione a procedere) i cinque leghisti, su indicazione dello stesso Salvini. Risultato: 5 a 5, perché gli altri 13 senatori della giunta (Pd, M5S, Leu, Svp, Misto) non si sono presentati. Con il pareggio, per regolamento la proposta del Presidente della Giunta viene bocciata, quindi c’è stata la prima autorizzazione a procedere. Fra un mese si andrà al passaggio successivo, cioè si voterà sulla stessa in Aula, con tutti i senatori. Al contrario del voto della giunta, quello dell’Aula sarà decisivo per mandare o no Salvini a processo davanti al Tribunale dei ministri di Catania.
Ma perché la Lega ha votato per far processare Salvini?
Perché mancano cinque giorni alle elezioni in Emilia Romagna – quelle che Salvini definisce “un referendum” tra lui e il Pd, e per le quali lo stesso capo leghista sta battendo da oltre un mese palmo a palmo il territorio. Salvini è convinto che se vincesse lì cadrebbero sia Zingaretti sia Di Maio, insomma tutto il governo. La diffusione dei sondaggi è vietata in questi giorni, ma si dice che la partita sia aperta e quindi Salvini pensa di sfruttare elettoralmente questa «persecuzione giudiziaria» per spostare l’ago della bilancia a suo favore (ieri si è perfino paragonato a Silvio Pellico). Quando ci fu il caso della nave “Diciotti”, invece, Salvini si avvalse del voto dei suoi (insieme a quelli di tutto il centrodestra e del M5S, allora alleato di governo) e ottenne l’immunità. Era il 19 febbraio 2019 e allora finì 16 a 6; votarono per togliergli l’immunità solo Pd, Pietro Grasso (Leu) e Gregorio De Falco, da poco uscito dal M5S.
Quindi il M5s ha cambiato idea, in un anno?
«Ovviamente loro dicono di no, cioè sostengono che il caso della nave “Diciotti” sarebbe diverso da quello della nave “Gregoretti”, e che nel primo la decisione di non far sbarcare i migranti per giorni fosse condivisa da tutto il governo mentre nel secondo Salvini avrebbe fatto da solo, senza coordinarsi con il premier Conte e con l’altro vicepremier Di Maio. Una tesi abbastanza debole, perché tutta Italia sapeva che cosa stava facendo Salvini e all’epoca non ci furono opposizioni al suo comportamento né da parte di Conte né da parte del M5S. Curioso è tra l’altro che allora il grillino Mario Giarrusso nel difendere Salvini in giunta arrivò a schernire quelli del Pd con il gesto delle manette, come a dire che loro erano manettari. Ieri invece Giarrusso è uscito dall’aula proprio insieme a quelli del Pd e di Leu.
Ma è “l’unico cambiamento di idea” in questa vicenda?
No. Nel caso della nave “Diciotti”, Salvini era partito dicendo di volersi fare processare, poi invece si è avvalso dell’immunità. Questa volta è avvenuto il contrario esatto: all’inizio chiedeva lo scudo del Senato, poi con un colpo di mano mediatico improvviso ha chiesto l’autorizzazione a procedere per se stesso, invitando il tribunale di Catania a «trovare un’aula molto grande» perché con lui «verrebbe processato il 90 per cento degli italiani che vogliono i porti chiusi».
E il Pd si è contraddetto anche lui?
Tecnicamente sì, perché un anno fa ha votato per l’autorizzazione a procedere, questa volta si è defilato non presentandosi al voto. Anche se era allora ed è anche adesso favorevole a far processare Salvini.
Perché allora ieri non si è presentato?
Perché se avesse votato sì all’autorizzazione a procedere, avrebbe prestato il fianco alla strategia “vittimista” di Salvini; se avesse votato no, avrebbe clamorosamente salvato Salvini, quindi si sarebbe coperto di grottesco di fronte ai suoi elettori, insomma era impensabile. Sicché, per uscirne, quelli del Pd e di Leu non si sono presentati, insieme a quelli del M5S.
Qualcuno che si è comportato in modo coerente in questa vicenda c’è?
Beh, tecnicamente sì: Forza Italia e Fratelli d’Italia in entrambi i casi sono stati contrari all’autorizzazione a procedere. Anche se può apparire surreale che Fi e Fdi per proteggere Salvini ieri abbiano votato in modo opposto a quello che chiedeva Salvini stesso. Ma qui entra in gioco la concorrenza interna al centrodestra: né Berlusconi né Meloni (specie quest’ultima, in grande crescita) vogliono stare al gioco della mitizzazione-vittimizzazione di Salvini.
In sostanza, ogni partito ha votato solo pensando al consenso elettorale?
Esatto. L’intera gestione politica della richiesta di autorizzazione a procedere, da parte di tutti i partiti, ha ignorato gli atti dei giudici, i contenuti giudiziari: è stato trasversalmente e unanimemente un puro calcolo di vantaggio o di minor danno in termini di consenso elettorale.
Salvini rischia veramente il carcere?
Ma no. Lo spiega bene oggi Giovanni Bianconi sul Corriere della Sera. Se anche l’Aula del Senato lo mandasse a processo, inizierebbe una corsa a ostacoli intricatissima e tra l’altro sarebbe la procura ordinaria di Catania a dover riproporre il capo di imputazione formulato dal Tribunale dei ministri: peccato che la procura di Catania si sia già pronunciata sul caso della nave “Gregoretti” dicendo che non sussistono gli estremi del sequestro di persona. Insomma in termini giudiziari Salvini rischia pochissimo. Al contrario, se non gli avessero dato lo scudo dell’immunità al tempo della nave “Diciotti” avrebbe rischiato di più, perché su quel caso la procura di Catania disse invece che gli estremi del sequestro di persona c’erano. Questo potrebbe spiegare anche perché nella vicenda “Diciotti” Salvini si è avvalso dell’immunità e questa volta invece vuole farsi processare. A parte il fatto, come si diceva, che questa volta il caso scoppia a ridosso delle elezioni emiliane su cui Salvini conta moltissimo per far cadere il governo.
E intanto, che cosa è stato dei migranti sbarcati dalla nave “Gregoretti”?
Nessuno è rimasto in Italia: tutti ricollocati, in gran parte in Germania. Il che (almeno ex post) rende un po’ eccentrica la tesi di Salvini secondo la quale lui chiudeva i porti «per difendere i nostri confini». Tra l’altro, da quando Salvini non è più ministro dell’Interno, i ricollocamenti degli immigrati dall’Italia ad altri Paesi Ue sono quintuplicati. Quando era al Viminale, Salvini saltò sei vertici dei ministri dell’Interno europei su sette in tema di gestione dei flussi migratori. Da europarlamentare, non ha mai presentato alle 22 riunioni per riformare il trattato di Dublino, come gli ha ricordato giusto ieri vis-à-vis Elly Schlein, senza ottenere alcuna risposta.
Guarda il video

1 Commento

  1. lanfranco consonni ha detto:

    Non condivido assolutamente la posizione di PD e delgi altri partiti di centro sinistra. Dovevano presentarsi in commissione e votare contro la mozione di Gasparri, votare cioè per processare Salvini. Non avrebbero perso nessun voto, come non ne hanno guadagnati restando fuoti. Anzi …..
    A furia di tentare di giocare sul campo degli ignoranti si perde la capacità di ragionare.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi